Molte di noi nuotatrici hanno probabilmente trascorso l’estate combattendo i segni di abbronzatura lasciati dai costumi: quelli da gara open water, con le loro righe orizzontali su ginocchia o caviglie, quelli da allenamento, con i più svariati intrecci sulla schiena ed ancora i due pezzi, utilizzati magari per mantenere continuità con la tintarella da bikini.

Dopo un meticoloso lavoro per limitare i segni nella nostra abbronzatura, arriva l’autunno e con esso lo spauracchio del ritorno ai ritmi regolari in piscina ed all’esposizione costante al cloro.

Niente paura, esistono infatti alcuni metodi semplici ed immediati per mantenere la tintarella più a lungo!

Occorre sapere che il nemico numero uno dell’abbronzatura è la disidratazione della pelle.

Per questo motivo è consigliabile preferire la doccia fredda a quella calda: oltre ad aiutarvi a migliorare la circolazione, risciacquarvi con acqua fresca ed un olio idratante, vi manterrà maggiormente idratate.

Oltre a questo primo accorgimento, sarà comunque importante ed essenziale eliminare impurità e cellule morte.

In proposito potrete procurarvi uno scrub ricco di oli essenziali da effettuare settimanalmente per ripulire la cute ed, allo stesso tempo, nutrirla naturalmente.

Se fate già uso di creme per il corpo non smettete poi di mantenere quest’ottima abitudine utilizzandone anche una specifica per contorno occhi e viso.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 misti

I 200 misti fanno parte del programma olimpico da dodici edizioni: inseriti nel 1968 sia al maschile che al femminile, hanno saltato le edizioni del 1976 e del 1980, anni nei quali si disputarono solo i 400 misti. Il club dei campioni è quindi ristretto a ventiquattro...

Fatti di nuoto Weekly: Elogio primaverile a Summer McIntosh

La primavera è una stagione straordinaria, forse la più bella. Più dell’inverno, che sa essere romantico ma anche rigido; più dell’autunno, che con i suoi colori è affascinante ma malinconico; più dell’estate, eccitante ma insopportabile nei suoi eccessi. Oggi, in...

60° Sette Colli | A Roma si comopleta la squadra Olimpica per Parigi 2024

Ci saranno tanti azzurri al via per il 60° Trofeo Sette Colli - Internazionali di nuoto, che si disputerà allo Stadio del Nuoto del Foro Italico di Roma, da venerdì 21 a domenica 23 giugno. Oltre ai prestigiosi titoli della manifestazione, in palio anche gli ultimi...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Canadesi

In Canada sono tutti pronti! Dopo un’intensa settimana di Trials, il team della foglia d’acero ha tirato fuori i suoi alfieri che voleranno a Parigi a caccia di medaglie. Saranno in 29 a difendere i colori canadesi in quel dei Giochi, e le ambizioni sono tutt’altro...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 farfalla

I 200 farfalla, una delle gare più dure del programma natatorio in vasca, hanno una storia olimpica abbastanza recente: i maschi si sfidano sulla distanza da Melbourne 1956 (per un totale di 17 campioni), mentre le donne da Città del Messico 1968 (14 campionesse).Il...

Fatti di nuoto Weekly: semplici problemi, semplici soluzioni

Con i Trials brasiliani alle spalle e quelli canadesi in corso (#hype McIntosh), Fatti di nuoto Weekly torna nelle vostre bacheche per tessere un filo che parte da Lia Thomas, passa da Ahmed Hafnaoui, Kristóf Milák e Michael Phelps per concludersi con Nicolò...

Quest’ultimo, in particolare, è il primo punto su cui vedremo lentamente sparire la nostra abbronzatura. Evitate comunque di fare uso eccessivo di make up e fondotinta che agevoleranno la disidratazione cutanea sia durante il giorno che la sera, quando li rimuoverete con prodotti struccanti.

Quante volte, poi, vi hanno detto che ottenere una buona abbronzatura dipende anche da una corretta alimentazione?

Ed allora largo ai cibi ricchi di beta carotene, presente in molti frutti, nei cereali, negli oli e nelle verdure a foglia verde, in patate dolci, zucca, spinaci, albicocche, peperoni ed ovviamente nelle carote!

Volete conoscere infine un trucchetto di facile realizzazione?

L’abbronzatura si può valorizzare anche indossando abiti dai colori accesi che mettano in risalto anche ciò che rimane della vostra tintarella. Provare per credere!

Foto: Corsia4