Con la quinta e ultima giornata si chiudono i trials USA del 2023. Il finale è di quelli da sceneggiatura hollywoodiana: scoprilo nel nostro recap.

1500 stile libero donne

Conferme non ne servivano, ma questi 1500 ci dicono che Katie Ledecky è in gran forma e resta la donna da battere nel mezzofondo. Ai trials 2023 nuota 15.29.64. sesto tempo di sempre, ed ora ha i primi 15 migliori crono della storia nel miglio in vasca. A seguirla, 29 secondi dopo, è Katie Grimes, 15.58.34.


200 misti donne

Gara di livello elevato, con Kate Douglass che vola nella frazione a stile (30.40) e mette a segno la seconda prestazione dell’anno in 2.07.09, seguita da Alex Walsh, a lungo al comando della gara, che chiude con un ottimo 2.07.89.

200 misti uomini

Nessun problema per l’argento di Budapest Carson Foster, che vince con ampio margine in 1.56.19, rifilando più d un secondo agli inseguitori. Molto emozionante la lotta per il secondo posto, che significa anche qualificazione a Fukuoka, A spuntarla è Shaine CAsaas, che chiude in 1.57.47, precedendo Julian, Lasco e Smith, tutti sotto l’1.58.


800 stile libero uomini

Bobby Finke scende a 7.40.34, piazzandosi in testa alle graduatorie 2023 davanti a Sam Short, pronto per difendere il titolo a Fukuoka 2023. L’americano nuota una gara costante, tutta intorno ai 29 secondi, con l’ultimo 50 in 26.80, una chiusura a modo suo. Ross Dantistiche è secondo con il p.b. di 7.48.10, terzo Will Gallant in 7.50.75.

L’Italia trionfa alla Coppa Comen – Mediterranean Swimming Cup 2024

L'Italia si conferma ai vertici nella tre giorni della Coppa Comen – Mediterranean Swimming Cup 2024 che si è disputata a Limassol - Cipro - confermando la vittoria delle ultime stagioni (Limassol 2022 e Larissa 2023). Gli azzurrini conquistano 37 medaglie - 16 ori,...

Fatti di nuoto Weekly: cavare il sangue dalle rape

Piccola e impopolare riflessione sul nuoto contemporaneo di Fatti di nuoto Weekly.  Nello scrivere settimanalmente di nuoto, per questa rubrica e non solo, passo due terzi dell’anno a cercare le notizie più nascoste, le curiosità, gli anniversari, le piccole...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Australiani

Anteprima dei Giochi dalla terra dei canguri! A cosa abbiamo assistito in questi sei giorni australiani? Livello fuori dal comune quello visto a Brisbane, pari ormai a quello che possiamo trovare nei Trials USA, che fanno dell’Australia la seconda potenzia mondiale...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

50 stile libero donne

Si chiude con lo sprint dei 50 stile, che al femminile viene vinto da Abbey Weitzel in 24.00, secondo crono al mondo dell’anno. La segue Gretchen Walsh in 24.31, mentre al terzo posto ci sono Douglass e Smoliga, parimerito in 24.48.


50 stile libero uomini 

La chiusura dei trials 2023 ha un sapore da dramma cinematografico, con sette atleti che scendono sotto i 22 secondi, tutti in cerca di uno spot per i Mondiali di Fukuoka. Vince Ryan Held, che con 21.50 stabilisce il secondo tempo dell’anno dietro solo Cameron McEoy. Al secondo posto Jack Alex, che si migliora fino a 21.63 (quarto al mondo del 2023) e batte di un solo centesimo Michael Andrew. Il polivalente velocista, in questo, modo è escluso dal roster per i Mondiali: ha vinto i 50 farfalla, che però sono distanza non olimpica, e in un roster che può contenere un massimo di 26 atleti perde priorità rispetto ai colleghi qualificati nelle distanze olimpiche e nelle staffette.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4