A piccoli passi e con molta fatica, negli ultimi tempi lo sport sta facendo la sua strada verso l’inclusione e l’uguaglianza, principi che, se ci pensiamo bene, dovrebbero essere alla base del concetto di sport stesso.

Mi rendo conto che il discorso è molto complicato e molto articolato, e trattarlo in maniera completa ed esaustiva sarebbe, in questa sede, praticamente impossibile. Però è anche giusto che ognuno faccia la sua piccola parte giornaliera, dalle Federazioni agli atleti, dai tecnici fino proprio ai media, il quale apporto è spesso determinante per far sì che certi messaggi passino in maniera corretta ed arrivino al pubblico finale.

Il nostro impegno quotidiano, su Corsia4, è da sempre quello di dare risalto ai valori dello sport che amiamo, e come appassionati (prima di tutto) ed addetti ai lavori (poi) cerchiamo di raccontare ciò che vediamo con voce indipendente ed obiettiva.

Anche se in maniera minore rispetto ad altri campi, gli sport acquatici non sono esenti dal discorso. Sulle nostre pagine abbiamo parlato di abusi, ansia ed attacchi di panico, depressione, pari opportunità, ed abbiamo sempre cercato di farlo con tatto e ponderazione, mettendo al primo posto l’ascolto.

Proprio per questo, le parole di chi è davvero protagonista della situazione sono sempre molto più efficaci, e “Maschio”, l’autobiografia di Giorgio Minisini (Sperling&Kupfer, 2023), andrebbe letta da tutti gli appassionati di sport, non solo di nuoto artistico.

Quella di Giorgio Minisini è una storia molto semplice e comune: un giovane vuole sfondare nello sport che ama e ci mette tutto il suo impegno per realizzare quel sogno. Il ragazzo in questione sembra avere tutto per riuscirci: fisicamente ed atleticamente è portato, non gli manca il talento e in famiglia lo sport che pratica è una religione. Si trova però nella scomoda condizione di pensare, a volte, di aver avuto il sogno sbagliato: Giorgio vuole sfondare nel nuoto artistico, uno sport che a livello maschile non solo ha pochissima storia ma non è quasi nemmeno riconosciuto e regolamentato.

Si tratta di una situazione particolare, che siamo abituati a vivere nell’altro senso, ovvero con le donne spesso penalizzate nel cercare di emergere o avere pari diritti e trattamenti in sport fortemente maschili, come ad esempio il calcio o gli sport da combattimento.

Se non trovano l’ambiente giusto, le ragazze che presentano interesse per queste attività rischiano di venire escluse e bullizzate, tacciate di diversità in ambienti che spesso sono ultraconservatori ed ottusi. Anche quando hanno successo, rimane molto difficile per le donne trovare pari condizioni di guadagno, pari opportunità o sana visibilità (che non sia quindi legata al fisico e all’oggettificazione dello stesso).

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 farfalla

I 100 farfalla sono tra le pochissime specialità Olimpiche introdotte nel programma prima al femminile - Melbourne 1956 - che al maschile a Città del Messico 1968. Come risultato abbiamo 31 campioni olimpici, 14 uomini e 17 donne, distribuiti su 10 Nazioni, con gli...

Madeira 2024 | La Nazionale azzurra per gli Europei di nuoto paralimpico

Dopo le edizioni del 2016 e del 2021 l'isola di Madeira, torna protagonista ospitando la VII edizione dei Campionati Europei Open 2024. Solo una manciata di giorni dividono i 32 azzurri dall' Europeo che si terrà presso il Complexo de Piscinas Olimpicas do Funchal dal...

Fatti di nuoto Weekly: lo Spirito Olimpico

A 100 giorni esatti dai Giochi di Parigi, Fatti di nuoto weekly va alla ricerca dello spirito Olimpico, quell’impalpabile essenza che ci fa sentire sempre più vicini alle due settimane più belle per ogni sportivo che si rispetti. Pronti?Ancora abusi nel nuoto Prima...

Road to Parigi, il Recap dei Campionati Ungheresi: Milak c’è!

Budapest ospita i Campionati Ungheresi, nuotatori in vasca dal 9 al 12 aprile. In acqua ci sono tutti i big magiari, tra cui il latitante più famoso tricolore Kristóf Milák e la neo mamma Katinka Hosszú. Presente anche una piccola delegazione azzurra che si è distinta...

TYR Pro Series 2024, Huske vola a San Antonio. Bene Dressel e Marchand

Finita la stagione collegiale, negli Stati Uniti si inizia a nuotare in vasca lunga, e si inizia a fare sul serio anche in vista degli appuntamenti più importanti della stagione. Per questo la tappa di San Antonio delle TYR Pro Swim Series era molto attesa: vediamo...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 dorso

I 100 dorso fanno parte del programma Olimpico fin dagli albori dei giochi, cioè dal 1908 per i maschi e dal 1924 per le femmine, con l’unica eccezione di Tokyo 1964, quando gli uomini non li disputarono a favore dei 200. Si tratta di una distanza ampiamente dominata...

Minisini ha trovato sulla sua strada un pò tutte queste difficoltà, anche se le maggiori non derivavano dall’ambiente intorno a lui.

Il suo libro è il racconto di un viaggio personale ed intimo, nel quale c’è voluto sicuramente meno tempo per sentirsi accettato dalle compagne di squadra e di Nazionale che per sentirsi davvero all’altezza dei suoi risultati.

C’è tutta l’insicurezza di un adolescente alle prese con il suo talento ma anche con i turbamenti della sua età, il clamore dei risultati con il contrappeso dell’inadeguatezza. Anche dopo le prime (storiche) vittorie Mondiali, Minisini ha sentito in se la necessità di dimostrare che non fosse tutto frutto del caso ma di lavoro e dedizione al su sport.

Maschio è un libro che parla di sentimenti e di vita, e lo fa con delicatezza ma anche in maniera diretta, senza girare troppo intorno agli argomenti ed andando direttamente al punto. Da leggere.