Premessa: formare un’opinione univoca su questo discorso è per me complicato, al limite dell’impossibile. I ragionamenti che cercherò di sviluppare arrivano da diversi impulsi, dalle centinaia di opinioni che ho letto in questi giorni, dalla voce di qualche persona di cui mi fido di più e dal mio ragionamento personale. Non è detto che sia completamente giusto ma neanche completamente sbagliato.

Qualsiasi commento (come sempre nell’educazione) è prezioso e accettato con gratitudine.

Sto parlando ovviamente della vicenda del momento, cioè il caso Cina-Doping. Per un’analisi preliminare, oltre ai documenti che si trovano su tutte le testate mondiali, ne ho scritto qui e qui. Proviamo ad approfondire.

Guerra tra agenzie

Il sottofondo neanche tanto velato di questa vicenda è politico, e come in tutti i giochi di potere in palio c’è lo scettro di chi comanda. USADA, l’agenzia americana, è stata la più dura nei commenti alla vicenda, e ha attaccato fin da subito la CHINADA e la WADA per voce del proprio CEO Travis Tygart. Negli Stati Uniti non c’è spazio per un’opinione che non sia conto la WADA, e ne ha parlato perfino il gabinetto del Presidente Biden, impegnato nella ben più importante campagna politica che porta alle elezioni in autunno (senza entrare troppo nel merito, ricordiamoci che dall’altra parte c’è Trump). Quando tutto è così unidirezionale, è necessario e lecito farsi qualche domanda.

Lo scenario dei giochi di potere nello sport è da sempre cruciale non solo per i risultati sportivi ma soprattutto per ciò che i risultati sportivi rappresentano e per il messaggio che possono veicolare. Lo usavano gli antichi greci, lo hanno usato tutte le dittature moderne, lo usano anche gli Stati contemporanei: comandare lo sport significa controllare una bella fetta dell’opinione pubblica. Tutto ciò sta avvenendo in un mondo nel quale i russi sono al margine delle competizioni da ormai tre anni, ed hanno nei cinesi l’unica grande potenza che, da questo punto di vista, ha spesso dimostrato apertura.

Non si tratta solo di vincere medaglie e fare record, si tratta di risalire nei consensi popolari attraverso questi risultati, di affermare la propria posizione di popolo forte nel mondo. E vale per tutti gli schieramenti politici. Il doping, in quest’ottica, è un acceleratore potentissimo.

Qual’è la credibilità del sistema antidoping?

Questo è un altro punto cruciale.

Chi crede a un sistema marcio, che ha favorito la Cina insabbiando la realtà, deve considerare anche che gli atleti cinesi, così come tutti gli altri, sono testati ripetutamente durante l’anno, sia in periodi di allenamento che nelle competizioni internazionali. Sono stati così bravi da non farsi mai scoprire in altre occasioni? Oppure questa è solo la prima di molte altre vicende che verranno fuori nei prossimi periodi?

Chi invece crede che gli USA stiano semplicemente cercando di arrestare la crescita sportiva (e quindi di consensi ecc ecc) cinese, dovrebbe provare ad ammettere che le informazioni e gli scenari che arrivano da quella parte del mondo non sempre sono limpidi, e che la storia di doping sistemico applicato dalle grandi potenze non è certo una novità di oggi.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

Come sempre, in medio stat virtus. Di sicuro tutto è migliorabile, a partire dalla chiarezza con la quale si effettuano indagini ed analisi. Sono migliorabili le tecnologie, le normative e i protocolli dell’antidoping, e si tratta di un processo necessario se si vuole stare al passo coi tempi.

Il caso in questione, cioè quello della positività per contaminazione alimentare, è proprio al centro delle possibili migliorie, visto che (come dichiarato dalla WADA stessa) è abbastanza frequente e non circoscritto alla vicenda cinese. Si potrà quindi stabilire meglio quando la contaminazione alimentare è da ritenersi vera, quali saranno gli step per accertarsene e quali le modalità di pubblicazione della vicenda e dei documenti.

Sono migliorabili, però, anche le persone. Perché non esiste un sistema perfetto se poi in quel sistema (da capo a coda) ci sono persone, diciamo così, non irreprensibili.

Chi sono i colpevoli?

Per una volta, non puntiamo il dito contro nessuno: i colpevoli siamo noi.

Noi atleti che accettiamo di doparci per il risultato. Noi medici che prescriviamo il farmaco. Noi allenatori che consigliamo le scorciatoie. Noi dirigenti, che procuriamo le sostanze proibite e che ci sfreghiamo le mani solo al pensiero del risultato che verrà. Noi organizzazioni sportive che giriamo la testa dall’altra parte. Noi addetti ai lavori, media, che godiamo nel crocifiggere qualcuno per un click in più, e che a volte facciamo finta di non conoscere la realtà anche quando ce l’abbiamo davanti agli occhi.

Tutti insieme abbiamo trasformato lo sport in un luogo dove incensare un atleta che dice “Perdere non è un fallimento” salvo poi imbottirlo di qualsiasi cosa per fargli giocare 70 e più partite all’anno. Abbiamo fatto passi da gigante nella gestione delle problematiche di salute mentale senza però ragionare sulla vera causa di quelle malattie.

Forse è più salutare chiamare “fallimento sportivo” una sconfitta quando si è favoriti che frustare psicologicamente (e non solo) gli atleti per un risultato, spingerli a credere di non valere niente se non danno tutto per l’obiettivo. Che poi significa spingerli a dare tutto per i nostri obiettivi, che siano politici, economici o di semplice svago. Accettare un sistema che non premia più lo sport e la competizione, ma l’ossessione e la furbizia.

Spingerli talmente tanto da togliergli il sorriso, da concedersi totalmente, mente, corpo e futuro, per una fottuta medaglia. Senza realmente volerlo.

See you later!

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4