Il titolo non è quello di una favola per bambini appassionati del mare, ma è la storia di come una passione può diventare un progetto concreto.

Inauguriamo oggi una rubrica dedicata al quinto stile del nuoto: l’apnea.

Le subacquee nelle fasi post partenza e virata stanno diventando un elemento fondamentale per la corretta esecuzione di queste parti tecniche del nuoto. Gli atleti di alto livello oltre a curare il gesto stanno sempre più dando importanza all’allenamento dell’apnea.

E da chi potevamo farci accompagnare in questo mondo sommerso se non da Mike Maric e Valter Mazzei ideatori del progetto SWIM LIKE A DOLPHIN®

Valter è il Direttore Tecnico della Nazionale di Nuoto Pinnato, allenatore del pluricampione e recordman mondiale di apnea Stefano Figini.

Mike dal 2013 cura la parte di allenamento di apnea del gruppo di Matteo Giunta, l’ormai famoso Pool Metal Jacket del quale fanno parte Federica Pellegrini e Filippo Magnini.

Andremo quindi a scoprire il progetto SWIM LIKE A DOLPHIN® com’è nato, quali sono gli obiettivi, come si è sviluppato nel tempo e quali sono le collaborazioni con uno sguardo al prossimo futuro.

Apprenderemo quanto si può imparare dalla nuotata dei delfini per migliorare in primis la nuotata subacquea e quindi le prestazioni in apnea, il tutto arricchito da una introduzione alla tecnica del nuoto pinnato.

Iniziamo questo viaggio nei meandri dell’apnea raccontandovi gli esordi di questo progetto.

Assoluti 2024 | Elenco iscritti, cosa possiamo aspettarci?

Sono uscite le entry list dei Campionati Assoluti Primaverili, che si svolgeranno allo Stadio del Nuoto di Riccione dal 5 al 9 marzo. Dopo aver provato a immaginare lo scenario e i duelli per i posti Olimpici disponibili, ora possiamo iniziare a ragionare su chi ci...

Fatti di nuoto Weekly: le acque mondiali e le acque della Senna

Nella settimana cuscinetto tra i Mondiali e gli Assoluti dobbiamo dare spazio ad alcune notizie sparse che vengono dal mondo del nuoto e dintorni. Perché Fatti di nuoto Weekly è qui anche per questo, giusto?La Senna A Parigi 2024 si nuoterà nella Senna, forse. Il...

Training Lab, tante strade una sola meta: la Velocità

L’allenamento del nuoto presenta sempre una grande sfida per gli atleti, ma in primo luogo per gli allenatori. Oggigiorno il nuoto mondiale sembra essere uscito veramente dagli schemi comuni del secolo scorso, proprio per la grande varietà di metodologie allenanti che...

Verso gli Assoluti 2024, il punto sui probabili Olimpici del Nuoto

Manca una settimana ai Campionati Assoluti Primaverili di Riccione, tappa fondamentale per l’avvicinamento del team italiano all’appuntamento Olimpico di Parigi 2024, ed è quindi arrivato il momento di fare un pò di chiarezza.Nel complicato intricarsi di regole,...

SwimStats, il Mondiale di Doha 2024 in 10 punti

Ultimo approfondimento Mondiale con 10 numeri da ricordare direttamente da Doha 2024.Gli atleti italiani qualificati per Parigi Se Doha doveva essere una prova generale, allora direi che è andata bene. L’Italia ne esce con diverse certezze, una su tutte la...

Speciale Master, Coopernuoto trionfa ai Regionali Emilia Romagna 2024

Archiviati i Campionati Regionali Emilia Romagna che si sono svolti domenica 11 e 18 febbraio 2024 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione che si conferma uno dei migliori impianti natatori a livello di ospitalità e logistica per le manifestazioni natatorie. Cinque i...

Parigi 2024, 28 pass per l’Italia del nuoto alle Paralimpiadi

Il World Para Swimming ha comunicato il numero di slot assegnati all'Italia per le Paralimpiadi di Parigi 2024. Sono ben 28 - 16 maschili e 12 femminili - i pass guadagnati dall’Italia per la partecipazione ai prossimi Giochi Paralimpici che si terranno dal 28 agosto...

Fatti di nuoto Weekly: tre cose da Doha

I Mondiali di Doha sono finiti, ma non la voglia di parlarne. Dell’Italia abbiamo già parlato in lungo e in largo, quindi in Fatti di nuoto Weekly troviamo altri tre temi per raccontare la rassegna iridata più vicina alle Olimpiadi di sempre.La Cina È stato...

Swim.Mi.CUP Night Edition 2024, successo per la terza edizione all’Aquamore Bocconi

Mentre a Doha andava in scena la penultima giornata dei Campionati Mondiali, Milano si faceva bella per una notte a tutto nuoto grazie Swim.mi.cup Night Edition 2024, direttamente dal Bocconi Sport Center. Mancavano ovviamente i big azzurri ed è stata questa...

Doha 2024 | Quanto valgono le medaglie Mondiali degli italiani?

Un piccolo ragionamento, medaglia per medaglia - in rigoroso ordine cronologico - su ogni podio italiano a Doha 2024. Che valore ha? Dove può portare?Argento 4x100 stile libero uomini Se alla vigilia avessimo dovuto mettere qualche medaglia già in cassaforte, la 4x100...

MIKE MARIC

Nel 2003 Valter Mazzei tecnico della NPS Varedo con gli atleti Davide Manca, Anna Di Ceglie e un emergente Stefano Figini (categoria Juniores) sono venuti in Croazia per fare qualche giorno di vacanza dopo i Campionati Europei in Repubblica Ceca. Mentre stavo tenendo un corso, me li hanno presentati.

Io non sapevo chi fossero… Valter mi si presenta come “il coach” ed io, convinto di essere un “molto capace”, propongo di fargli vedere come nuoto con la monopinna. Valter, mi osservò e mi disse: “ci possiamo lavorare”.

E devo dire che da lì è nato tutto: il suo approccio tecnico mi ha permesso in poco tempo di fare il salto di qualità. Prima chiudevo a malapena i 70 metri in apnea e con le sue nozioni tecniche sono passato a raddoppiare le distanze.

Valter mi ha dato una strategia tecnica di allenamento eccellente, mi ha permesso di capire come utilizzare la monopinna in un certo modo, con una certa logica e con una certa propedeutica che era quella che arrivava dal nuoto pinnato.

Siccome questa metodologia non c’era nel mondo apnea, una volta smesso di gareggiare, ho cominciato a “lavorare” un po’ con Valter sul “come si nuota in un certo modo”. E da qui è nata una filosofia di lavoro, che a sua volta è diventata un progetto: SWIM LIKE A DOLPHIN® MONOFIN PROJECT.

VALTER MAZZEI

Ci siamo conosciuti a Rovigno (in Croatia, NdR). Io tornavo dai Campionati Europei svoltisi in Repubblica Ceca, con alcuni atleti della Nazionale di nuoto pinnato e ci siamo fermati a Rovigno per allenarci per delle gare di fondo.

Un produttore di monopinne mi ha presentato Mike, dicendomi che desiderava proporre uno stage sull’uso della monopinna. Mike mi ha fatto vedere come nuotava con la monopinna… pensando di nuotare bene, sigh! Beh, per farla breve gli ho detto: “devi cambiare completamente tipologia di nuotata perché nuoti veramente male!”.

Mike ha osservato come nuotavano i ragazzi con la monopinna e ha capito che c’era da lavorarci su ma anche che avrebbe potuto avere grandi benefici migliorando la propria tecnica. Quindi ha cominciato ad allenarsi con me.

Da lì poi io mi sono avvicinato al mondo dell’apnea; conoscevo Umberto (Pelizzari, NdR) per motivi personali (stessa facoltà Universitaria), anche se non lo avevo mai frequentato in ambito apneistico, mentre Mike lo conosceva perché era il suo assistente (di superficie nel Team Sector No Limits).

(Intervista a cura di L. Vergani | Introduzione C. Scaramel)

(Foto copertina: Mike Maric Official | Facebook)

Salottino: Mike Maric e i Mondi Sommersi!

Un Salotto un po’ speciale un personaggio fuori dagli schemi… ma neanche poi tanto.
Un’intervista tutta da ascoltare: mettetevi comodi ed entrate nel Salotto di Corsia4 …