Si parte con la prima sessione di batterie dei Campionati Europei di vasca corta in programma fino a domenica 10 dicembre presso l’Aquatics Complex di Otopeni (Romania).

Vediamo com’è andata in questa mattina nel nostro consueto recap.

400 misti femmine

L’europeo di Otopeni parte con un ritmo abbastanza soporifero nei 400 misti donne, tranne per le tre inglesi che devono battagliere già dal mattino per prendersi i due posti disponibili per la finale. La spuntano Freya Colbert (4.29.68) e Abbie Wood (4.29.73) ai danni di Katie Shanahan, esclusa per 61 centesimi. Non brillantissimo l’esordio di Alessia Polieri, tredicesima in 4.42.45: per la finale ci voleva un abbordabile 4.39.25. 

FINALE: Colbert (GBR), Wood (GBR), Walshe (IRL), Grangeon (FRA), Jakabos (HUN), Crevar (SRB), Kasvio (FIN), Nystrand (SWE) 


400 stile maschi

Il livello delle batterie resta mediocre anche nei 400 stile maschi, che però sorridono di più ai colori italiani. Il migliore del mattino è Danas Rapsys in 3.39.19, mentre Matteo Ciampi è quarto con un agile 3.39.69 e Marco De Tullio brucia sul finale Tom Dean e agguanta l’ottavo ed ultimo posto con 3.30.41. Luca De Tullio è 13° in 3.41.49.

FINALE: Rapsys (LTU), Auboeck (AUT), Wiffen (IRL), Ciampi (ITA), Henveaux (BEL), Djakovic (SUI), Johansson SWE), De Tullio (ITA)

50 stile libero femmine

L’acqua si scalda con la prova più veloce al femminile, che vede Michellle Coleman già in testa alle graduatorie con l’unico crono sotto i 24 secondi (23.74). Le azzurre al via sono tre (rinuncia Jasmine Nocentini, influenzata), la migliore è un’inarrestabile Silvia Di Pietro, che totalizza l’ottavo crono con un buon 24.22. Le due più giovani Sara Curtis e Chiara Tarantino sono divise solo da 9 centesimi, che favoriscono la prima (24.50) ed eliminano la seconda. Ultimo tempo utile per la semifinale è 24.65.

SEMI: Coleman (SWE), Jensen (DEN), Gastaldello (FRA), Janickova (CZE), Hopkin (GBR), Kohler (GER), Klancar (SLO), Di Pietro (ITA), Van Roon (NED), Felsner (GER), Hill (IRL), Senanszky (HUN), Curtis (ITA), Junevik (SWE), Pavalic (CRO), Antoniou (CYP)


50 dorso maschi

Un ‘altra gara che in vasca corta esprime grande spettacolo, le batterie sono vinte da Mewen Tomac in 23.16. Lorenzo Mora è l’unico italiano in gara e si piazza all’ottavo posto, con un 23.58 buono per prendere confidenza con la vasca. Ultimo crono utile per il passaggio del turno è di Joao Costa, 23.96.

SEMI: Tomac (FRA), Braunschweig (GER), Tribuntsov (EST), Popescu (ROU), Angeht (ROU), Ryan (IRL), Knedla (CZE), Mora (ITA), Chrisou (GRE), Morgan (GBR), Bollin (SUI), Adam (GBR), Lie (NOR), Lopes (POR), Brannkarr (FIN), Hasibovic (BIH)

Fatti di nuoto Weekly: cavare il sangue dalle rape

Piccola e impopolare riflessione sul nuoto contemporaneo di Fatti di nuoto Weekly.  Nello scrivere settimanalmente di nuoto, per questa rubrica e non solo, passo due terzi dell’anno a cercare le notizie più nascoste, le curiosità, gli anniversari, le piccole...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Australiani

Anteprima dei Giochi dalla terra dei canguri! A cosa abbiamo assistito in questi sei giorni australiani? Livello fuori dal comune quello visto a Brisbane, pari ormai a quello che possiamo trovare nei Trials USA, che fanno dell’Australia la seconda potenzia mondiale...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

100 rana femmine

Sono quattro le azzurre al via, quindi c’è da andare forte già dal mattino per accedere alle semifinali. Lo sanno bene Benedetta Pilato e Martina Carraro, che nella loro batteria arrivano appaiate (1.05.21 e 1.05.26) e rendono difficile la vita a Francesca Fangio, sesto tempo ma fuori in 1.05.60 e Anita Bottazzo, sedicesima in 1.06.22. La migliore è Eneli Jefimova, 1.04.28, ultimo tempo per l’accesso al turno pomeridiano è 1.06.48.

SEMI: Jefimova (EST), Schouten (NED), Hansson (SWE), Pilato (ITA), Carraro (ITA), Petrova (BUL), Rybak-Andersen (DEN), Romanjuk (EST), Thormalm (SWE), Hanlon (GBR), Podmanikova (SVK), Clark (GBR), Slyngstadli (NOR), Vove (SLO), Blomsterberg (DEN), Torska (CZE)


100 farfalla maschi

Con il tempo di 49.19 Noè Ponti è l’unico a scaldarsi già di mattina, mentre gli altri delfinisti viaggiano con tempi più vicini ai 50 secondi. La sfida interna tra azzurri vede Matteo Rivolta migliore dei nostri, 50.57, e Michele Busa subito dietro, 50.88, mentre è fuori Christian Ferraro, dodicesimo in 51.36. Ci si qualifica alla semifinale con un modesto 52.08.

SEMI: Ponti (SUI), Grousset (FRA), Peters (GBR), Guy (GBR), Gracik (CZE), Rivolta (ITA), Busa (ITA), Zaitsev (EST), Miljenic (CRO), McCusker (IRL), Ribeiro (POR), Klenz (GER), Edl (AUT), Hoff (SWE), Ahtiainen (EST), Marton (HUN)

4×50 stile libero femmine

Si passa alla prima staffetta veloce ed è qualificazione facile per l’Italia, secondo tempo in 1.37.08 dietro solo alla Gran Bretagna. In acqua da subito le quattro titolari: Curtis 24.64, Cocconcelli 24.23, Di Pietro 23.84, Tarantino 24.37.

FINALE: GBR, ITA, SWE, DEN, SVK, NED, HUN, FIN


​4×50 stile libero maschi

Anche per i maschi è qualifica tranquilla, 1.24.16 e secondo tempo sempre dietro la Gran Bretagna. I parziali dei nostri quattro: Izzo 21.44, Miressi 20.96, Zazzeri 20.83, Deplano 20.93.

FINALE: GBR, ITA, GRE, NED, HUN, ROU, FIN, EST


800 stile libero femmine

Le batterie degli 800 donne sono poco più che una formalità, visto che le atlete iscritte sono solo undici, spalmate in due batterie abbastanza soporifere. La migliore è la russa naturalizzata francese Anastasia Kirpichnikova, che nella seconda batteria chiude in 8.14.37 davanti all’ungherese Kesely. Simona Quadarella ha nuotato un buon riscaldamento nella batteria precedente, vincendola in 8.21.45 (secondo tempo).

FINALE: Kirpichnikova (FRA), Quadarella (ITA), Kesely (HUN), Fluck (HUN), Palmer (BEL), Ada (FIN), Stiger (ROU), Dumont (BEL)

Foto: Fabio Cetti | Corsia4