Select Page

Come affrontare al meglio una gara in acque libere: consigli pratici e punti… di vista!

Come affrontare al meglio una gara in acque libere: consigli pratici e punti… di vista!

In questo articolo cercheremo di analizzare alcuni piccoli dettagli per affrontare al meglio una gara in acque libere.
Vediamo subito cosa non dovrebbe mancare nella borsa da competizione di ogni nuotatore di acque libere:

  1. Occhialini di tipo NON svedesi (per alleviare i danni causati dai contatti che specialmente in partenza e nei cambi di direzioni di boe possono avvenire).
  2. Crema (o vaselina)  con relativi guanti in lattice per poter passare sotto le ascelle, collo e spalla il composto con il fine di evitare abrasioni e bruciature e non compromettere la sensibilità e pulizia delle mani. Mani che toccheranno occhialini, cuffia e altro e che potrebbero, senza l’utilizzo dei guanti in lattice, diventare “inutilizzabili”.
  3. Il costume giusto per te: non serve per forza il costume bello e costoso, ma il giusto modello che deve rimanere comodo mentre si nuota, visto che si nuoterà per diverso tempo. Se un costumone completo ad esempio, limita i movimenti e l’ampiezza dell’atto respiratorio meglio scegliere un costumone solo pantalone!
  4. La cuffia importantissima… per chi ha i capelli! Pensare di nuotare per diverso tempo senza cuffia è “impossibile” cosi come aggiustarsi la cuffia che scappa via: “un incubo”. Prendete e indossate la vostra cuffia preferita (anche se gli allenatori vi diranno sempre che la cuffia più bella e che vi sta bene è solo quella della società).

 

Champions Swim Series 2020, a Pechino Daiya Seto superstar

È giunta alla conclusione la seconda edizione della Champions Swim Series, per questo 2020 ridotta come numero di tappe - due al posto delle tre del 2019 - e localizzata, entrambi gli appuntamenti si sono svolti in Cina. A Pechino tornano in vasca molti dei...
Read More

Speciale MasterS: al Flaminio SC il 24° Trofeo Forum Sprint di Roma

  Data: 19 gennaio 202 Sede: Roma – Piscina Circolo Forum Roma Sport Center Vasca: 25 metri – 8 corsie Organizzazione: Forum Sport Center Classifica di Società Somma dei i 50 migliori punteggi tabellari ottenuti dagli atleti in ogni gara, indipendentemente dal...
Read More

FINA Champions Swim Series 2020, si chiude a Pechino

Seconda e conclusiva tappa per la FINA Champions Swim Series edizione 2020 che in quest'anno olimpico si riduce a una "toccata e fuga" in Cina. Un tiepido esordio a Shenzhen il 14 e 15 gennaio e si chiude questo fine settimana 18-19 gennaio a Pechino. Una scelta...
Read More

Champions Swim Series 2020, a Shenzen brillano Carraro e Di Liddo

Come fare ad organizzare la seconda stagione delle Champions Swim Series quando il conto alla rovescia in vista di Tokyo 2020 è già partito? La FINA ha deciso, nonostante le finestre disponibili siano davvero pochissime, di non abbandonare l’idea di un circuito...
Read More

Mike Maric, l’importanza del 5° stile per migliorare la fase subacquea

Il campione mondiale di apnea, membro del Team MP Michael Phelps, medico e coach di grandi campioni di nuoto, ci spiega l’importanza della gestione dell’apnea e cosa bisogna fare per migliorarla Già campione mondiale di apnea, oggi medico e docente universitario, Mike...
Read More

Italian Sportrait Awards 2020: votate i Campioni degli Sport Acquatici

Gli sport acquatici protagonisti agli Italian Sportrait Awards 2020 con cinque azzurri candidati del nuoto, due rappresentanti per i tuffi oltre alle due formazioni della pallanuoto maschile. Un segno che la dimenzione acqua dello sport sta finalmente acquisendo...
Read More

FINA Champions Swim Series, pronti per l’edizione numero 2

Tutto pronto per la seconda edizione della FINA Champions Swim Series che in quest'anno olimpico si riduce a sole due tappe, rispetto alle tre del 2019, ed entrambe in Cina. Si gareggerà infatti da domani, 14 e 15 gennaio a Shenzhen e nel fine settimana 18-19 gennaio...
Read More

Training Lab, la Rana moderna: tecniche a confronto

La rana, nota come nuotata artistica, è prima di tutto uno stile storico. Proprio perché si tratta della nuotata che più di tutti ha caratterizzato la storia del nuoto in ogni sua epoca, e continua tuttora a scrivere pagine di storia che raccontano l’evoluzione...
Read More

Road to Tokyo: tutti gli appuntamenti da non perdere per questo 2020

Signore e signori... ci siamo, l’anno olimpico è arrivato! Tokyo 2020 è ormai a un passo, ma molto di quello che vedremo ai Giochi si deciderà in questi prossimi mesi. I nuotatori di tutto il mondo sono pronti, messi via panettoni e vestiti di Natale, salutate le...
Read More

Corsia Master, il 24° Trofeo Forum Sprint vi aspetta!

Torna puntuale l'evento di apertura del nuovo anno, il 24° Trofeo Forum Master Sprint. La manifestazione organizzata dalla società Forum Sport Center, si svolgerà domenica 19 gennaio presso la splendida piscina coperta dell’omonimo circolo. Partner dell'organizzazione...
Read More

Per quanto riguarda il percorso dovete capire le dinamiche intrinseche: boe da tenere a destra o a sinistra , boe direzionali e come è stato pensato l’arrivo, oltre ad individuare dei punti di riferimento.
Ci possono essere diversi tipi di campi gara e diverse comformazioni delle coste dove il percorso si presenta, ma una cosa la possiamo dare per certa ci saranno sempre: strutture con tetti colorati, alberi piu grandi degli altri, edifici particolari o conformazioni delle montagne che possono contribuire alla vista dei punti di riferimento che possiamo seguire oltre alle boe (spesse volte troppo lontane e se con il mare leggermente increspato inefficaci ). Il consiglio è quello di trovarne 2 punti per evitare errori di prospettiva.
Se possibile anche da terra fissate dei punti di riferimento altrimenti entrate in acqua e nuotando in scioltezza arrivate alla linea della boa per capire come comportarsi successivamente in gara.

Alla partenza calcolare sempre la traiettoria piu breve per incontrare la prima boa da passare a destra o a sinistra.

Altro consiglio importantissimo è quello di valutare le correnti, il vento e la condizione dello specchio d’acqua dove si gareggia e in proporzione a queste affrontare le traiettorie piu adeguate per mantenere il percorso piu breve possibile.

In caso di onde dovete cercare di sincronizzare il momento in cui cercate di vedere la direzione o il percorso (boe o arrivo) durante la cresta dell’onda. Il rischio maggiore è capitare nel cavo dell’onda – la parte piu bassa – alzare la testa e vedere solo acqua davanti ed intorno a noi, cosa che ci trasporta nel panico e destabilizza le nostre attenzioni e forze per correggere la direzione.

Se vi è possibile seguite un gruppetto o un nuotatore davanti a voi sempre e solo se siete convinti che stia seguendo la giusta direzione e non abbiate timore di creare e leggere la gara in maniera totalmente diversa dagli altri… magari siete voi nel giusto.

Cercate di seguire questi piccoli consigli e poi create il vostro modo di affrontare ogni gara in modo diverso, ma più di tutti sperimentate e divertitevi.

W il nuoto e W le Acque Libere !!!

(foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4.it)

About The Author

Luciano Vietri

Maturo la passione per il nuoto fin da bambino, dove arrivo a gareggiare a livello nazionale. Dopo anni di stop torno a gareggiare come Master, coltivo l’amore per l’insegnamento, dapprima come istruttore e dal 2009 come allenatore della squadra Master Giallo-Blu del Nautilus. Organizzo varie manifestazioni per beneficienza e non, sempre legate al nuoto fra cui la Traversata dello Stretto di Messina, la Traversata del Bosforo e il Bagno di Capodanno a Roma. Insomma un tecnico amante ed appassionato dell’acqua in tutte le sue forme ma anche qualcosa di più!

Ultimi Tweet

?>