Dopo una prima giornata memorabile, l’Italia si tuffa nel day 2 con l’obiettivo di passaggio del turno per tutti e cinque i ragazzi impegnati nelle batterie.

Vediamo come è andata nel nostro recap.

4×50 mista mixed

Si parte con una delle staffette più rappresentative della corta, dove gli USA con Casas, Andrew, Douglas e Walsh guadagnano la finale col miglior tempo, davanti a Germania e Brasile. L’Italia è sesta e si giocherà un ruolo da protagonista: Mora 23.17, Cerasuolo 26.46, Di Pietro 24.99 e Cocconcelli 24.29 centrano l’obiettivo qualificazione. 


800 stile libero donne (batterie lente)

In attesa della prima batteria del pomeriggio, quando Lani Pallister tenterà di bissare l’oro conquistato ieri nei 400, il miglior tempo è della brasiliana Roncatto, 8.25.45, un centesimo meglio della giapponese Moriyama.


100 stile libero donne

Tutte davanti le migliori, che non si nascondono ed arrivano a ridosso dei 52 secondi già in mattinata. La migliore è Siobhan Haughey, 52.04, seguita da Emma McKeon e Marrit Steenbergen. Ultimo tempo utile per l’ingresso in semi della brasiliana Stephanie Balduccini, 52.32; nessuna italiana al via. 


100 stile libero uomini

Nella gara regina al maschile guida le batteria a sorpresa Jordan Crooks, rappresentante delle Cayman che studia e si allena negli USA, con il tempo di 45.61, davanti a Maxime Grousset e Kyle Chalmers, tutti sotto i 46 secondi. Quarto David Popovici, seguito da Alessandro Miressi (46.22), Hwang Sunwoo e Thomas Ceccon (46.41). Sedicesimo crono per un altro nome esotico, Mikel Schreuders (47.03), di Aruba. Fuori a sorpresa entrambi gli americani, Drew Kibler e Hunter Armstrong.


100 rana donne

A guidare le fila delle batterie è Ruta Meilutyte, 1.03.81, che precede la sudafricana van Niekerk e la statunitense Lilly King. Benedetta Pilato, in condizioni di forma non ottimali, passa comunque il turno con il sedicesimo tempo, 1.05.21, sette decimi meglio dell’ultimo crono valido per la semi, 1.05.28 di Ida Hulkko. 


100 rana uomini

Esordio molto positivo al Mondiale per Nicolò Martinenghi, che nelle batterie si impone su tutti con il tempo di 56.60, stimolato dal confronto in batteria con Adam Peaty (56.81). Nono tempo e qualificazione per le semi per l’altro azzurro, Simone Cerasuolo, che chiude in 57.24. Il ceco Kabojnik chiude il computo dei semifinalisti con 57.87, mentre è solo 25° ed escluso dalle semifinali Michael Andrew.


4×200 stile libero donne

Si chiude con la staffetta meno da vasca corta, la 4×200 stile, nella quale non è iscritta la formazione italiana. Sono gli USA a totalizzare il miglior tempo davanti ad Australia e Olanda. In finale anche Cina, Canada, Brasile, Giappone e Nuova Zelanda.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

Foto: Fabio Cetti | Corsia4