​Il nuoto parla orientale in questa parte inziale di stagione!

Infatti dopo il record mondiale realizzato da Tomoru Honda settimana scorsa in Giappone, nel week end altro WR questa volta in arrivo dalla Cina!

Li Bingjie da paura!

A Pechino infatti sono andati in scena i Campionati Nazionali cinesi in vasca corta dove protagonista assoluta è stata Li Bingjie.

Il bronzo olimpico dei 400 stile a Tokyo 2020 ha aperto la competizione spazzando via il record mondiale proprio della medesima distanza in vasca da 25 metri, che apparteneva ad Ariarne Titmus. L’australiana lo deteneva in 3’53’’92 dal 2018 ma la Li è riuscita a portarlo al clamoroso limite di 3’51’’30 con un gara in negative splite. Un tempo davvero mostruoso, che le vale anche il nuovo record nazionale e asiatico, strappandolo a Wang Jianjihane, che nel 2018 pochi mesi prima del crono della Titmus, si era presa il WR nuotando in 3’53’’97!

La classe 2002 cinese non si è fermata qui, regalandosi anche un altro primato continentale e nazionale nei 1500, timbrando 15’41’’80 che cancella il 15’44’’84 di Waka Kobori del 2021 ma anche firmando il nuovo record cinese nei 200 stile. 1’51’’25 è nettamente meglio dell’1’53’’07 di Tang Yi datato addirittura 2010 e anche quinto crono mondiali all-time! Per finire poi, bene anche negli 800 stile, non lontana dal primato mondiale con un ottimo 8’02’’09. Insomma, ragazza decisamente a suo agio tra le corsie brevi!

Fatti di nuoto Weekly: Apertura

Fatti di nuoto Weekly ha poche (ma molto sentite) regole: raccontare il nuoto una volta alla settimana, il mercoledì, con occhio sereno e critico, ma soprattutto a cuore aperto. Oggi parliamo proprio di aperture e di come, quasi sempre, aprirsi sia una cosa positiva....

Come ci vedono all’estero: intervista ad Alex Pussieldi, Brasile

Nuovo appuntamento con la nostra rubrica su come vedono l’Italia del nuoto nel resto del mondo, dopo aver parlato con Kurt Hanson  giornalista ed esperto di nuoto australiano, già voce internazionale della ISL e speaker di Swimming Australia, abbiamo fatto alcune...

Fatti di nuoto Weekly: Talento

Che cos’è il talento? Fatti di nuoto Weekly non ha una definizione, ma cercarla tra le pieghe dell’attualità potrebbe essere divertente.Podcast Parlare di podcast, nel 2023, è strano e complicato. Ce ne sono talmente tanti e su talmente tanti argomenti che,...

Come ci vedono all’estero: intervista a Kurt Hanson, Australia

Guardare al di fuori dei nostri confini è un’arma a doppio taglio, utile quando si trova qualcosa di positivo, da prendere come spunto per migliorarci, deleteria quando si trasforma in paragone improprio o, peggio ancora, in invidia. Ma ci siamo mai chiesti, invece,...

Fatti di nuoto Weekly: Promesse

Fatti di nuoto Weekly si basa, fondamentalmente, su una promessa: raccontare il nuoto ogni settimana, senza fretta, e con occhio critico e sincero. Ma si sa, tra una promessa mantenuta e una che si perde per strada c’è un limite davvero sottile…Galossi 2.0 Di giovani...

Azzurri in raduno da Sierra Nevada a Livigno. I convocati ai Mediterranean Beach Games

Riprendono gradualmente i collegiali per gli atleti di interesse nazionale: il trio Ceccon-Martinenghi-Lamberti è già al lavoro a Sierra Nevada e dal 24 settembre si sposteranno a Livigno insieme a un nutrito gruppo di altri nuotatori. Una rappresentativa azzurra sarà...

Nuove promesse in arrivo

Dalla tre giorni cinesi occhio al nuoto a occhi a mandorla del futuro. In particolare sembrano già pronti a far parte del mondo dei grandi Yu Yiting, classe 2005 che vince i 100 misti femminili riscrivendo il nuoto primato nazionale con il crono di 58’’27, cancellandolo a un’altra baby prodigio, Ye Shiwen che nel 2014 nuotò in 58’’36. La Yu vince anche i 200 misti in 2’06’’05 e i 400 in 4’29’’72.

Ancor più clamorosa la prova di Chen Juner, nato nel 2004, e autore del nuovo record del mondo Junior nei 200 farfalla uomini. 1’49’’61 cancella l’1’49’’89 del coreano Wang Kuan-Hung nuotato nel 2020, stampa il nuovo primato nazionale cancellando Li Zhuao che lo deteneva in 1’50’’39 dal 2018 e fissa il nono crono mondiale all-time. Per Juner vittorie anche nei 50 farfalla in 22’’72 e 100 in 49’’95.

Un record via l’altro!

Piovono primati nazionali da Pechino. Oltre a quelli timbrati dalla Li e dalla beata gioventù al nuovo record cinese arrivano ben altri cinque atleti.

Eccoli qua:

  • Zhang Yufei nei 50 stile donne con 23’’82 (precedente Zhu Menghui 23’’95 del 2018, crono sotto al quale nuotano anche Wu Qinfeng con 23’’86 e Cheng Yujie con 23’’90)
  • Qin Hayang nei 50 rana uomini con 26’’12 (precedente Yan Zibei in 26’’18 del 2021) e nei 100 rana uomini con 56’’31 (precedente Yan Zibei in 56’’34 del 2018)
  • Fei Liwei negli 800 stile uomini con 7’37’’74 (precedente 7’40’’20 di Zhang Lin del 2009)
  • Yang Junxuan nei 100 stile donne con 51’’78 (precedente 52’’04 di Zhu Menghui del 2018, prima cinese sotto i 52’’ in vasca corta)
  • Tang Qianting nei 100 rana donne con 1’03’’15 (prima 1’03’’47 suo del 2021, anche nuovo record asiatico e 9° crono all-time). Qianting firma il nuovo primato nazionale e asiatico anche nei 50 rana: in finale timbra 29’’19 migliorando quanto nuotato in batteria di 29’’43. Questo crono le era bastato per cancellare il record d’Asia di Reona Aoki del 2020 di 29’’57 e migliorare il suo primato nazionale siglato il giorno prima in 29’’65 al passaggio dei 100, a sua volta record ancora meglio del suo personal best di 29’’79 del 2021!!!
Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Share and Enjoy !

Shares