In questo articolo cercheremo di analizzare alcuni piccoli dettagli per affrontare al meglio una gara in acque libere.
Vediamo subito cosa non dovrebbe mancare nella borsa da competizione di ogni nuotatore di acque libere:

  1. Occhialini di tipo NON svedesi (per alleviare i danni causati dai contatti che specialmente in partenza e nei cambi di direzioni di boe possono avvenire).
  2. Crema (o vaselina)  con relativi guanti in lattice per poter passare sotto le ascelle, collo e spalla il composto con il fine di evitare abrasioni e bruciature e non compromettere la sensibilità e pulizia delle mani. Mani che toccheranno occhialini, cuffia e altro e che potrebbero, senza l’utilizzo dei guanti in lattice, diventare “inutilizzabili”.
  3. Il costume giusto per te: non serve per forza il costume bello e costoso, ma il giusto modello che deve rimanere comodo mentre si nuota, visto che si nuoterà per diverso tempo. Se un costumone completo ad esempio, limita i movimenti e l’ampiezza dell’atto respiratorio meglio scegliere un costumone solo pantalone!
  4. La cuffia importantissima… per chi ha i capelli! Pensare di nuotare per diverso tempo senza cuffia è “impossibile” cosi come aggiustarsi la cuffia che scappa via: “un incubo”. Prendete e indossate la vostra cuffia preferita (anche se gli allenatori vi diranno sempre che la cuffia più bella e che vi sta bene è solo quella della società).

 

Sydney2000 Special, “The Sydney Six” made in USA

“Ricordo benissimo che a Sydney c’era nell’aria la sensazione che qualcosa di eccezionale stesse per accadere, che una nuova generazione di atleti maschi stesse per emergere. Ognuno di loro era eccitato, talentuoso e focalizzato sull’opportunità di gareggiare per la...
Read More

Swim Stats, anno 2020: un Settecolli Assoluto

Dunque, dove eravamo rimasti? Nei piani originari, il SetteColli 2020 doveva tenersi dal 26 al 28 giugno ed era stato individuato come ultima occasione per ottenere la qualificazione ai Giochi Olimpici di Tokyo. Come da prassi ormai consolidata, il DT Butini avrebbe...
Read More

Il 10 agosto si terrà la 3ª edizione di ‘Da Porto a Porto’, nuotata a favore dell’ATT

Da Porto Ercole a Porto Santo Stefano a nuoto per sostenere i malati di tumore Lunedì 10 agosto 2020 nel magnifico promontorio del Monte Argentario si svolgerà la terza edizione della “Da Porto a Porto”, nuotata in mare non competitiva che ha come obiettivo quello di...
Read More

Il MaxSwimFitBootCamp: esperienza sull’allenamento del nuoto moderno

Dopo tante puntate della nostra rubrica Training Lab volte a illustrare le evidenze scientifiche al supporto dell’allenamento del nuoto, sia in acqua che a secco, è giunto il momento di condividere un’esperienza pratica riguardo gli aspetti illustrati e discussi in...
Read More

57° Sette Colli, i convocati azzurri e gli aggiornamenti

A una settimana dal via del 57° Trofeo “Sette Colli” che si terrà dall'11 al 13 agosto nella splendida cornice dello Stadio del Nuoto di Roma, la Federazione rende noti i nomi dei convocati dal DT Cesare Butini. La manifestazione oltre a mantenere il suo carattere...
Read More

Sydney2000 Special, l’Olimpiade della svolta per l’Italia del Nuoto

Per capire bene cosa sono i Giochi Olimpici di Sydney 2000 per il nuoto azzurro, basta rileggere tre passaggi di articoli scritti da tre grandi firme dello sport italiano in quei giorni del settembre del 2000. Anzi, basterebbe leggere solo i nomi dei giornalisti per...
Read More

MDS Swim, stage Progetto Master 19/20 settembre a Poggio all’Agnello

Essere Atleta anche dopo i 40 anni si può, ma si devono mettere in pratica molti aspetti fondamentali che forse trascuri. MDS Swim Academy, con questo stage - il 19 e 20 settembre 2020 - vuole farti fare quel gradino di crescita personale per premiare le tue...
Read More

Pilato e Galossi brillano ai Regionali. Swim e 4 Nations Meet: si gareggia!

Dopo cinque mesi di lungo e sofferto - ma dovuto - stop alle competizioni, il nuoto sta gradualmente ritornando alla normalità. Ad un anno esatto dall’inizio dei Giochi di Tokyo, i nuotatori stanno riprendendo confidenza con un elemento fondamentale ed insostituibile...
Read More

Quadarella ai piedi del podio nell’ultimo giorno delle Super Olimpiadi 2020

A cosa somiglia l’ultimo giorno di SuperOlimpiadi? Forse all’ultimo giorno di scuola, quando un sentimento misto tra eccitazione e nostalgia ti morde lo stomaco e ti fa sognare l’estate. O forse all’ultimo giorno di vacanze, quando la malinconia prende il sopravvento...
Read More

Dove può arrivare Anastasiya Shkurdai?

Quando, lo scorso dicembre, ha vinto i 100 farfalla agli Europei di Glasgow in vasca da 25 metri, Anastasiya Shkurdai non ha nemmeno sorriso. Riguardando le foto sul podio, la nostra Elena Di Liddo, entrata in finale con ambizioni d’oro e poi giunta seconda, sembra...
Read More

Per quanto riguarda il percorso dovete capire le dinamiche intrinseche: boe da tenere a destra o a sinistra , boe direzionali e come è stato pensato l’arrivo, oltre ad individuare dei punti di riferimento.
Ci possono essere diversi tipi di campi gara e diverse comformazioni delle coste dove il percorso si presenta, ma una cosa la possiamo dare per certa ci saranno sempre: strutture con tetti colorati, alberi piu grandi degli altri, edifici particolari o conformazioni delle montagne che possono contribuire alla vista dei punti di riferimento che possiamo seguire oltre alle boe (spesse volte troppo lontane e se con il mare leggermente increspato inefficaci ). Il consiglio è quello di trovarne 2 punti per evitare errori di prospettiva.
Se possibile anche da terra fissate dei punti di riferimento altrimenti entrate in acqua e nuotando in scioltezza arrivate alla linea della boa per capire come comportarsi successivamente in gara.

Alla partenza calcolare sempre la traiettoria piu breve per incontrare la prima boa da passare a destra o a sinistra.

Altro consiglio importantissimo è quello di valutare le correnti, il vento e la condizione dello specchio d’acqua dove si gareggia e in proporzione a queste affrontare le traiettorie piu adeguate per mantenere il percorso piu breve possibile.

In caso di onde dovete cercare di sincronizzare il momento in cui cercate di vedere la direzione o il percorso (boe o arrivo) durante la cresta dell’onda. Il rischio maggiore è capitare nel cavo dell’onda – la parte piu bassa – alzare la testa e vedere solo acqua davanti ed intorno a noi, cosa che ci trasporta nel panico e destabilizza le nostre attenzioni e forze per correggere la direzione.

Se vi è possibile seguite un gruppetto o un nuotatore davanti a voi sempre e solo se siete convinti che stia seguendo la giusta direzione e non abbiate timore di creare e leggere la gara in maniera totalmente diversa dagli altri… magari siete voi nel giusto.

Cercate di seguire questi piccoli consigli e poi create il vostro modo di affrontare ogni gara in modo diverso, ma più di tutti sperimentate e divertitevi.

W il nuoto e W le Acque Libere !!!

(foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4.it)