Da Brasilia direzione Parigi! È tempo Trials Brasiliani, vediamo subito cosa è venuto fuori dai Campionati Nazionali carioca!

Al via manca qualche atleta, quelli coinvolti nell’alluvione che ha colpito la zona del Rio Grande du Sol, mentre una parte di team olimpico è già formata, con coloro che hanno già il pass per Parigi ottenuto secondo i criteri della Federazione brasiliana grazie alle prove dei Campionati Mondiali.

Praticamente sicuri di un posto sono già Maria Fernanda Costa, Gabrielle Roncatto, Beatriz Dizotti, Guilherme Costa, Gui Caribè e Kayky Mota ai quali servirà solamente che non più di un atleta nuoti meglio e sotto al tempo limite richiesto per “rubargli” il posto guadagnato ai Mondiali.

Team brasiliano che è in cerca di ripartire, dopo le non brillanti ultime due edizioni dei Giochi, una dei quali proprio in casa a Rio. Di quattro medaglie, due sono arrivate dal nuoto di fondo, mentre le restanti sono i bronzi di Bruno Fratus, che non sarà a Parigi e Fernando Scheffer, che al termine dei Trials non rinnoverà il pass nei 200 stile trovando la qualifica solo per la 4×200. Insomma, da questi Trials si riparte da zero!

Nuotano sotto al tempo limite intanto la già qualificata Maria Fernanda Costa, che vince i 400 stile in 4’06’’11 (davanti a Gabrielle Roncatto con 4’09’’00), mentre ancora meglio fa nei 200 vinti in 1’56’’72 dopo aver in batteria timbrato 1’56’’35 che le vale il nuovo primato nazionale, mezzo secondo circa meglio di quanto nuotato da lei stessa in occasione dei Campionati del Mondo. Il tris lo cala negli 800, vinti anche qui con pass e nuovo primato nazionale di 8’28’’92, di poco meglio dell’8’29’’30 di Viviane Jungblut del 2021.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 misti

I 200 misti fanno parte del programma olimpico da dodici edizioni: inseriti nel 1968 sia al maschile che al femminile, hanno saltato le edizioni del 1976 e del 1980, anni nei quali si disputarono solo i 400 misti. Il club dei campioni è quindi ristretto a ventiquattro...

Fatti di nuoto Weekly: Elogio primaverile a Summer McIntosh

La primavera è una stagione straordinaria, forse la più bella. Più dell’inverno, che sa essere romantico ma anche rigido; più dell’autunno, che con i suoi colori è affascinante ma malinconico; più dell’estate, eccitante ma insopportabile nei suoi eccessi. Oggi, in...

60° Sette Colli | A Roma si comopleta la squadra Olimpica per Parigi 2024

Ci saranno tanti azzurri al via per il 60° Trofeo Sette Colli - Internazionali di nuoto, che si disputerà allo Stadio del Nuoto del Foro Italico di Roma, da venerdì 21 a domenica 23 giugno. Oltre ai prestigiosi titoli della manifestazione, in palio anche gli ultimi...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Canadesi

In Canada sono tutti pronti! Dopo un’intensa settimana di Trials, il team della foglia d’acero ha tirato fuori i suoi alfieri che voleranno a Parigi a caccia di medaglie. Saranno in 29 a difendere i colori canadesi in quel dei Giochi, e le ambizioni sono tutt’altro...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 farfalla

I 200 farfalla, una delle gare più dure del programma natatorio in vasca, hanno una storia olimpica abbastanza recente: i maschi si sfidano sulla distanza da Melbourne 1956 (per un totale di 17 campioni), mentre le donne da Città del Messico 1968 (14 campionesse).Il...

Fatti di nuoto Weekly: semplici problemi, semplici soluzioni

Con i Trials brasiliani alle spalle e quelli canadesi in corso (#hype McIntosh), Fatti di nuoto Weekly torna nelle vostre bacheche per tessere un filo che parte da Lia Thomas, passa da Ahmed Hafnaoui, Kristóf Milák e Michael Phelps per concludersi con Nicolò...

Pass olimpico anche per il neo brasiliano (fino a poco tempo fa gareggiava per gli Stati Uniti) Nick Albiero, che da conferma della bontà della sua scelta strappando un posto per Parigi nei 200 farfalla, vinti in 1’55’’52, terzo crono carioca di sempre.

Restando a farfalla conferma la qualificazione anche Kayky Mota che con 52’’65 mette la mano davanti a tutti e pur nuotando un tempo più alto rispetto a quello richiesto, resta il miglior brasiliano volando di diritto ai Giochi.

Più difficile la scalata verso l’olimpo carioca nella gara regina dei 100 stile uomini, ma per il buon Guilherma Caribè intanto c’è il pass olimpico: vince in 48’’16 beffando il più esperto Marcelo Chiereghini, secondo in 48’’41. Lo stesso Caribè replica poi anche nell’ultima giornata, dove timbra 21’’88 nei 50 che gli permetterà l’accoppiata in quel di Parigi.

Il roster del Brasile per Parigi

Nicolas Albiero
Guilherme Basseto
Guilherme Caribé
Marcelo Chierighini
Breno Correia
Guilherme Costa
Eduardo Moraes
Kayky Mota
Gabriel Santos
Murilo Sartori
Fernando Scheffer

Stephanie Balduccini
Maria Fernanda Costa
Beatriz Dizotti
Maria Paula Heitmann
Giovana Reis
Gabrielle Roncatto
Ana Carolina Vieira

Foto: Fabio Cetti | Corsia4