La penultima giornata degli EuroJunior di Otopeni, Romania, presenta un finale di programma decisamente favorevole all’Italia.

Vediamo come si sono comportati gli azzurrini!

200 FA DONNE – FINALE

La favorita Lana Pudar rispetta il pronostico sbaragliando la concorrenza e vincendo in 2.08.92. La lotta per l’argento viene vinta da Tabatha Avetand, che precede per soli 14 centesimi la nostra Anna Porcari, terza in 2.12.20. 


100 SL UOMINI – SEMI

Tutto semplice per David Popovici, che fa il primo tempo senza apparenti grossi sforzi in 48.31, davanti all’inglese Whittle (48.68) ed al cipriota Antoniou. Ottavo tempo per Matuszewski, 50.40, mentre il nostro Davide Passafaro chiude la sua gara all’undicesimo posto, 50.73.


100 SL DONNE – FINALE

La vincitrice è l’ungherese Nikoletta Padar, unica sotto i 55, che con il crono di 54.69 precede la connazionale Molnar e la belga Vanotterdijk. Due le italiane in finale: sesta Matilde Biagiotti, 56.03, ottava Marina Cacciapuoti, 56.41.

100 DO UOMINI – SEMI

Ksawery Masiuk sembra già avere una marcia in più di tutti, e si mette in testa alla graduatoria con il tempo di 53.11; il primo inseguitore è Zheltyakov, 54.77. Nicolò Accadia ottiene l’ultimo tempo utile per accedere alla finale in 55.93, mentre Francesco Lazzari è undicesimo in 56.28. 


100 RA DONNE – SEMI

Sempre Jefimova a guidare le raniste con il tempo di 1.07.37, ampiamente il migliore di entrambe le semifinali. Seconda la danese Kragh (1.09.22), mentre si qualificano per la finale entrambe le azzurrine: quarta Irene Mati, 1.09.40, settima parimerito Chiara Della Corte, 1.09.80. 


100 RA UOMINI – SEMI

Sono in 5 gli atleti sotto l’1.02, primo dei quali è l’ucraino Lisovets’ in 1.01.50. L’ottavo tempo è dell’altro ucraino Kyzymenko in 1.02.41. Alex Sabattini chiude la sua gara al sedicesimo posto, 1.03.90.

Fatti di nuoto Weekly: le acque mondiali e le acque della Senna

Nella settimana cuscinetto tra i Mondiali e gli Assoluti dobbiamo dare spazio ad alcune notizie sparse che vengono dal mondo del nuoto e dintorni. Perché Fatti di nuoto Weekly è qui anche per questo, giusto?La Senna A Parigi 2024 si nuoterà nella Senna, forse. Il...

Training Lab, tante strade una sola meta: la Velocità

L’allenamento del nuoto presenta sempre una grande sfida per gli atleti, ma in primo luogo per gli allenatori. Oggigiorno il nuoto mondiale sembra essere uscito veramente dagli schemi comuni del secolo scorso, proprio per la grande varietà di metodologie allenanti che...

Verso gli Assoluti 2024, il punto sui probabili Olimpici del Nuoto

Manca una settimana ai Campionati Assoluti Primaverili di Riccione, tappa fondamentale per l’avvicinamento del team italiano all’appuntamento Olimpico di Parigi 2024, ed è quindi arrivato il momento di fare un pò di chiarezza.Nel complicato intricarsi di regole,...

SwimStats, il Mondiale di Doha 2024 in 10 punti

Ultimo approfondimento Mondiale con 10 numeri da ricordare direttamente da Doha 2024.Gli atleti italiani qualificati per Parigi Se Doha doveva essere una prova generale, allora direi che è andata bene. L’Italia ne esce con diverse certezze, una su tutte la...

Speciale Master, Coopernuoto trionfa ai Regionali Emilia Romagna 2024

Archiviati i Campionati Regionali Emilia Romagna che si sono svolti domenica 11 e 18 febbraio 2024 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione che si conferma uno dei migliori impianti natatori a livello di ospitalità e logistica per le manifestazioni natatorie. Cinque i...

Parigi 2024, 28 pass per l’Italia del nuoto alle Paralimpiadi

Il World Para Swimming ha comunicato il numero di slot assegnati all'Italia per le Paralimpiadi di Parigi 2024. Sono ben 28 - 16 maschili e 12 femminili - i pass guadagnati dall’Italia per la partecipazione ai prossimi Giochi Paralimpici che si terranno dal 28 agosto...

50 FA DONNE – SEMI

Jana Pavalic dalla Croazia guida le otto qualificate con 26.50, davanti a Vanotterdijk e Slusna; tempo valido per la finale è il 27.16 di Julia Ullmann. Eliminate le azzurre: undicesima Paola Borrelli in 27.41, sedicesima Alice Beltrame in 27.66.


50 FA UOMINI – SEMI

Casper Puggaard e Daniel Gracik vincoono le rispettive semifinali con due tempi molto simili, 23.84 e 23.87. Elia Codardini è quarto in 24.21, ottavo ed ultimo tempo per la finale del danese Riisgaard-Jensen, 24.43.


200 MI DONNE – SEMI 

Leah Schlosshan è la migliore delle semifinaliste in 2.14.43, mentre il tempo per l’ottavo posto è il 2.17.88 di Angelina Patt. Decima posizione per Giada Alzetta, 2.18.44.


100 DO DONNE – SEMI

La francese Mary-Ambre Moluh mette a segno il primo tempo con 1.00.97, e la nostra Sara Curtis si piazza al sesto posto con 1.02.55. L’ottavo crono è di Sudan Denizli, 1.02.68.

800 SL UOMINI – FINALE

ORO GALOSSI! Dopo il piazzamento nei 200, Lorenzo Galossi porta a casa il suo personale alloro negli 800 stile, conducendo una gara tatticamente ineccepibile e riuscendo a contenere la rimonta finale del romeno Vlad-Stefan Stancu, che chiude al secondo posto. Galossi vince l’oro con il tempo di 7.52.04 (3.53.26), contro il 7.54.02 dei Stancu ed il 7.56.81 di Chmielewski. Al sesto posto l’altro azzurrino in finale, Tommaso Griffante, in 8.03.67.


800 SL DONNE – FINALE

Altra medaglia per l’Italia! La turca Merve Tuncel bissa il successo dei 1500 con un’altra gara dal dominio incontrastato, condotta in testa fin dal primo 50. Il suo tempo finale è 8.28.32, direi secondi meglio della francese Reyna seconda. Bronzo per la nostra Giulia Vetrano, che chiude in 8.40.71. 


4X200 SL UOMINI – FINALE

ALTRO ORO ITALIA! In un trittico di gare particolarmente felice, l’Italia chiude questa penultima giornata con un bellissimo oro in staffetta, chiusa da un mai domo Galossi con il tempo totale di 7.17.45. Questi i parziali degli azzurrini: Ragaini 1.50.06, Bertoni 1.48.25, Chiarioni 1.50.28, Galossi 1.48.76.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4