Con le squadre che si alternano tra ritiri in altura e collegiali al caldo, con la stagione in corta alle porte e con il profumo dei Mondiali australiani all’orizzonte, Fatti di nuoto Weekly parla questa settimana di alcuni movimenti di mercato natatorio, gli ultimi assestamenti prima della partenza definitiva.

Anastasiya Shkurdai ha lasciato la sua allenatrice storica, Olga Yasianovich, che la seguiva in vasca dal 2010. Non è ancora chiaro con chi si allenerà in futuro, ma è possibile che Skhurdai stia valutando diverse vie, tra le quali quella di trasferirsi negli Stati Uniti per entrare nel circuito collegiale, scelta tra l’altro coerente vista la sua ancora giovanissima età (è del 2003)

La bielorussa è solo una delle ex Energy Standard che decide di cambiare guida tecnica. Il capitano del team vincitore della ultima stagione di ISL, Chad Le Clos, ha deciso di affidarsi a Dirk Lange, spostandosi di base a Francoforte. Lange, che è già stato capo allenatore del Sudafrica, preparerà Le Clos per le Olimpiadi di Parigi 2024, le quarte del campione olimpico di Londra 2012.

Si sposta alla corte di Luka Gabrilo la stileliberista Barbora Seemanova, campionessa europea dei 200 stile nel 2021 e militante del Team Iron nella ISL. La ceca raggiunge nelle filippine il tecnico svizzero e Kayla Sanchez, e con loro si preparerà ai Giochi del 2024.

Un altro ex Team Iron che cambia allenatore è il nostro Marco Orsi, che ha deciso di aggregarsi al gruppo torinese di Antonio Satta, per allenarsi con Alessandro Miressi e Alessandro Bori. Per il bomber si prospetta un’ultima parte di carriera arrembante, con precisi obiettivi, come il confermarsi protagonista in corta, e ambizioni importanti, tornare a dire la sua anche in proiezione staffetta.

Il gruppo livornese di Stefano Morini accoglie tra le sue fila Anna Egorova, la stileliberista russa compagna del francese Damien Joly, già aggregato a Detti e Lamberti da qualche mese. Con l’approdo della mezzofondista, che ha passato qualche settimana alle filippine con il gruppo di Gabrilo, Morini ha quindi una schiera di quattro faticatori da preparare in vista del prossimo biennio.

Fatti di nuoto Weekly: tre cose da Doha

I Mondiali di Doha sono finiti, ma non la voglia di parlarne. Dell’Italia abbiamo già parlato in lungo e in largo, quindi in Fatti di nuoto Weekly troviamo altri tre temi per raccontare la rassegna iridata più vicina alle Olimpiadi di sempre.La Cina È stato...

Swim.Mi.CUP Night Edition 2024, successo per la terza edizione all’Aquamore Bocconi

Mentre a Doha andava in scena la penultima giornata dei Campionati Mondiali, Milano si faceva bella per una notte a tutto nuoto grazie Swim.mi.cup Night Edition 2024, direttamente dal Bocconi Sport Center. Mancavano ovviamente i big azzurri ed è stata questa...

Doha 2024 | Quanto valgono le medaglie Mondiali degli italiani?

Un piccolo ragionamento, medaglia per medaglia - in rigoroso ordine cronologico - su ogni podio italiano a Doha 2024. Che valore ha? Dove può portare?Argento 4x100 stile libero uomini Se alla vigilia avessimo dovuto mettere qualche medaglia già in cassaforte, la 4x100...

Doha 2024 | Mondiali, finali day8: bronzo per Pilato, Franceschi e mista maschi, l’Italia chiude con 12 medaglie

Siamo arrivati all'ultima giornata di questi strani e spettacolari Campionati del Mondo, con sei italiani impegnati nelle otto finali. Dall'Aspire Dome di Doha, eccovi il nostro report!50 dorso uomini Nonostante nuoti completamente contro la corsia, Isaac Cooper è...

Doha 2024 | Mondiali, batterie day8: in finale Razzetti, Franceschi e le staffette 4×100 miste

Ultima mattina di batterie all'Aspire Dome di Doha, ultime chance di finale per la giornata che concluderà i Mondiali di nuoto. Vediamo i risultati nel nostro recap.400 misti uomini David Johnston fa il miglior tempo delle batterie in 2.12.51, seguito a 5 centesimi da...

Doha 2024 | Mondiali, finali day7: doppietta di Simona Quadarella oro negli 800 stile

Al penultimo giorno dei Mondiali di Doha, l'Aspire Dome è pronto per ospitare sei finali e tre semifinali, tutte dense di temi ed emozioni, anche azzurre. Vediamo come è andata nel nostro accurato report!50 farfalla donne La morte, le tasse, Sarah Sjöström che vince i...

Chi si ricorda di Ahmed Hafnaoui? Il tunisino campione olimpico a sorpresa nei 400 stile, ha ottenuto un argento nei 1500 ai Mondiali in corta per poi sparire dai radar delle competizioni. Dalla sua Università americana arriva la notizia della sua ineleggibilità per il circuito NCAA, comunicata dal coach di Indiana Ray Looze. Hafanoui perderà quindi il secondo anno consecutivo di gare universitarie, ma continuerà ad allenarsi negli States in previsione di debuttare nell’autunno 2023. Chissà se nel frattempo lo rivedremo in acqua.

È invece al palo il campione di Rio 2016 Joseph Schooling, deferito dalla federazione di Singapore per aver assunto cannabis all’estero, mentre era in collegiale per allenarsi. Schooling, che si è detto dispiaciuto dell’accaduto, non riceverà più congedi dall’esercito nazionale né sussidi per la sua carriera sportiva, e verrà sottoposto a periodiche analisi di sangue ed urine. Va detto che a Singapore l’assunzione di droghe è punita con ammende e carcere fino a 10 anni, e che l’esercito è ancora meno tollerante in questo senso. Il delfinista ha ammesso di essere caduto in un momento di debolezza e di volersi impegnare per rialzarsi, assumendosi le responsabilità di quanto fatto.

Negli States la fanno da padrone i due SuperTeam universitari, quello in Arizona di Bob Bowman con Hubert Kos, Simone Manuel, Leon Marchand, Chase Kalisz, Jay Litherand, Regan Smith, Olivia Smoliga, Hali Flickinger e Allison Schmidt, e quello in Florida di Anthony Nesty con Katie Ledecky, Bobby Finke, Kieran Smith, Caeleb Dressel, ma non sono gli unici spostamenti di rilievo.

Infine, sempre a proposito di nuoto mercato, dalla stagione 2023-24 non esisterà più il vincolo sportivo. Ogni atleta sarà quindi libero di cambiare squadra senza dover richiedere – e spesso non ottenere – lo svincolo dalla società di provenienza. I pareri a proposito sono contrastanti e divisivi, è scoperchiano la problematica del costo del cartellino che in molti sport, non solo nel nuoto, è rilevante. Si tratta di un passo verso la libertà di scelta?

See you later!

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4