Anche voi contate il tempo che ci divide dall’inizio dei Mondiali contando quante Fatti di nuoto Weekly mancano?

Esatto, ne mancano solo tre, tre appuntamenti di Fatti di nuoto Weekly e si comincia.

In questo numero, in ritardo di un giorno nelle vostre bacheche (sorry), facciamo il punto sulle ultime news, mentre da settimana prossima sarà tempo di previsioni!

La Russia non molla 

Non ci saranno, a Fukuoka, russi e bielorussi, esclusi come ben sappiamo per le motivazioni politiche derivanti dalla guerra in Ucraina. Restano deboli, per ora, anche le speranze che gli stessi possano partecipare alle Olimpiadi – quasi sicuramente non con la loro bandiera nazionale – e altrettanto deboli le possibilità di qualificarsi in gare ufficiali.

Le stanno però provando tutte, in Russia, per mantenere viva la generazione di atleti che sta saltando da più di un anno tutte le manifestazioni più importanti dello sport, non solo del nuoto. Dal 25 al 30 luglio, per esempio, i nuotatori potranno gareggiare nella Russian Swimming Cup, proprio mentre i loro colleghi si staranno contendendo le medaglie iridate a Fukuoka. Sono palcoscenici molto diversi e paragonarli sarà strano, ma la lista dei nomi di atleti russi che potrebbero tranquillamente giocarsi il podio Mondiale è pazzesca, ed è un vero peccato – sportivamente parlando – che non ci siano.

Lo sport ci sta perdendo, indubbiamente.

Yusra Mardini si ritira

Lo sport perde anche Yusra Mardini, che si ritira dal nuoto a 25 anni.

Lo ha annunciato sui social ringraziando chi la ha aiutata in questo percorso che l’ha portata dalle rive del Mediterraneo ai Giochi Olimpici.La sua storia ha fatto il giro del mondo, è stata prima scritta su un bellissimo libro (Butterfly) e poi anche trasposta in video da Netflix, e rimarrà per sempre un messaggio di speranza e pace di una potenza enorme.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 farfalla

I 100 farfalla sono tra le pochissime specialità Olimpiche introdotte nel programma prima al femminile - Melbourne 1956 - che al maschile a Città del Messico 1968. Come risultato abbiamo 31 campioni olimpici, 14 uomini e 17 donne, distribuiti su 10 Nazioni, con gli...

Madeira 2024 | La Nazionale azzurra per gli Europei di nuoto paralimpico

Dopo le edizioni del 2016 e del 2021 l'isola di Madeira, torna protagonista ospitando la VII edizione dei Campionati Europei Open 2024. Solo una manciata di giorni dividono i 32 azzurri dall' Europeo che si terrà presso il Complexo de Piscinas Olimpicas do Funchal dal...

Fatti di nuoto Weekly: lo Spirito Olimpico

A 100 giorni esatti dai Giochi di Parigi, Fatti di nuoto weekly va alla ricerca dello spirito Olimpico, quell’impalpabile essenza che ci fa sentire sempre più vicini alle due settimane più belle per ogni sportivo che si rispetti. Pronti?Ancora abusi nel nuoto Prima...

Road to Parigi, il Recap dei Campionati Ungheresi: Milak c’è!

Budapest ospita i Campionati Ungheresi, nuotatori in vasca dal 9 al 12 aprile. In acqua ci sono tutti i big magiari, tra cui il latitante più famoso tricolore Kristóf Milák e la neo mamma Katinka Hosszú. Presente anche una piccola delegazione azzurra che si è distinta...

TYR Pro Series 2024, Huske vola a San Antonio. Bene Dressel e Marchand

Finita la stagione collegiale, negli Stati Uniti si inizia a nuotare in vasca lunga, e si inizia a fare sul serio anche in vista degli appuntamenti più importanti della stagione. Per questo la tappa di San Antonio delle TYR Pro Swim Series era molto attesa: vediamo...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 dorso

I 100 dorso fanno parte del programma Olimpico fin dagli albori dei giochi, cioè dal 1908 per i maschi e dal 1924 per le femmine, con l’unica eccezione di Tokyo 1964, quando gli uomini non li disputarono a favore dei 200. Si tratta di una distanza ampiamente dominata...

Ginocchia mondiali

Un’articolazione che ci potrebbe privare di ben due grandi protagonisti ai Mondiali di Fukuoka.

Sicuramente assente sarà Giorgio Minisini, che dovrà operarsi di meniscectomia in seguito ad un infortunio avvenuto in allenamento. Il nostro fenomeno del nuoto artistico non difenderà quindi gli ori del 2022, che peccato.

Forse meno grave, invece, l’infortunio al ginocchio di Mollie O’Callaghan, la velocista australiana che in allenamento ha lamentato fastidi preoccupanti già una settimana fa, facendo spaventare l’Australia tutta. Sembra che la sua partecipazione a Fukuoka non sia in dubbio, e lo spero vivamente perché l’hype per le sue gare è ad altitudine supersonica.

Nuoto giovanile 

C’è hype anche intorno ai giovani, che in questi giorni sono impegnati negli EuroJunior e dopo aver fatto la Coppa Comen. Nomi interessanti e tempi li troverete sui report di Corsia4, a me interessa solo dire che c’è movimento alla base del nuoto italiano, e continua ad esserci nonostante i due anni trascorsi tra chiusure e riaperture degli impianti, e nonostante le difficoltà siano ancora in corso. Il volano è attivo, si spera che ci siano le condizioni per continuare a tenerlo in moto.

Per finire, a proposito di Mondiali e di HYPE, ecco le convocazioni della Pallanuoto, maschile e femminile

 See you later!

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4