Select Page

Autore: andreaciccone

Training Lab, il Quinto Stile del nuoto

Il cambiamento radicale che ha condizionato il nuoto e, più in generale, le discipline natatorie è da ricercare nel rinnovamento che ha subito la tecnica di nuotata. Oggigiorno i punti di vista dai quali si osserva la tecnica sono molteplici. Infatti nel nuoto moderno la competizione è diventata il fulcro principale di tutto l’allenamento ed è partendo da questo presupposto che si costruisce tutta la preparazione del nuotatore. Proprio con il concentrarsi su tutto ciò che riguarda strettamente la gara, il concetto di tecnica è stato reso sempre più ad ampio spettro. Ora la visione è ancora più globale:...

Read More

Training Lab, il ruolo della Coordinazione nello Stile Libero

Il gesto tecnico dello stile libero, nella fattispecie del crawl, è stato da un punto di vista storico il primo fenomeno natatorio a essere stato preso in considerazione come oggetto di studio. Forse proprio perché si tratta della forma di locomozione acquatica più veloce ed efficiente, ha suscitato sin dal principio l’attenzione degli scienziati del nuoto. Già dalla fine degli anni 60, con l’ausilio dei primi sistemi di visione, si è cercato di identificare nel modo più preciso possibile tutti quegli aspetti relativi alla meccanica di nuotata, in tutte le sue forme propulsive. Partendo dalla pura osservazione visiva del...

Read More

Training Lab, la Rana moderna: tecniche a confronto

La rana, nota come nuotata artistica, è prima di tutto uno stile storico. Proprio perché si tratta della nuotata che più di tutti ha caratterizzato la storia del nuoto in ogni sua epoca, e continua tuttora a scrivere pagine di storia che raccontano l’evoluzione continua che sta avendo questo sport. Infatti, la rana è stata protagonista in una serie di punti chiave che, se raccordati, tracciano una perfetta linea di una visione d’insieme del cammino che ha affrontato il nuoto come forma di locomozione acquatica prima e come disciplina agonistica poi. È stata una delle prime tecniche utilizzate sin...

Read More

Training Lab, i segreti dell’ondulazione subacquea

Il punto chiave dal quale sono partiti un po’ tutti gli studi riguardanti la biomeccanica delle discipline natatorie è posto nel fatto che a differenza della propulsione terrestre, basata sull’impiego degli arti inferiori, il nuoto deve la maggior azione propulsiva alla parte superiore del corpo. Tante parole sono state spese sulla posizione della mano del nuotatore e sulle traiettorie da mantenere nei diversi cicli di bracciata. Di sicuro c’è sempre stata consapevolezza nella funzione equilibrante delle gambe, non altrettanto per quel che riguarda il loro apporto propulsivo, che è emerso sin da subito solamente nella rana. Ma come abbiamo...

Read More

EuroSwim 2019 Glasgow | Italia avanti tutta nelle batterie day4

50 Farfalla Uomini Gara subito agguerrita sin dalla prima batteria con prestazioni molto attaccate al muro dei 23″. Miglior tempo per il russo Oleg Kostin in 22″56. Immediatamente alle sue spalle il gigante Florent Manaudou che regola in sicurezza la qualificazione in 22″56. Al terzo posto un sorprendente Uemitcan Gueres dalla Turchia in 22″69. Passano il turno in coppia Thomas Ceccon e Piero Codia con il 13esimo tempo, per entrambi 23″01. Si dicono soddisfatti per il momento, ma entrambi vogliono abbattere il muro dei 23″ questo pomeriggio. Solo 19° Matteo Rivolta con 23″14. 50 Dorso Donne L’Olandese Kira Toussaint...

Read More

Ultimi Tweet