In questo articolo cercheremo di analizzare alcuni piccoli dettagli per affrontare al meglio una gara in acque libere.
Vediamo subito cosa non dovrebbe mancare nella borsa da competizione di ogni nuotatore di acque libere:

  1. Occhialini di tipo NON svedesi (per alleviare i danni causati dai contatti che specialmente in partenza e nei cambi di direzioni di boe possono avvenire).
  2. Crema (o vaselina)  con relativi guanti in lattice per poter passare sotto le ascelle, collo e spalla il composto con il fine di evitare abrasioni e bruciature e non compromettere la sensibilità e pulizia delle mani. Mani che toccheranno occhialini, cuffia e altro e che potrebbero, senza l’utilizzo dei guanti in lattice, diventare “inutilizzabili”.
  3. Il costume giusto per te: non serve per forza il costume bello e costoso, ma il giusto modello che deve rimanere comodo mentre si nuota, visto che si nuoterà per diverso tempo. Se un costumone completo ad esempio, limita i movimenti e l’ampiezza dell’atto respiratorio meglio scegliere un costumone solo pantalone!
  4. La cuffia importantissima… per chi ha i capelli! Pensare di nuotare per diverso tempo senza cuffia è “impossibile” cosi come aggiustarsi la cuffia che scappa via: “un incubo”. Prendete e indossate la vostra cuffia preferita (anche se gli allenatori vi diranno sempre che la cuffia più bella e che vi sta bene è solo quella della società).

 

Rinvio Tokyo 2020, la voce degli atleti

I leader del G20, in una dichiarazione straordinaria pubblicata giovedì 26 marzo, hanno affermato: "Apprezziamo gli sforzi per salvaguardare la salute delle persone attraverso il rinvio di grandi eventi pubblici, in particolare la decisione del Comitato olimpico...
Read More

La mente del nuotatore durante l’emergenza sanitaria

Alcuni aspetti e consigli psicologici per nuotatori durante l’emergenza sanitaria Il mondo del nuoto, al pari di ogni altro ambito della nostra società, è stato totalmente sconvolto dall’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del COVID-19. Per i nuotatori e le...
Read More

SwimStats Tokyo2020 Special | i 200 Misti

Nonostante la decisione, da noi pienamente condivisa, di rinviare le Olimpiadi di Tokyo2020 al 2021 continuiamo a proporvi l'appuntamento settimanale con l'edizione speciale della nostra rubrica statistica. In questa decima puntata analizziamo la specialità dei 200...
Read More

Tokyo 2020 | Nell’attesa delle nuove date i commenti degli atleti

Il 24 marzo 2020 il CIO ha finalmente sciolto le riserve, i Giochi Olimpici e Paralmpici di Tokyo2020 sono rimandati a data da destinarsi entro la fine dell'estate del 2021. Dopo due giorni la task force per la supervisione del rinvio dei Giochi ha tenuto il suo primo...
Read More

Olimpiadi, Fede “one more year”

Non vogliono farmi smettere di nuotare! Federica Pellegrini, 24 marzo 2020 Dopo un lungo periodo di indecisione, nel quale si sono rincorse molte voci più o meno ufficiali, la notizia è finalmente arrivata: le Olimpiadi di Tokyo2020 sono state rimandate. Secondo...
Read More

Tokyo 2020 | Barelli, il rinvio dell Olimpiadi, decisione scontata

Meglio tardi che mai. Trovo che la decisione di rinviare le Olimpiadi sia scontata Il presidente della Federnuoto Paolo Barelli non è sorpreso dalla decisione comunicata dal CIO di posticipare al 2021 i Giochi di Tokyo, in origine in programma dal 24 luglio al 9...
Read More

Sabato 28 marzo: il #MiglioSMART ai tempi del Covid-19

Non è una gara, ma in casa, sulle scale, in giardino, la sfida è fare un miglio In un momento storico particolarmente difficile e complicato, per sabato 28 marzo, per tutto l’arco delle 24 ore, il brand Iovedodicorsa di Marco Frattini in collaborazione con CiaoRunner...
Read More

A lezione di respiro con Mike Maric

Gli esercizi da fare a casa per migliorare la respirazione secondo lo scienziato del respiro Mike Maric Il campione di apnea, membro del Team Michael Phelps, medico e coach di grandi campioni di nuoto, ci spiega gli esercizi per migliorare il respiro nei momenti di...
Read More

Tokyo 2020 | Olimpiadi SI, Olimpiadi NO

Il 21 febbraio 2020 veniva ufficializzato il primo caso di coronavirus in Italia, nella cittadina di Codogno, in provincia di Lodi. È passato poco più di un mese da quel venerdì pomeriggio nel quale ancora in molti parlavano di “poco più che un’influenza” e nel...
Read More

Bruno Fratus: atleti facciamo sentire la nostra voce

Il nuotatore brasiliano Bruno Fratus con un intervista su UOL sport si fa portavoce di un importante messaggio per tutti gli atleti del mondo dello sport: I giochi olimpici sono nostri, facciamo sentire la nostra voce Ogni giorno in cui il CIO - Comitato Olimpico...
Read More

Per quanto riguarda il percorso dovete capire le dinamiche intrinseche: boe da tenere a destra o a sinistra , boe direzionali e come è stato pensato l’arrivo, oltre ad individuare dei punti di riferimento.
Ci possono essere diversi tipi di campi gara e diverse comformazioni delle coste dove il percorso si presenta, ma una cosa la possiamo dare per certa ci saranno sempre: strutture con tetti colorati, alberi piu grandi degli altri, edifici particolari o conformazioni delle montagne che possono contribuire alla vista dei punti di riferimento che possiamo seguire oltre alle boe (spesse volte troppo lontane e se con il mare leggermente increspato inefficaci ). Il consiglio è quello di trovarne 2 punti per evitare errori di prospettiva.
Se possibile anche da terra fissate dei punti di riferimento altrimenti entrate in acqua e nuotando in scioltezza arrivate alla linea della boa per capire come comportarsi successivamente in gara.

Alla partenza calcolare sempre la traiettoria piu breve per incontrare la prima boa da passare a destra o a sinistra.

Altro consiglio importantissimo è quello di valutare le correnti, il vento e la condizione dello specchio d’acqua dove si gareggia e in proporzione a queste affrontare le traiettorie piu adeguate per mantenere il percorso piu breve possibile.

In caso di onde dovete cercare di sincronizzare il momento in cui cercate di vedere la direzione o il percorso (boe o arrivo) durante la cresta dell’onda. Il rischio maggiore è capitare nel cavo dell’onda – la parte piu bassa – alzare la testa e vedere solo acqua davanti ed intorno a noi, cosa che ci trasporta nel panico e destabilizza le nostre attenzioni e forze per correggere la direzione.

Se vi è possibile seguite un gruppetto o un nuotatore davanti a voi sempre e solo se siete convinti che stia seguendo la giusta direzione e non abbiate timore di creare e leggere la gara in maniera totalmente diversa dagli altri… magari siete voi nel giusto.

Cercate di seguire questi piccoli consigli e poi create il vostro modo di affrontare ogni gara in modo diverso, ma più di tutti sperimentate e divertitevi.

W il nuoto e W le Acque Libere !!!

(foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4.it)