Select Page

Il NUOTO, un gioco da ragazze

Il NUOTO, un gioco da ragazze

Questa è la storia di Elena Saboori, 25 anni, studia Economia e vorrebbe imparare a nuotare.

Beh che ci vuole?

Un po’ di impegno, magari non andrà alle Olimpiadi ma può farcela, sì…

di Elena Rigon

Ah… Aspetta, dimenticavo…

Riformulo: Elena Saboori ha 25 anni, studia Economia e vorrebbe imparare a nuotare per partecipare alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020.

Ah ah ah… impossibile! Non ce la può fare… Invece io scommetto di sì, voglio credere che ce la farà!

Alla presentazione di Elena manca un dettaglio: vive in Afghanistan.

In tutto il paese si contano 30 piscine (circa il numero di impianti che si trova in una provincia italiana di medie dimensioni) e solo una di queste consente l’accesso alle donne.

Per poter competere Elena deve prima imparare a nuotare, ma chi glielo può insegnare?

Le leggi talebane vietano alle donne di praticare sport, non esiste un’insegnante donna che le possa trasmettere i rudimenti.

Niente paura, su YouTube si trova tutto, ci sarà pure un qualche tutorial che spiega come si fa, basterà aprire Google e digitare ‘Aranzulla & crawl‘ no?

EuroSwim2017: Rivolta, Codia e Quadarella. L’oro, l’argento e il bronzo

Pomeriggio intenso e ricco di sorprese il secondo da Copenaghen. Come già anticipato ieri, la città della Sirenetta regala colpi di scene e clamorose debacle: un primo quadrimestre post mondiale in piena regola, in cui tutti i freschi reduci dalla ressegna iridata...

EuroSwim 2017, nelle batterie riscatto di Sabbioni! Pellegrini e Paltrinieri ok

Alba di un nuovo giorno a Copenaghen, dove alle 9.30 puntuali prendono il via le batterie del day 2. La prima giornata di Campionati Europei è stata un successo per l’Italia, con un oro e un argento ma anche due record europei, uno assoluto e uno giovanile. In attesa...

EuroSwim2017, Scozzoli sul tetto d’Europa con record. 4×50 maschi argento

Dalla gara più tirata arriva la miglior notizia di questa prima giornata di Campionato Europeo in vasca corta: Fabio Scozzoli si mangia la concorrenza, sia quella di Prigoda, sia soprattutto quella di Peaty e si incorona campione d’Europa nei 50 rana con il nuovo...

EuroSwim2017, a Copenaghen rana veloce: Castiglioni record italiano, Scozzoli dei Campionati

Aprono i cancelli della Royal Arena di Copenaghen per l’appuntamento di fine in vasca corta, ovvero i Campionati Europei giunti alla loro 19ª edizione. Vigilia di questi Campionati che ci regala qualche scoop mica male: Gregorio Paltrinieri dovrà aspettare per...

Pagellino SuperMaster 2017-18: Belluno, Bolzano, Brescia, Livorno e Riccione a confronto

Un fine settimana lungo e decisamente intenso quello appena passato: il circuito Supermaster ha proposto 5 manifestazioni - quattro al nord e una al centro - delle quali due in vasca lunga, il 14° Trofeo Città di Riccione che si laurea miglior trofeo della settimana e...

Swim Stats, gli atleti più vincenti degli Europei

Mancano ormai pochissime ore all’inizio degli Europei in vasca corta di Copenaghen, ultima manifestazione del 2017, atteso epilogo di un’annata intensa e ricca di avvenimenti. Scopriamo chi sono gli atleti più vincenti nella storia della manifestazione continentale in...

Elena non si perde d’animo e si guarda qualche video. Poi cerca di mettere in pratica ma si accorge che non è così semplice: una cosa è vedere i fotogrammi, un’altra è fare i conti con galleggiamento, spinta, propulsione, respirazione. Allora Elena aggiusta il tiro: non vuole più semplicemente imparare a nuotare ed andare alle Olimpiadi, ma vuole anche insegnare a nuotare alle altre donne, capisce che saper nuotare è anche una questione di sopravvivenza.

I rischi aumentano, gli attacchi terroristici si fanno più probabili, la sfida diventa incredibile. Anche perché, come se non bastassero le difficoltà descritte fino a qui, queste donne mica possono andare a nuotare con semplici costumi, no: devono essere coperte da testa a piedi, braccia-schiena-gambe comprese.

Ihsan Taheri, Presidente della Federazione natatoria afghana, loda il coraggio di Elena e sta dalla sua parte.

Hanno contattato un’azienda brasiliana per creare dei costumi adatti, nel frattempo le nuotatrici devono indossare calze nere e un top a maniche lunghe in lycra, sotto un normale costume intero.

A questo punto la mission impossible non mi pare più ‘andare alle Olimpiadi’, mi sembra che le difficoltà siano ben altre.

Se ce la farà, Elena sarà la prima nuotatrice nazionale afghana.

Io tifo per lei, non fosse altro che perché è mia omonima!

Foto copertina: Radio Padova

About The Author

Ultimi Tweet

?>