“Il miracolo non è avere finito. Il miracolo è che ho avuto il coraggio di iniziare”

Questo è quanto sosteneva il maratoneta John Bingham dopo avere concluso la sua lunghissima corsa di 42 chilometri.

Pensare alle sue parole mi ha aiutata più volte.

Nei momenti di massima demotivazione, ad esempio, devo ammettere che trascinarmi in piscina è stata un’impresa titanica.

In istanti in cui mi trovavo comodamente sdraiata sul divano con la borsa del nuoto a osservarmi e quasi a volermi suggerire “portami a nuoto”, il fatto di alzarmi ha rappresentato già una piccola vittoria, quella di vincere i pensieri negativi con un’altrettanto piccola ma grande forza di volontà.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 farfalla

I 100 farfalla sono tra le pochissime specialità Olimpiche introdotte nel programma prima al femminile - Melbourne 1956 - che al maschile a Città del Messico 1968. Come risultato abbiamo 31 campioni olimpici, 14 uomini e 17 donne, distribuiti su 10 Nazioni, con gli...

Madeira 2024 | La Nazionale azzurra per gli Europei di nuoto paralimpico

Dopo le edizioni del 2016 e del 2021 l'isola di Madeira, torna protagonista ospitando la VII edizione dei Campionati Europei Open 2024. Solo una manciata di giorni dividono i 32 azzurri dall' Europeo che si terrà presso il Complexo de Piscinas Olimpicas do Funchal dal...

Fatti di nuoto Weekly: lo Spirito Olimpico

A 100 giorni esatti dai Giochi di Parigi, Fatti di nuoto weekly va alla ricerca dello spirito Olimpico, quell’impalpabile essenza che ci fa sentire sempre più vicini alle due settimane più belle per ogni sportivo che si rispetti. Pronti?Ancora abusi nel nuoto Prima...

Road to Parigi, il Recap dei Campionati Ungheresi: Milak c’è!

Budapest ospita i Campionati Ungheresi, nuotatori in vasca dal 9 al 12 aprile. In acqua ci sono tutti i big magiari, tra cui il latitante più famoso tricolore Kristóf Milák e la neo mamma Katinka Hosszú. Presente anche una piccola delegazione azzurra che si è distinta...

TYR Pro Series 2024, Huske vola a San Antonio. Bene Dressel e Marchand

Finita la stagione collegiale, negli Stati Uniti si inizia a nuotare in vasca lunga, e si inizia a fare sul serio anche in vista degli appuntamenti più importanti della stagione. Per questo la tappa di San Antonio delle TYR Pro Swim Series era molto attesa: vediamo...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 dorso

I 100 dorso fanno parte del programma Olimpico fin dagli albori dei giochi, cioè dal 1908 per i maschi e dal 1924 per le femmine, con l’unica eccezione di Tokyo 1964, quando gli uomini non li disputarono a favore dei 200. Si tratta di una distanza ampiamente dominata...

Si dice che bisogna smettere di sperare e iniziare a fare, e ho seguito alla lettera questo mantra quando ero così stanca da temere di non riuscire a finire (o iniziare) l’allenamento.

E poi arrivavo in piscina, respiravo l’odore del cloro e provavo un senso di entusiasmo che ripagava lo sforzo impiegato per decidere di allenarmi quel giorno, nonostante le sensazioni negative fisiche e mentali.

Dopotutto ogni giorno è buono per iniziare, per cambiare rotta, per dedicarsi più intensamente al nuoto o per porsi un nuovo obiettivo.

Lo scrittore “motivazionale” Zig Ziglar sosteneva che non si deve essere grandi per iniziare, ma bisogna iniziare per essere grandi. E potrei passare ore ad elencare tutte le frasi e i pensieri che mi hanno messa sull’attenti quando credevo che nulla avrebbe potuto distogliermi dall’inerzia.

Ma la verità è che, per quanto trovare la motivazione per superare la pigrizia e andare in piscina o iniziare ad allenarci seriamente per una gara o un circuito di competizioni possa sembrarci cosa di poco conto, saremo comunque più forti di coloro che invece sul divano a poltrire hanno deciso di restarci!

La verità è che trascinarsi fuori da casa quando siamo stanchi o tutto sembra andare per il verso sbagliato, è un piccolo ma enorme traguardo.

Borsa in spalla quindi, perchè anche iniziare è un po’ vincere!

Foto: Fabio Cetti | Corsia4