Assaggio di grande nuoto da Marsiglia, dove nel weekend è andata in scena la seconda tappa del Golden Tour-Camille Muffat.

A pochi giorni dall’inizio dei Trials olimpici in buona parte del mondo, la tre giorni francese mette in mostra tanta carne al fuoco, con big da tutta Europa già su livelli di prim’ordine.

Anche i padroni di casa rispondono presente, trovando oltre alle velocissime ragazze, conferme anche dai giovanotti d’Oltralpe.

Difficile dunque trovare un protagonista assoluto, nel dubbio andiamo sul sicuro e giochiamo in casa Italia.

Federica Pellegrini si rivede in vasca lunga, e sicuramente meglio di quando ci aveva lasciati (Campionati Italiani Invernali). La Divina si scalda nei 100 stile, chiusi al quarto posto in 53’’84 alle spalle di tre specialista della velocità come Wattel (53’’32 e quarta prestazione mondiale stagionale), Heemskerk 53’’41 e Bonnet 53’’70.

Il giorno dopo eccola in vasca nei 200, dove scala posizioni e battaglia pari pari proprio con la Bonnet: la francese vince in 1’56’’77 mancando il pass olimpico per pochi centesimi, mentre la Pellegrini chiude in 1’57’’64 dimostrando in vista Assoluti un promettente stato di forma.

Le altre francesi confermano il loro buon momento: Marie Wattel vince i 100 farfalla in 58’’04 mentre Melanie Henique si impone nei 50 in 25’’47.

Successi di marca europea nelle altre prove: Pernille Blume vince i 50 stile in 24’’28 davanti alla Heemskerk con 24’’72 mentre la sua connazionale Kira Toussaint fa triplete nel dorso vincendo i 50 in 27’’87, i 100 in 59’’84 (con 59’’47 in batteria) e i 200 in 2’12’’86.

Doppietta russa invece nel mezzofondo: 400 e 800 vanno ad Anna Egorova rispettivamente in 4’07’’46 e 8’27’’51 in entrambi i casi tallonata da Anastassia Kirpichnikova (4’08’’84 e 8’27’’79).

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

Capitolo uomini: cadono tre primati nazionali!

Yohann Ndoye Brouard riesce nell’impresa di cancellare Benjamin Stasilius dalla storia nei 200 dorso, chiudendo in 1’56’’10 e cancellando l’1’56’’39 del ex stella francese. Il giovane classe 2000 si scatena anche nei 100, dove vince in 52’’97 che gli vale il quarto crono mondiale stagionale e il pass olimpico. Qualifica strappata anche da Mewen Tomac grazie al tempo di 53’’19.

Il secondo primato arriva da Noè Ponti, che ritocca il suo record svizzero dei 50 farfalla nuotando in 23’’39 (prima 23’’48 del 2019) e poi chiude i 100 in 51’’89 dopo aver nuotato in batteria 51’’76 davanti a Metella fermo sul 52’’02.

Altro protagonista è Leon Marchand: lo vediamo prima in acqua nei 200 misti chiusi in 1’58’’97 alle spalle di Jérémy Desplanches che tocca in 1’57’’50 (4° mondiale stagionale), poi trionfare nei 400 misti dove ritocca il suo record nazionale con 4’14’’97 (precedente 4’16’’37 del 2019), per poi chiudere i 200 farfalla in 1’56’’33.

Conferma il suo livello pazzesco Arno Kamminga: l’olandese nuota 2’08’’08 i 200 rana, oltre a conquistare i 100 in 59’’20 dopo il 59’’09 del mattino. La rana parla veloce anche con Szabo Szilagy che nei 50 beffa proprio Kamminga vincendo in 27’’37.

Danas Rapsys conquista i 200 stile in 1’46’’98 deludendo poi nei 400, mentre Damien Joly arriva a un soffio dal pass olimpico dei 1500, chiudendo a 14’55’’94 che gli vale anche il secondo crono mondiale stagionale.

La gara regina chiude la manifestazione: nei 100 stile uomini vince Clement Mignon in 48’’78, ma è nei 50 che arriva il tempo da segnalare. Merito di Florent Manaudou che sale in vetta al ranking mondiale con 21’’72 che gli vale anche il pass olimpico.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4