Sabato 22 gennaio c’è stato un evento che mi ha colpito molto; per la sua unicità, organizzazione e tipologia di contenuti. Non è mai scontato trovare professionisti tanto preparati quanto umani. Ecco perché sono orgoglioso di aver partecipato. Ecco perché lo vogliamo raccontare.

“RESPIRAZIONE e PERFORMANCE” è un seminario che rappresenta l’ultimo appuntamento del 1° ciclo di incontri, dedicato ad atleti master e genitori, organizzato da Gonzaga Sport Academy.

Ci accoglie Nicola Mascherin, allenatore “friulano” delle squadre agonisitiche di Gonzaga Sport Club, nonché “mente” di questo contenitore di approfondimento sportivo che – come sottolinea Nicola stesso – “Senza il supporto fondamentale di Erich Persico e Simona Borgomaneri, gestori dell’impianto sportivo milanese di Via Settembrini, tutto questo non sarebbe stato possibile, così come il sostegno per me fondamentale della mia fidanzata Letizia”.

Gonzaga Sport Academy è una società parallela a Gonzaga Sport Club, nata da un’idea che io, Erich e Simona, abbiamo avuto dopo questi 2 anni di pandemia, consolidata dopo le ultime olimpiadi di Tokyo, nelle quale è emerso un lato dello sport che si conosceva poco.

Lo sportivo da sempre immaginato come invincibile e infallibile, è parso invece “fragile”. Ci si è accorti che non basta solo la preparazione fisica, ma sono necessarie ad oggi tutta una serie di figure di supporto.

Con alcuni miei atleti di Piscina Melegnano sono seduto in prima fila, nell’accogliente e moderno palazzetto dello sport, gremito da Master, genitori e sullo sfondo dalla squadra agonistica di Gonzaga Sport Club al completo.

“L’obbiettivo dell’Academy – rilancia l’ideatore friulano – è formare gli atleti agonisti, sin da giovani, insegnano loro i fondamenti dello sport che saranno necessari non solo per una crescita sportiva, ma per affrontare al meglio le sfide della vita. Ecco che con questo percorso, potremmo avere così degli atleti maturi, in grado di affrontare al meglio lo sport di alto livello, superando anche le difficoltà più piccole della vita quotidiana.

L’Academy – suggerisce Nicola – pone il focus anche verso atleti master e soprattutto genitori che sono un pilastro fondamentale nella crescita dei propri figli. Ricordo il motto – Allenati nello Sport, Allenati nella vita”.

C’è un silenzio nel palazzetto quasi magico. È il momento di presentare il protagonista della giornata, il relatore, quello che noi osiamo definire il “guru” della respirazione.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

“Con grande piacere e immensa stima – ci dice un emozionato Mascherin – vi presento il dott. Mike Maric, docente universitario, campione del mondo di Apnea nel 2004, allenatore ed insegnante di tecniche di respirazione, che ha seguito e segue moltissimi atleti tra i quali: Filippo Magnini, Federica Pellegrini, Luca Dotto e Federico Morlacchi nel nuoto, Igor Cassina nella ginnastica artistica, Sara Cardin nel karatè, le nazionali di pallanuoto e rugby, il team Trek-Segafredo nel ciclismo, Arianna Errigo nella scherma e molti altri. Mike è autore di libri, tradotti anche in inglese, tra i quali citiamo “La scienza del respiro” e “Il potere antistress del respiro”, e ultimamente è stato insignito dal Coni con la “Palma di Bronzo”.

Mike prende la parola con uno sguardo sinceramente stupito per la presenza tutta quella gente.

Il potere dell’apnea, il meraviglioso controllo della respirazione, non lo scopri quando diventi campione del mondo, ne tantomeno quando sei consapevole di riuscire a trattenere il fiato per più di 6 minuti sentendoti acquaman; lo rivaluti, lo assapori, lo accarezzi, solo quando prendi consapevolezza di come l’allenamento della respirazione può realmente cambiarti la vita.

Diciamo che come inizio non c’è male; che Mike fosse un personaggio non lo scopriamo di certo adesso.

“Prima di farvi vedere delle esercitazioni pratiche che, se consolidate, vi cambieranno davvero lo stile di vita, non solo la performance sportiva – continua Mike – vorrei sottolineare quanto sia stata importante per me la famiglia. Aiutare i vostri figli in questo percorso sarà meraviglioso”.

Il seminario scorre dolcemente, come se all’interno del palazzetto ci fosse caduta addosso una nuvola; la sensazione di quiete ci pervade. Si parla del “Ciclo della Prestazione”, rappresentato da un triangolo immaginario, dove ai lati e sulle punte ci sono i 6 punti cardine del “risultato”:

ALLENAMENTO: capacità di fare fatica.
NUTRIZIONE: noi siamo ciò che mangiamo; dobbiamo vivere per nutrienti non per alimenti.
MENTE: la motivazione parte dall’atleta.
RECUPERO: non è importante quanto dormiamo ma come.
NUTROUCETICA: giusta integrazione
TECNICA DI RESPIRAZIONE: come controllare il proprio respiro.

“Spesso, sia durante la prestazione sportiva, ma anche nella nostra quotidianità, siamo sopraffatti dalle paure, dalle ansie, che ci bloccano, ci portano in uno stato di agitazione e confusione che ci destabilizza – ci dice Mike Maric in uno dei suoi tanti esempi – ecco che è fondamentale rilassarsi, porre l’attenzione sul respiro e non sulle suggestioni esterne, abbassare la frequenza cardiaca. Così diminuiscono i battiti e conseguentemente la pressione arteriosa. Imparare a respirare in maniera DIVERSA deve essere un obbiettivo fondamentale”.

Pazzesco come ci si possa isolare dal mondo ascoltando noi stessi e la nostra respirazione. Durante una delle tante esercitazioni ho avuto la netta sensazione di essere da un’altra parte.

Poi ci sono stati i numeri, 3-6, 4-8, 3-6-5, che non sono degli schemi calcistici alla Oronzo Canà, ma tutta una serie di esercitazioni pratiche per “allenare” la respirazione.

“Il mediatore della fatica è senza dubbio il respiro – conclude il Prof. Maric – bisogna spostare in continuazione l’asticella per poter influire in maniera decisiva sul “marginal game” che la respirazione può fornire alla performance sportiva”.

Guru, umano, simpatico, ma anche genio aggiungerei.

Non potevamo farcelo scappare alla fine dell’evento, per scambiare qualche battuta.

Hai collaborato con tanti campioni dello sport, di qualcuno hai un ricordo particolare? Chi è il più forte mentalmente?

Tutti i ragazzi di alto livello con cui ho collaborato, dal nuoto, alla pallanuoto, il triathlon, li ricordo tutti perchè c’è un legame affettivo. Devo dire che veramente con tutti c’è stima e affetto reciproco.

Mi è piaciuto molto lavorare con Filippo Magnini perché è passato da atleta a fine carriera, a utilizzare quello che facevo io nel dopo carriera per la gestione dei problemi che ha avuto come l’insonnia, per poi ritornare a lavorare in acqua nuovamente quando è rientrato pur sapendo dei limiti dell’età. Inoltre ha saputo anche trarre beneficio dagli esercizi sulla respirazione quando ha contratto il covid. Lui rappresenta proprio la mentalità di quello che non molla mai.

In generale se ti applichi i beneifici li hai, ho preso come esempio Filippo perchè ha ormai 40 anni, per dire che se ci lavori hai margine, ma si può iniziare anche da giovani.

E per chiudere una curiosità più tecnica, si può quantificare il miglioramento della prestazione, in termini cronometrici, grazie ai benifici della respirazione diaframmatica?

Ci sono tanti fattori che possono influenzare la prestazione oltre al livello dell’atleta, l’età, il costume, la cuffia, la vasca, l’allenamento, ecc.. quello che posso dire è che la respirazione condiziona la perfomance fino al 2% perchè è in grado di ridurre il costo energetico.

Foto copertina: Action Agency