Noè Ponti torna a casa. 

Il nuotatore svizzero, con un post social ha spiegato che tornerà ad allenarsi in Ticino, dove riprenderà la preparazione con Massimo Meloni e Andrea Mercuri, e gli altri membri del suo team.

Un crescente malessere mentale alla base di questa sua decisione a circa un mese dall’arrivo in North Carolina.

 

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

A post shared by Noè Ponti (@noeponti)

Su questo social probabilmente avete visto il mio arrivo alla NC State e la calorosa accoglienza che ho ricevuto dai miei compagni di squadra e allenatori.
Ciononostante, nelle ultime settimane ho incontrato alcune difficoltà che affondano in parte le loro radici in questi ultimi folli mesi. Con la fantastica medaglia vinta a Tokyo, la mia vita è cambiata radicalmente.

Sono ancora Noè, ma è innegabile che ho sperimentato un’accelerazione da zero a cento in meno di un secondo, senza nemmeno avere il tempo di realizzarlo. Al mio ritorno in Svizzera, sono stato accolto dall’entusiasmo e dal calore della mia famiglia, di tutti voi, dei media. Tra interviste e festeggiamenti mi sono ritrovato a fare le valigie per il mio trasferimento in North Carolina, quasi senza accorgermi di essere salito su un aereo. Il tutto senza un attimo di pausa o pausa e senza avere davvero il tempo di elaborare quello che mi è successo e mi sta ancora accadendo.

In questo mese negli Stati Uniti, più che cercare di capire cosa era successo, ho dovuto iniziare a conoscere un sacco di persone e un ambiente inevitabilmente diverso dal mio, iniziare corsi universitari e un nuovo percorso nel nuoto competitivo, con nuovi compagni di squadra e allenatori, che hanno cercato di accogliermi nel miglior modo possibile.

Nelle ultime settimane, una stanchezza sempre più evidente ha cominciato a affiorare in me, soprattutto da un punto di vista mentale, che ha creato, e ancora crea, diversi problemi nella gestione della vita quotidiana.
Grazie ai colloqui con il mio team in Svizzera, la mia famiglia e gli allenatori dell’università, sono giunto alla conclusione che per me, in questo momento, è necessario tornare alla base per sentirmi bene, mentalmente e fisicamente.

Così, avendo serenamente deciso di volare in North Carolina, ho anche serenamente deciso, insieme alle persone che mi sono vicine, di tornare in Ticino, dove riprenderò la preparazionecon Massimo Meloni e Andrea Mercuri, seguiti come sempre dagli altri membri del mio team.

Un grazie sincero anche a tutti coloro che mi hanno accolto all’Università di Stato di NC.

A proposito di International Swimmers Alliance, intervista a Matt Biondi

Matt Biondi non ha bisogno di presentazioni ma, nel caso qualcuno di molto giovane volesse un ripasso, basti pensare che si tratta di uno dei nuotatori più forti della storia. Ha vinto undici medaglie alle Olimpiadi- di cui otto ori - ed altrettante ai Mondiali (sei...

A Tokyo i Campionati in corta per i Mondiali di Abu Dhabi

In attesa di World Cup - 21/23 ottobre terza tappa a Doha in Qatar - e International Swimming League - playoff a Eindhoven a partire dall'11 novembre, il nuoto di alto livello va in scena a Tokyo, dove si sono svolti i Campionati Nazionali in vasca corta, validi per...

Fatti di nuoto weekly: danzando e polemizzando

Fatti di nuoto weekly torna alla sua versione old school, le notizie del nuoto una volta alla settimana, con calma, il mercoledì. E quale miglior argomento per riprendere se non il protagonista del primissimo numero di questa newsletter?Klete Keller Il pluri...

Coppa Comen 2021 | l’Italia vince classifica e medagliere a Belgrado

​La Coppa Comen è tornata! Dopo l’annullamento dell’edizione del 2020 e il rinvio nell’estate di quest’anno, a Belgrado il meglio del nuoto giovanile europeo si è riunito per iniziare alla grande la nuova stagione. Competizione riservata alla categoria Ragazzi, dove...

Storie di Nuoto: László Cseh, working class hero

Immaginate per un momento di avere un dono eccezionale, una dote naturale che vi rende incredibilmente bravi a nuotare. Immaginate che questa capacità sia scoperta da un allenatore estremamente lungimirante e capace, che affina la vostra tecnica in modo perfetto,...

Training Lab, La prestazione nel Nuoto in funzione del recupero attivo e passivo di varie durate

All’interno di una competizione natatoria così come di un allenamento intenso fatto di prove di sforzo massimali, l’andamento delle stesse può essere fortemente influenzato da diversi fattori. Primo fra tutti di sicuro è lo stato di forma o di affaticamento pregresso...

Il suo nome è collegato all’acqua (e a periodi perigliosi) da celebri richiami biblici, il suo cognome è di auspicio verso un futuro di minor diffidenza reciproca: Noè Ponti si è distinto, nell’ultimo mese del 2020, per la qualità dei crono e l’ampiezza dei progressi ottenuti.

Nato nel giugno del 2001 a Locarno, sulla sponda nord del Lago Maggiore, Ponti ha gareggiato assieme a Thomas Ceccon e Federico Burdisso nelle principali competizioni giovanili.

Il 2017 è l’anno delle sue prime medaglie internazionali, con un argento nei 100 delfino e due bronzi (nei 200 delfino e 200 misti) agli EYOF di Gyor, ma Ponti si è ben comportato anche agli Europei Junior di Netanya, quelli dello storico successo della 4×100 mista italiana sulla Russia di Kolesnikov, Kuimov e Girev.

Agli Europei Junior di Kazan, nel luglio del 2019, Ponti ottiene il suo primo alloro continentale, grazie al 23”48 con cui vince i 50 delfino. All’inizio della stagione olimpica deve fronteggiare un non voluto cambio di allenatore, prima che l’esplodere del Covid e il posticipo di tutti gli eventi olimpici, facciano sì che il suo primo test agonistico diventi il Qualification Meet a Rotterdam, ad inizio dicembre 2020.

I risultati sono oltre ogni previsione: nei 100 delfino Ponti nuota prima 51”24 in batteria e poi 51”15 in finale (aveva 52”60 come PB), nei 200 delfino ottiene 1’56”48 (aveva 1’58”96), nei 200 misti 1’59”72 (aveva 2’01”17). Due settimane dopo, sempre in vasca da 50 metri, nuota 1’47”76 nei 200 stile (aveva 1’50”43 di PB) e 49”95 nei 100 stile (aveva 51”47) allo Swiss Challenge di Uster.

Se il 51”15 nei 100 delfino rappresenta il crono di maggior peso specifico, è l’ampiezza dei progressi complessivi di Ponti, e l’impressione che ne abbia di cospicui per il futuro, a farne un prospetto di rilievo, anche per le staffette. Volendo giocare con la fantasia, una 4×100 mista composta da Ceccon, Martinenghi, Ponti e Miressi avrebbe un grande potenziale.

Peccato per quei pochi chilometri oltre il confine.

Nuotofan – 17 Gennaio 2021

Parole a dir poco profetiche quelle del nostro esperto forumista, Ponti conquista due finali agli Europei di Budapest 2021 nei 100 e soprattutto nei 200 delfino dove ha abbassato il record svizzero per due volte. Al Sette Colli è argento dietro a Milak nei 100 delfino 51.59 (a poco più 4 decimi dal record svizzero), sale sul terzo gradino del podio nei 50 delfino, e nei 200 delfino nuota un buon 1.56.10.

L’apice di questo 2021 arriva con la vittoria del bronzo olimpico nei 100 farfalla a Tokyo 2020, il suo 50.74 è primato personale, alle spalle di Caeleb Dressel al record del mondo in 49.45 e Kristof Milak che con 49.68 si deve accontentare del primato europeo.

Ben tornato a casa Noè, good luck!

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Share and Enjoy !

Shares