Niente scherzi di Carnevale in questa edizione di Fatti & Misfatti dal mondo del nuoto, tutto quello che leggete è successo veramente!!!

Eh già, leggerete di campioni che fanno a botte, gente che nuota per più di 90 chilometri e di chi aveva già tracciato la strada per entrare negli States evitando il muro di Trump!

Ci sono belle che vanno, belle che restano, belle che cambiano, insomma un po’ di tutto. Anche un po’ di tempi in vasca, che non fanno mai male! Buona lettura, e non cariatevi i denti!

Éva Risztov | Facebook

Ungheria La Risztov si ritira… per sempre? ( 8 febbraio 2017 )

Éva Risztov aveva già salutato tutti nel 2005 dopo aver conquistato sei ori agli Europei di vasca corta, tre argenti mondiali e un quarto posto ai Giochi del 2004 nei 400 misti. Ma poi ci ha ripensato, tornando nel 2009 e vincendo l’oro Olimpico nella 10 km a Londra. Adesso ha detto nuovamente stop, comunicandolo tramite un live su Facebook dove dichiara di volere una vita privata nuova: “Ho vinto a Londra, ma nella mia vita privata non sono una campionessa”.

Yulya Efimova | Facebook

Russia Team Efimova in Australia ( 8 febbraio 2017 )

Dopo aver creato il “Team Efimova”, la stessa campionessa mondiale dei 100 rana di Kazan ha iniziato la sua avventura con papà-coach Andrey Efimov e il compagno di squadra Nikita Lobinstev. La squadra, dopo una “sosta” a Bali, è diretta in Australia dove, oltre a partecipare ai NSW State Open Championships a Sydney dal 3 al 5 marzo è a caccia di un coach australiano che possa guidare la squadra. Con le nuove regolamentazione Aussie (leggi QUI) anche coloro che sono stati pizzicati in casi di doping hanno qualche possibilità in più di interagire con tecnici australiani.

Ben Proud | J. Rudd Facebook

Gran BretagnaProud all’Energy Standard ( 9 febbraio 2017 )

Sempre più corposa e talentuosa la nuova Energy Standard che pesca direttamente da Plymouth. Orfano di Jon Rudd, il velocista Ben Proud passa alla corte del connazionale James Gibson e del nostro Andrea Di Nino. Con lui anche Georgia Davies e Rachel Kelly. E non dimentichiamoci di Le Clos!

Grant Hackett | Instagram

Australia Hackett, l’arresto e la fuga ( 15 febbraio 2017 )

Guai sempre più seri per Grant Hackett. L’olimpionico e re del mezzo fondo degli anni 2000, dopo il definitivo ritiro dello scorso anno non ha più pace. Già ad aprile 2016 era stato protagonista di una lite in aereo, e adesso ha replicato. Le forze dell’ordine della Gold Coast lo hanno fermato dopo una lite domestica a casa dei genitori, in particolare con padre e fratello che, in seguito all’arresto di Hackett ha dichiarato “Questo non è Grant, il corpo è di mio fratello ma non è lui”. Ma i guai non finisco qui: rilasciato dalla polizia, Hackett è sparito per diverse ore, tanto da costringere il padre ad un appello. È stato ritrovato lungo le strade della Gold Coast, dopo aver pubblicato sul suo profilo Instagram una foto con occhio nero e abrasioni, accusando il fratello di tale pestaggio.

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

Rūta Meilutytė | en.delfi.lt

Lituania Torna Rūta Meilutytė ( 15 febbraio 2017 )

Come Ben Proud anche Rūta Meilutytė è stata “mollata” dal suo storico coach Jon Rudd, chiamato a seguire la Nazionale irlandese. Si pensava inizialmente che la ranista lituana potesse aggregarsi al gruppo dell’Energy Standard ma invece eccola tornare in Lituania, a Kaunas, città in cui è cresciuta. Qui sarà seguita dal coach Paulius Andrijauskas, olimpionico ad Atene 2004.

C. Dressel | Swimmingworldmagazine

USA Dressel e Simone, i più veloci di sempre in staffetta ( 15 febbraio 2017 )

Ancora lui, Caeleb Dressel! Le due vasche in yards non sono più un segreto per il campione olimpico di 4x100 stile e 4x100 mista di Rio 2016. Ai recenti 2017 SEC Swimming & Diving Championships di Knoxville, il primatista statunitense dei 50 yards ha fatto registrare il tempo più veloce di sempre in una frazione della 4x50 stile nuotando un mostruoso 17’’86 (VIDEO)!!! Dressel ha poi anche vinto la 4x50 mista, i 50 e 100 stile individuali, la 4x100 mista e la 4x100 stile (RISULTATI).
A fargli compagniA anche un altro oro olimpico di Rio: Simone Manuel ai 2017 Women’s Pac -12 Championships di Federal Way ( 22 febbraio ) ha nuotato anche lei il crono più veloce di sempre in una 4x50 mista, chiudendo la frazione a stile in 20”78 meglio del miglior crono mai riscontrato che apparteneva ad Arianna Vanderpool-Wallace con 21”80 (RISULTATI).

Sebastian Karas | Facebook

Polonia 24 ore in vasca per il record polacco (15 febbraio 2017 )

Un giorno passato a nuotare. Senza soste, avanti e indietro seguendo una riga. Lo ha fatto il polacco Sebastian Karas, e non è il primo, centrando l’obbiettivo del record polacco, ovvero 96,85 km. Il precedente primato era di 54,6, ma Karas ha avvicinato anche il record mondiale di 101,9 km. “Dopo sei ore è stata durissima” ammette Sebastian “ma per fortuna molta gente ha nuotato con me in parallelo”, aiutandolo in questo modo a superare fatica e noia. Anche l’uso degli auricolari per la musica gli ha permesso di resistere alle 24 ore in vasca. Adesso il suo obbiettivo è l’attraversamento del Mar Baltico (100 km).

Walter Poneisch | Swimswam

Cuba Da Cuba agli USA: primo uomo entra nella Swimming Hall of Fame ( 20 febbraio 2017 )

Sarà introdotto nella Swimming Hall of Fame 2017 Walter Poneisch, primo nuotatore al mondo a raggiungere gli States partendo da Cuba. Lo ha fatto nel 1978, dopo che anni prima la guerra missilistica che coinvolgeva il suo paese lo aveva spinto a questo gesto in segno di pace. Non è stato facile però avere le autorizzazioni, e dopo diverso tempo nel quale non ha mai smesso di allenarsi, Walter è riuscito ad avere il via libera per partire. Salutato prima della partenza anche da Fidel Castro, ha nuotato per 34 ore raggiungendo la Florida grazie anche a una gabbia per gli squali, pinne e boccaglio. Poneisch è morto nel 2000 a 77 anni.

Aurora Petronio | RN Torino Twitter

USA Bowman chiama in Italia! ( 21 febbraio 2017 )

Bob Bowman, coach storico di Michael Phelps, ha buttato un occhio in Italia. Specialmente a Torino e su Aurora Petronio. La delfinista piemontese è improvvisamente salita alla cronache per aver battuto a Nizza Katinka Hosszú nei 200 farfalla. Una prova che le è valsa la chiamata dell’assistente di Bowman, Dan Kesler, con la proposta di allenarsi da loro all’Arizona State University il prossimo anno.

(foto copertina: Andrea Staccioli/Deepbluemedia/Insidefoto)

Notizie... clicca per aprire

La Risztov si ritira…per sempre? LEGGI QUI

Team Efimova in Australia LEGGI QUI

Proud all’Energy Standard LEGGI QUI

Hackett, l’arresto e la fuga LEGGI QUI e QUI

Torna Ruta Meilutyte LEGGI QUI

Dressel e Simone i più veloci di sempre in staffetta LEGGI QUI e QUI

24 ore in vasca per il record polacco LEGGI QUI

Da Cuba agli USA: primo uomo entra nella Hall of Fame LEGGI QUI

Bowman chiama in Italia! LEGGI QUI