Budapest ospita i Campionati Ungheresi, nuotatori in vasca dal 9 al 12 aprile. In acqua ci sono tutti i big magiari, tra cui il latitante più famoso tricolore Kristóf Milák e la neo mamma Katinka Hosszú.

Presente anche una piccola delegazione azzurra che si è distinta specialmente nelle prove dello stile libero.

Milák risponde presente

Il campione olimpico di Tokyo 2020 è stato un caso nazionale per diversi mesi, ma adesso è ufficialmente tornato. Non gli mancava il pass per Parigi ma in quel di Budapest Milák ha confermato le prove in cui lo vedremo in acqua aggiungendo anche qualcosa.

Per volare ai Giochi infatti, i Nazionali non erano l’unico appuntamento valido, ma la finestra per la qualifica partiva dal primo marzo 2023 e si chiuderà a giugno dell’anno corrente.

Ma torniamo a Milák: vince con tempo limite i 50 stile, chiusi in 21’’89 affiancando il già qualificato Szebasztián Szabó in una prova dove troviamo al quinto posto anche Luca Dotto con 22’’43. Passa poi ai 100, chiusi in 48’’38 e ai 200, vinti in 1’48’’15. Completa il cerchio con le prove a farfalla: i 50 vinti in 23’’44, i 100 con 50’’99 e i 200 in 1’54’’90.

Il ritorno di Katinka

Ci voleva un miracolo per vedere la Hosszú qualificata per Parigi, ma è già stato bello rileggere il suo in gara.

La tre volte campionessa olimpica di Rio scende in vasca nei suoi misti, con il quarto posto dei 200 in 2’15’’50 e il quinto nei 400 in 4’47’’62.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 misti

I 200 misti fanno parte del programma olimpico da dodici edizioni: inseriti nel 1968 sia al maschile che al femminile, hanno saltato le edizioni del 1976 e del 1980, anni nei quali si disputarono solo i 400 misti. Il club dei campioni è quindi ristretto a ventiquattro...

Fatti di nuoto Weekly: Elogio primaverile a Summer McIntosh

La primavera è una stagione straordinaria, forse la più bella. Più dell’inverno, che sa essere romantico ma anche rigido; più dell’autunno, che con i suoi colori è affascinante ma malinconico; più dell’estate, eccitante ma insopportabile nei suoi eccessi. Oggi, in...

60° Sette Colli | A Roma si comopleta la squadra Olimpica per Parigi 2024

Ci saranno tanti azzurri al via per il 60° Trofeo Sette Colli - Internazionali di nuoto, che si disputerà allo Stadio del Nuoto del Foro Italico di Roma, da venerdì 21 a domenica 23 giugno. Oltre ai prestigiosi titoli della manifestazione, in palio anche gli ultimi...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Canadesi

In Canada sono tutti pronti! Dopo un’intensa settimana di Trials, il team della foglia d’acero ha tirato fuori i suoi alfieri che voleranno a Parigi a caccia di medaglie. Saranno in 29 a difendere i colori canadesi in quel dei Giochi, e le ambizioni sono tutt’altro...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 farfalla

I 200 farfalla, una delle gare più dure del programma natatorio in vasca, hanno una storia olimpica abbastanza recente: i maschi si sfidano sulla distanza da Melbourne 1956 (per un totale di 17 campioni), mentre le donne da Città del Messico 1968 (14 campionesse).Il...

Fatti di nuoto Weekly: semplici problemi, semplici soluzioni

Con i Trials brasiliani alle spalle e quelli canadesi in corso (#hype McIntosh), Fatti di nuoto Weekly torna nelle vostre bacheche per tessere un filo che parte da Lia Thomas, passa da Ahmed Hafnaoui, Kristóf Milák e Michael Phelps per concludersi con Nicolò...

Ultimi pass e un nuovo primato

Se la lista dei partenti per le Olimpiadi è già in buona parte pronta, qualche qualifica dell’ultimo momento è comunque arrivata. Per esempio centra il pass nei 200 misti Gábor Zombori grazie al crono di 1’57’’88 con il quale affianca il già qualificato Hubert Kós.

Biglietto olimpico anche in mano a Henrietta Fangli nei 100 rana, vinti con il nuovo primato nazionale di 1’07’’50 che cancella lo storico precedente di Agnes Kovacs di 1’07’’79 datato addirittura Sydney 2000!

Gli ultimi pass li prendono Vivien Jackl nei 400 misti, chiusi in 4’34’’96 che le vale a soli quindici anni anche la terza performance ungherese di sempre dietro a Hosszú e Jakabos e Boglárka Kapás brava a centrare la qualifica nei 200 farfalla, vinti in 2’08’’15.

Azzurri

Dotto non era l’unico italiano presente:buone prove per Francesca Fresia, terza nei 200 misti in 2’14’’52 e quarta nei 400 con 4’41’’57 e Davide Marchello, terzo nei 400 stile in 3’51’’44, primo in finale B nei 200 con 1’50’’38 e quinto settimo negli 800 in 8’05’’60. Presenti anche Lorenzo Galossi, terzo nella finale B dei 200 stile con 1’50’’67 e Ivan Giovannoni, che chiude sesto i 400 stile in 3’54’’85 e quinto gli 800 con 8’02’’26.

In campo femminile troviamo Elena Di Liddo, seconda nei 50 farfalla con 26’’94 e quinta nei 100 in 59’’55 mentre si piazza anche Giulia Ramatelli che chiude quarta i 400 stile in 4’14’’96, sesta i 200 in 2’01’’04 e settima gli 800 in 8’47’’15.

I qualificati per Parigi 2024

David Betlehem: 800 e 1500 stile
Adam Jaszo: 100 dorso
Hubert Kos: 100 e 200 dorso, 200 misti, 100 farfalla
Richard Marton: 200 farfalla
Kristóf Milák: 50 stile, 100 e 200 farfalla
Kristof Rasovszky: 400 e 800 stile
Zalan Sarkany: 1500 stile
Szebasztián Szabó: 50 stile
Adam Telegdy: 200 dorso
Gabor Zombori: 200 misti

Henrietta Fangli: 100 rana
Vivien Jackl: 400 misti
Boglárka Kapás: 200 farfalla
Ajna Kesely: 400 e 800 stile
Dara Molnar: 200 dorso
Nikolett Padar: 200 stile
Dalma Sebestyen: 200 misti
Ester SzaboFelthothy: 200 dorso

Foto: Fabio Cetti | Corsia4