Bentornati su Fattidinuoto Weekly, che dopo qualche numero speciale di approfondimento (su temi che riaffronteremo nelle prossime edizioni) torna nella versione originale, quella delle news sul mondo del nuoto e dintorni.

Pronti?

Nuotomercato USA

In un periodo avaro di gare (cancellata causa Covid la prima tappa delle Pro Swim Series USA), è tempo di movimenti negli USA, dove diversi atleti stanno decidendo dove trascorrere il prossimo triennio Olimpico, quello che porterà a Parigi 2024.

A spostarsi sono nomi abbastanza pesanti verso destinazioni altrettanto importanti: negli ultimi giorni, Olivia Smoliga (pluri campionessa del mondo ed Olimpica) ha deciso di lasciare Jack Bauerle e la Georgia per spostarsi alla corte di Bob Bowman, ex mentore di Michael Phelps che allena ad Arizona State.

Si arricchisce ancora la conta di campioni che si alleneranno ai Florida Gators di Anthony Nesty: dopo Katie Ledecky, Caeleb Dressel e Kieran Smith, il coach che ha portato Bobby Finke a due ori a Tokyo 2020 seguirà anche Nathalie Hinds, velocista titolare della 4×100 stile USA, e per qualche mese ci sarà pure Adam Peaty. Una bella squadretta, direi.

Cosa farai da GRANDE?

Questa la domanda che ha rivolto il conduttore radiofonico Nicola Savino a Federica Pellegrini, ospite di Radio Deejay per presentare il docu-film “Underwater”, nei cinema fino a ieri. Al di là della battuta, è una domanda che indubbiamente incuriosisce gli appassionati di nuoto ed alla quale Federica, come suo solito, sta rispondendo con i fatti.

Due i fronti sui quali sembra più impegnata: la televisione, dove ormai sembra trovarsi sempre più a suo agio (sta per partire la nuova stagione di Italia’s Got Talent), e la politica sportiva, tra qualche settimana farà il suo esordio come membro della Commissione atleti del CIO ai Giochi invernali di Pechino. Se abbiamo imparato un po’ a conoscerla, non mancheranno i risultati nemmeno in questi campi

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

PISCINE

Ne abbiamo parlato qualche settimana fa, e la crisi degli impianti non sembra fermarsi.

Tra colossi che cedono, lasciando purtroppo a casa centinaia di lavoratori e senza servizio migliaia di iscritti, e normative che cambiano e si aggiornano, la voce del Presidente della FIN Paolo Barelli inizia a farsi sempre più preoccupata: “Gli impianti natatori che non sono solo per i grandi campioni, ma per i cittadini e lavorano in un delicato ambito come quello di insegnare a nuotare, sono alla carità, in ginocchio, stanno chiudendo. Non solo sono colpiti dalla pandemia, ora sono colpiti dal caro energia.

Aspettiamoci tempi non proprio sereni.

I lamenti di Emre

Dopo aver demolito il world record nei 50 rana in vasca da 25, il turco Emre Sakci torna alla carica contro chi lo ha, a suo modo di vedere ingiustamente, squalificato ad Abu Dhabi. Alla base della disputa ci sarebbe un movimento che Sakci chiama “di bacino” mentre i giudici internazionali reputano come gambata a delfino.

Sembra che sia lo stesso problemino in cui è incappata, due volte, anche Arianna Castiglioni, e che ai mondiali in corta ha colpito molti ranisti tra i quali anche Alia Atkinson. Il VAR è stato introdotto proprio per questi motivi e mi verrebbe da fidarmi dei giudici, però è anche vero che sembra esserci stato un metro di giudizio piuttosto severo: vedremo cosa succederà nelle prossime manifestazioni internazionali.

DUE PENSIERI

Aveva 22 anni ed era pluricampione nazionale, era un ranista ed aveva partecipato ai Mondiali di Abu Dhabi. Mustafa Muhammad è stato ucciso a Rawalpindi, Pakistan, da dei colpi di pistola mentre passeggiava vicino a casa sua. Non è chiaro ancora se si tratti di un tragico caso o se la morte sia in qualche modo collegata con il suo lavoro presso un’agenzia di intelligence.

In chiusura, non possiamo che mandare un pensiero a Emanuelle Alessandro Pandele, giovane nuotatore della provincia di Ancona, che è mancato nelle scorse ore all’età di diciassette anni.
L’abbraccio di Fattidinuoto e di Corsia4 va alla famiglia ed ai suoi affetti.

Iscriviti alla newsletter