Siamo al penultimo giorno dei Campionati Europei e nella vasca di Otopeni vanno in scena le ultime possibilità di guadagnarsi la semifinale. Pronti per il nostro recap?

50 rana maschi

L’acqua diventa subito bianca nelle batterie dei 50 rana uomini, dove per una volta sono gli italiani a doversi giocare i due posti validi per la semifinale. Il migliore di tutti è Nicolò Martinenghi, che vola già a 26.04 mettendosi in testa alla classifica provvisoria davanti al detentore del world record Emre Sakci. Quarta piazza per Simone Cerasuolo, 26.43, mentre esce di scena con l’ottavo crono Federico Poggio, 26.77. 

SEMI; Martinenghi (ITA), Sakci (TUR), Corbeau (NED), Cerasuolo (ITA), De Groot (NED), Goodburn (GBR), Reitshammet (AUT), Ruohoniemi (FIN), Zivanovic (SRB), Lia Nas (NOR), Lindholm FIN), Sidlauskas (NOR), Einarsson (ISL), Haarsaker (NOR), Butler (GBR), Ogretir (GBR)


200 stile libero femmine

Nei 200 stile donne si ritorna subito al copione standard, con le tre inglesi che si devono dar battaglia per guadagnare i due posti in semifinale. A passare sono le due Freya, Anderson con il miglior crono (1.53.72), Colbert con il terzo, 1.54.89. Tra di loro la ceca Barbora Seemanova (1.54.57) mentre è fuori con il quarto tempo Lucy Hope. Le italiane sono entrambe qualificate: Giulia D‘Innocenzo fa il sesto crono con 1.55.70 (p.b.), mentre Sofia Morini è decima in 1.56.33.

SEMI: Anderson (GBR), Seemanova (CZE), Colbert (GBR), Padar (HUN), D’Innocenzo (ITA), Dumont (BEL), Segel (SLO), Schulze (GER), Morini (ITA), Werner (GER), Tessariol (FRA), Patterson (IRL), Fain (SLO), Jorunnardottir (ISL), Martins (POR), Bro (DEN)

200 dorso maschi

Britannici in testa anche nei 200 dorso maschi, con Luke Greenbank che sembra una spanna sopra tutti sia per crono (1.49.79), che per nuotata. Secondo è il suo connazionale Brooker, terzo il tedesco Braunschweig. Passaggio del turno tranquillo per Lorenzo Mora, che nuota il dodicesimo tempo in 1.54.01. 

SEMI: Greenbank (GBR), Brooker (GBR), Braunschweig (GER), Siskos (GRE), Tomac (FRA), Törnqvist (SWE), Ndoye:brouard (FRA), Lopes (POR), Levterov (BUL), Mora (ITA), Shortt (IRL), Grigaitis (LTU), Lie (NOR), Zheltiakov (UKR), Jaszo (HUN), Popescu (ROM)


50 rana femmine

Si ritorna alla rana e ritorna anche la sfida interna tra italiane per il passaggio al turno pomeridiano. Benedetta Pilato mette subito le cose in chiaro e nuota un poderoso 29.21, meglio anche della vincitrice dei 100 Efeli Jefimova (29.46) e dell’inglese Imogen Clark (29.50). Quarto tempo per l’esordiente Jasmine Nocentini, che nuota la prima gara individuale del suo Europeo e si qualifica per la semifinale con un bel 29.63. Fuori dai giochi quindi Anita Bottazzo (30.15) e Martina Carraro (30.28). 

SEMI: Pilato (ITA), Jefimova (EST), Clark (GBR), Nocentini (ITA), Kvirinta (FIN), Slingstadli (NOR), Thormalm (SWE), Podmanikov (SVK), Vovk (SLO), Hanlon (GBR), Petkova (BUL), Romanjuk (EST), Klint (SWE), Tabor (DEN), Drasidou (GRE), Metsakonkola (FIN)


100 stile libero maschi

Alessandro Miressi conferma il suo momento di ottima condizione fisica e nuota un già molto interessante 46.49, mettendosi in testa alla classifica provvisoria davanti al padrone di casa, l’attesissimo David Popovici (46.70). Per il secondo slot italiano in semifinale, Leonardo Deplano (47.09) ha la meglio su Lorenzo Zazzeri (47.54). 

SEMI: Miressi (ITA), Popovici (ROU), Whittle (GBR), Richards (GBR), Nemeth (HUN), Ryan (IRL), Grousset (FRA), Deplano (ITA), Ribeiro (POR), Dinu (ROU), Acin (SRB), Dusa (SVK), Niewold (NED), Persson (SWE), Nascimento (POR), McCusker (IRL)

Assoluti 2024 | Elenco iscritti, cosa possiamo aspettarci?

Sono uscite le entry list dei Campionati Assoluti Primaverili, che si svolgeranno allo Stadio del Nuoto di Riccione dal 5 al 9 marzo. Dopo aver provato a immaginare lo scenario e i duelli per i posti Olimpici disponibili, ora possiamo iniziare a ragionare su chi ci...

Fatti di nuoto Weekly: le acque mondiali e le acque della Senna

Nella settimana cuscinetto tra i Mondiali e gli Assoluti dobbiamo dare spazio ad alcune notizie sparse che vengono dal mondo del nuoto e dintorni. Perché Fatti di nuoto Weekly è qui anche per questo, giusto?La Senna A Parigi 2024 si nuoterà nella Senna, forse. Il...

Training Lab, tante strade una sola meta: la Velocità

L’allenamento del nuoto presenta sempre una grande sfida per gli atleti, ma in primo luogo per gli allenatori. Oggigiorno il nuoto mondiale sembra essere uscito veramente dagli schemi comuni del secolo scorso, proprio per la grande varietà di metodologie allenanti che...

Verso gli Assoluti 2024, il punto sui probabili Olimpici del Nuoto

Manca una settimana ai Campionati Assoluti Primaverili di Riccione, tappa fondamentale per l’avvicinamento del team italiano all’appuntamento Olimpico di Parigi 2024, ed è quindi arrivato il momento di fare un pò di chiarezza.Nel complicato intricarsi di regole,...

SwimStats, il Mondiale di Doha 2024 in 10 punti

Ultimo approfondimento Mondiale con 10 numeri da ricordare direttamente da Doha 2024.Gli atleti italiani qualificati per Parigi Se Doha doveva essere una prova generale, allora direi che è andata bene. L’Italia ne esce con diverse certezze, una su tutte la...

Speciale Master, Coopernuoto trionfa ai Regionali Emilia Romagna 2024

Archiviati i Campionati Regionali Emilia Romagna che si sono svolti domenica 11 e 18 febbraio 2024 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione che si conferma uno dei migliori impianti natatori a livello di ospitalità e logistica per le manifestazioni natatorie. Cinque i...

100 misti maschi

Si passa alla gara della vasca corta per eccellenza, dove il greco Andreas Vazaios nuota la miglior prestazione delle batterie in 52.19, davanti al nostro Giovanni Izzo (52.44) e all’austriaco Heiko Gigler. Passaggio del turno semplice per Thomas Ceccon, nono tempo in 53.38; dal pomeriggio le cose si faranno più interessanti. 

SEMI: Vazaios (GRE), Izzo (ITA), Gigler (AUT), Brannkarr (FIN), Ponti (SUI), Knedla (CZE), Klenz (GER), Ceccon (ITA), Litchfield (GBR), Naumenko (UKR), Ahtianen (EST), Nicusan (ROU), Gergely (ROU), Nurmi (FIN), Halas (SVK)


50 farfalla femmine

Ancora la Grecia in testa alla graduatoria, con Anna Ntountounaki (25.36) che precede di 7 centesimi Tessa Giele e di 15 Sara Junevik. In semifinale entrambe le azzurre: sesta Silvia Di Pietro con 25.67, 14esima Costanza Cocconcelli con 26.21.

SEMI: Ntountounaki (GRE), Giele (NED), Junevik (SWE), Hansson (SWE), Beckmann (DEN), Di Pietro (ITA), Nabojcenko (CZE), Kholer (GER), Klantar (SLO), Jensen (DEN), Felsner (GER), Walshe (IRL), Pavalic (CRO); Cocconcelli (ITA), Lahtinen (FIN), Slusna (SVK)

4×50 stile libero mista

Subito sfida al vertice tra Gran Bretagna ed Italia, con gli inglesi che piazzano il primo tempo delle batterie 1.30.61, 4 centesimi meglio degli azzurri e 14 dei francesi. In attesa dei cambi per la finale, ecco i parziali dei nostri: Nocentini  23.85, Deplano 21.25, Izzo 21.40, Curtis 24.15.

FINALE: GBR, ITA, FRA, HUN, NED, FIN,  SVK, SRB


800 stile libero maschi 

Daniel Wiffen è il migliore delle batterie in 7.33.38, davanti a Romanchuk e Auboeck. Qualifica anche per Luca De Tullio, settimo tempo in 7.35.64. 

FINALE: Wiffen D.(IRL), Romanchuk (UKR), Auboeck (AUT), Johansson (SWE), Wiffen N.(IRL), Aubry (FRA), De Tullio (ITA), Markos (GRE)

Foto: Fabio Cetti | Corsia4