Dopo ben due anni di stop per i noti motivi legati alla pandemia, tornano finalmente i Criteria, dal 25 al 30 marzo presso lo Stadio del nuoto di Riccione.

Ci sono diversi motivi che rendono i Criteria la più grande manifestazione giovanile – e forse non solo – del panorama natatorio italiano.

Innanzitutto, gli ex Campionati di Categoria Invernali si svolgono in vasca da 25, la più presente sul territorio e di conseguenza la più utilizzata dagli atleti, che si preparano lungo tutto l’autunno e l’inverno per potersi qualificare e poi migliorare proprio in questo evento. Questo fa sì che i Criteria siano il ritrovo dei migliori talenti italiani a livello giovanile e, spesso, anche il luogo dove questi talenti esplodono per la prima volta. La maggioranza dei nuotatori che poi raggiungono la Nazionale maggiore è passata da Riccione – e in precedenza da Imperia e Desenzano – ed in queste vasche si è per le prime volte espressa ad alti livelli, confrontandosi con i coetanei provenienti da tutta la Nazione.

Ci sono poi motivazioni emozionali ed agonistiche che rendono i Criteria una gara unica e irripetibile, lo sanno bene tutti quelli che, anche solo una volta, hanno partecipato. Spesso ci si qualifica per i Criteria da quasi bambini, 14 o 15 anni, e ci si esce da quasi adulti, 18 o 19 anni, percorrendo tutta l’adolescenza e lasciando in quelle vasche ricordi indelebili.

La tensione pre gara, la voglia di competere, di ritrovarsi con amici e conoscenti lontani e di misurarsi con i più forti in Italia, la soddisfazione per i risultati e, a volte, la delusione per le sconfitte sono tutti pezzi di un grande puzzle che, ricomposto, rende i Criteria il quadro della propria adolescenza in vasca.

Vediamo quindi i dati dei Criteria, fermi all’ultima edizione svolta cioè quella 2019, nella quale troviamo diversi nomi che nel frattempo sono stati protagonisti in Nazionale maggiore.

Nel 2019 sono stati battuti 26 record totali, dato estremamente positivo che conferma il trend da sopra i 20 record ormai che dura da un quinquennio.

Protagonista indiscusso è stato Alberto Razzetti (FF Gialle / Genova Nuoto) autore di 3 record cadetti – nei 200 farfalla il suo 1’52”80 è stato anche record italiano assoluto – su 5 titoli individuali. Lo seguono a quota 2 record alcune conoscenze della Nazionale maggiore come Thomas Ceccon (Leosport) nei 50 farfalla e 100 dorso tra gli junior 2 e Nicolò Martinenghi (GS Fiamme Oro / NC Brebbia) nei 50-100 rana cadetti.

Nella sezione femminile, appaiate a 2 record a testa Giulia D’Innocenzo (Carabinieri) e Giulia Salin (Nuoto Venezia) tra i cadetti e Sofia Sartori (Leosport) tra le junior 1.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

I TEMPI dei vincitori

Ma per meglio prepararci alla manifestazione proponiamo un ripasso dei tempi nuotati dai vincitori delle ultime cinque edizioni (dal 2015 al 2019) in ogni specialità.

Le tabelle possono essere lette in due modi:

  • SEGUI LA RIGA
    Seguendo la riga temporale, scopriamo di anno in anno il tempo del vincitore della categoria specifica.
  • SEGUI IL COLORE
    Seguendo il colore, possiamo scoprire l’evoluzione del tempo del vincitore di ogni rispettivo anno di nascita.
STILE LIBERO Femmine - CLICK per aprire

DORSO Femmine - CLICK per aprire

RANA Femmine - CLICK per aprire

FARFALLA Femmine - CLICK per aprire

MISTI Femmine - CLICK per aprire

Non essendoci bisogno di molte parole, passiamo alle tabelle MASCHILI!

Ricorda, le tabelle possono essere lette in due modi:

  • SEGUI LA RIGA
    Seguendo la riga temporale, scopriamo di anno in anno il tempo del vincitore della categoria specifica.
  • SEGUI IL COLORE
    Seguendo il colore, possiamo scoprire l’evoluzione del tempo del vincitore di ogni rispettivo anno di nascita.

Questi i colori assegnati agli anni di nascita:

STILE LIBERO Maschi - CLICK per aprire

DORSO Maschi - CLICK per aprire

RANA Maschi - CLICK per aprire

FARFALLA Maschi - CLICK per aprire

MISTI Maschi - CLICK per aprire

(Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4)