In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni.

Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio la tecnica di nuotata e metterla in relazione con la biomeccanica di alcuni distretti muscolari maggiormente sensibili: le spalle.

Qui: Prevalence of Freestyle Biomechanical Errors in Elite Competitive Swimmers – potete trovare la versione integrale dell’articolo che ho scelto di tradurre e semplificare nella speranza di rendere questa puntata utile per cogliere meglio certe problematiche del nostro amato sport. L’analisi è relativa allo stile libero, per il fatto che è la tipologia di nuotata maggiormente adottata, specialmente in allenamento.

La nuotata a stile libero pone uno stress significativo sulla spalla. Una delle principali cause di questi problemi alla spalla è la sindrome da conflitto subacromiale, meglio conosciuta come sindrome da impingement. Si tratta di una patologia che provoca dolore alla spalla, causato dalla compressione del tendine del muscolo sovraspinato durante il movimento di sollevamento e abbassamento del braccio.

Ad oggi, il fattore di rischio principale per le lesioni alla spalla nei nuotatori agonisti è da ricercare maggiormente in un elevato volume di allenamento. In media, i nuotatori di un buon livello si allenano tra 40 e 50 km a settimana. Una percentuale dell’80% di tale volume viene nuotata proprio a stile libero, indipendentemente dalla specialità di nuotata in gara. Questo pone un enorme stress sulla spalla, che si traduce in circa 18000 movimenti rotatori della spalla con innalzamento del braccio nel corso di una settimana di allenamento.

La ricerca attuale sulla biomeccanica del nuoto è limitata nel senso che risulta molto difficile identificare la corretta tecnica di nuotata a stile libero che migliora le prestazioni e riduce il rischio di lesioni alla spalla. Il ciclo di bracciata è tradizionalmente suddiviso in tre fasi distinte: inserimento della mano, trazione-spinta e recupero.

Errori di nuotata durante ciascuna di queste fasi sono stati collegati allo sviluppo di lesioni alla spalla. Tendinopatia sovraspinata indotta dal volume di nuoto con associato l’ispessimento del tendine sovraspinato può essere un fattore di rischio intrinseco per la spalla del nuotatore. Il volume di allenamento è un contributo significativo ai cambiamenti all’interno del tendine sovraspinato e lo sviluppo di potenziali dolori alla spalla. La biomeccanica della nuotata che diminuisce lo spazio subacromiale può aumentare la compressione del tendine sovraspinato e può provocare un ispessimento dello stesso.

La prevalenza di ogni errore biomeccanico potrebbe guidare ricerca di fattori di rischio per il dolore alla spalla nel nuotatore. Comprendere le relazioni tra gli errori di nuotata è molto importante perché ciascuna fase della nuotata a stile libero può influenzare tutte le altre. Pertanto, lo scopo di questo studio era quello di esaminare la prevalenza di una biomeccanica scorretta dello stile libero in un gruppo di nuotatori giovanili e di valutare le relazioni tra gli errori rilevati.

Lo studio è stato compiuto su un gruppo di circa 30 nuotatori di livello giovanile della University of North Carolina. A ciascun nuotatore è stato richiesto di nuotare 50 metri stile libero a un’andatura che andava dal 50% al 75% della velocità massima di gara usando ciascuno la sua tecnica di nuotata più naturale possibile.

Gli errori biomeccanici più comuni rilevati sono stati la caduta del gomito sia durante la fase di trazione-spinta (61,3%) che durante la fase di recupero (53,2%). Gli errori dell’angolo di trasporto della testa con gli occhi in avanti e la posizione errata della mano durante l’inserimento della stessa si sono verificati rispettivamente nel 46,8% e nel 45,2%. Infine, abbiamo trovato basse le percentuali di nuotatori che mostrano un angolo di entrata della mano errato (38,71%) e un pattern di trazione-spinta errato (32,3%).

C’erano associazioni significative tra gli errori della caduta del gomito durante la fase di recupero e un pollice in primo piano nell’angolo di entrata della mano, una caduta del gomito durante la fase di recupero e la posizione di inserimento della mano errata. Tutte le altre associazioni non erano statisticamente significative.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

Gli errori nella bracciata sono potenziali fattori di rischio per il dolore alla spalla in nuotatori agonisti. I nuotatori sono soggetti impingement della spalla per circa il 25% del loro ciclo di bracciata, anche quando si utilizza una biomeccanica adeguata.

Gli errori biomeccanici di un gomito che cade durante la fase di trazione-spinta e anche durante il recupero fase erano più prevalenti. Far cadere il gomito durante la fase di trazione-spinta posiziona i muscoli propulsivi della spalla in una sorta di svantaggio meccanico posizionando la spalla in una posizione ruotata più verso l’esterno. Questo errore può provocare una rotazione esterna della spalla con adduzione orizzontale, posizionando la spalla in un caso di impingement. Durante la fase di recupero sopra l’acqua, il gomito dovrebbe essere tenuto più in alto del polso e dovrebbe evitare una caduta. Un gomito in caduta durante questa fase può orientare l’omero più perpendicolarmente all’acqua, producendo un arco di movimento più corto e diminuendo il tempo trascorso nella posizione di impingement. Questa alterazione della bracciata non è corretta, ma potrebbe essere un tentativo di evitare la posizione di conflitto subacromiale della flessione della spalla e della sua rotazione interna. Questo errore potrebbe essere la conseguenza di dolore e non la causa.

Un gomito che entra prima della mano fa sì che l’acqua eserciti una forza verso l’alto sulla caduta dell’omero, che porta alla traslazione superiore della testa omerale e quindi al conflitto subacromiale. I risultati indicano una relazione tra il gomito caduto durante la fase di recupero e un angolo di entrata con la prima mano del pollice come così come tra un gomito caduto durante il recupero e una posizione di inserimento della mano errata. Questi risultati suggeriscono che a il gomito caduto può portare a una posizione di ingresso non corretta con il gomito che entra prima della mano e infine sottolineano l’importanza di un’adeguata istruzione sulla tecnica di bracciata nel nuoto giovanile.

È fondamentale per gli allenatori riuscire a riconoscere la biomeccanica difettosa nel nuoto a stile libero. Gli errori biomeccanici sono associati tra loro nella sequenza di una serie di cicli di bracciata a stile libero. Una valutazione della tecnica può identificare con largo anticipo una biomeccanica potenzialmente dannosa.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4