Al via, oggi mercoledì 25 maggio, i tanto attesi Campionati Europei Master che seguono quelli degli “Elite” nelle piscine dell’Aquatics Centre di Londra.

Quello che prometteva essere l’evento clou della stagione, lo sarà dal punto di vista agonistico, ma non sicuramente dal punto di vista organizzativo.

Le prime indicazioni si erano avute già nella fase di iscrizione all’evento con chiusura immediata, riapertura, richiesta di limitazione a sole tre gare. E ancora l’inevitabile suddivisione in due campi gara, con conseguenti limitazioni delle fasi di riscaldamento/defaticamento, orari decisamente poco praticabili e dulcis in fundo l’accesso al pubblico “controllato”.

Se si sperava che la situazione migliorasse a Londra, beh! Ancora delusioni. La parola che domina è CODA!

Coda per ritirare gli accrediti, coda per ogni accesso agli impianti, persino per gli spogliatoi. Insomma il leitmotiv che accompagna ogni santo giorno i romani sul GRA, i milanesi in tangenziale Est/Ovest e gli imminenti esodi estivi italiani.

L’unica consolazione per ora a quanto pare è gareggiare in questo splendido impianto.

Ori

Argenti

Bronzi

Ma passiamo ai risultati, questa prima giornata di gare si apre con i 200 misti e gli 800 stile libero (in 2 per corsia!), le donne in Pool 1 e gli uomini in Pool 2, primo riscaldamento previsto per le 6 con altre sessioni di 20 minuti previste durante la giornata.

I rappresentanti azzurri – 47 donne e 82 uomini – si disinguono subito nei misti con un bottino di 13 medaglie totali, un nuovo primato continentale e cinque italiani.

Fatti di nuoto Weekly: le acque mondiali e le acque della Senna

Nella settimana cuscinetto tra i Mondiali e gli Assoluti dobbiamo dare spazio ad alcune notizie sparse che vengono dal mondo del nuoto e dintorni. Perché Fatti di nuoto Weekly è qui anche per questo, giusto?La Senna A Parigi 2024 si nuoterà nella Senna, forse. Il...

Training Lab, tante strade una sola meta: la Velocità

L’allenamento del nuoto presenta sempre una grande sfida per gli atleti, ma in primo luogo per gli allenatori. Oggigiorno il nuoto mondiale sembra essere uscito veramente dagli schemi comuni del secolo scorso, proprio per la grande varietà di metodologie allenanti che...

Verso gli Assoluti 2024, il punto sui probabili Olimpici del Nuoto

Manca una settimana ai Campionati Assoluti Primaverili di Riccione, tappa fondamentale per l’avvicinamento del team italiano all’appuntamento Olimpico di Parigi 2024, ed è quindi arrivato il momento di fare un pò di chiarezza.Nel complicato intricarsi di regole,...

SwimStats, il Mondiale di Doha 2024 in 10 punti

Ultimo approfondimento Mondiale con 10 numeri da ricordare direttamente da Doha 2024.Gli atleti italiani qualificati per Parigi Se Doha doveva essere una prova generale, allora direi che è andata bene. L’Italia ne esce con diverse certezze, una su tutte la...

Speciale Master, Coopernuoto trionfa ai Regionali Emilia Romagna 2024

Archiviati i Campionati Regionali Emilia Romagna che si sono svolti domenica 11 e 18 febbraio 2024 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione che si conferma uno dei migliori impianti natatori a livello di ospitalità e logistica per le manifestazioni natatorie. Cinque i...

Parigi 2024, 28 pass per l’Italia del nuoto alle Paralimpiadi

Il World Para Swimming ha comunicato il numero di slot assegnati all'Italia per le Paralimpiadi di Parigi 2024. Sono ben 28 - 16 maschili e 12 femminili - i pass guadagnati dall’Italia per la partecipazione ai prossimi Giochi Paralimpici che si terranno dal 28 agosto...

Fatti di nuoto Weekly: tre cose da Doha

I Mondiali di Doha sono finiti, ma non la voglia di parlarne. Dell’Italia abbiamo già parlato in lungo e in largo, quindi in Fatti di nuoto Weekly troviamo altri tre temi per raccontare la rassegna iridata più vicina alle Olimpiadi di sempre.La Cina È stato...

Swim.Mi.CUP Night Edition 2024, successo per la terza edizione all’Aquamore Bocconi

Mentre a Doha andava in scena la penultima giornata dei Campionati Mondiali, Milano si faceva bella per una notte a tutto nuoto grazie Swim.mi.cup Night Edition 2024, direttamente dal Bocconi Sport Center. Mancavano ovviamente i big azzurri ed è stata questa...

Doha 2024 | Quanto valgono le medaglie Mondiali degli italiani?

Un piccolo ragionamento, medaglia per medaglia - in rigoroso ordine cronologico - su ogni podio italiano a Doha 2024. Che valore ha? Dove può portare?Argento 4x100 stile libero uomini Se alla vigilia avessimo dovuto mettere qualche medaglia già in cassaforte, la 4x100...

Doha 2024 | Mondiali, finali day8: bronzo per Pilato, Franceschi e mista maschi, l’Italia chiude con 12 medaglie

Siamo arrivati all'ultima giornata di questi strani e spettacolari Campionati del Mondo, con sei italiani impegnati nelle otto finali. Dall'Aspire Dome di Doha, eccovi il nostro report!50 dorso uomini Nonostante nuoti completamente contro la corsia, Isaac Cooper è...

Iniziamo dal metallo più prezioso, quattro ori tutti al maschile: partiamo dall’M50 Gian Luca Sondali (CC Aniene) che arricchisce il risultato con il nuovo record europeo di 2:21.53 che cancella il precedente 2.22.95 del turco Nakkas e in Italia il 2:23.06 di Marugo datato 2004. Nella stessa categoria bronzo per l’alfiere del Forum SC Antonello Laveglia con il crono di 2:.25.26.
Altre due vittorie con record italiano arrivano negli M65 grazie a Salvatore Sinopoli (Lacinia nuoto) che domina con 2:46.82 e spodesta il precedente 2:59.47 di Luciano Cammelli e Francesco Sennis (Arwalia S&F) primo M50 con 2:30.38 che cancella il 2:35.18 di Massimo Giardino.
Ultimo oro e con il miglior crono assoluto per Andrea Maniero M30 dell’AICS Aquarè Mafeco che vince in 2.10.11, da segnalare la presenza di altri due italiani nelle prime sei posizioni con Marco Sacilotto (Gymnasium Spilimbergo) e Claudio Montano (Montenuoto) rispettivamente in  2:15.53 e 2:18.45.

Altri tre primati nazionali sono stabiliti in campo femminile: Susanna Sordelli (Forum SC) vince l’argento M60 in 2:57.92 abbasando il vecchio RI di 3.03.86 detenuto da Mira Guglielmi. A Daniela De Ponti (NC Milano) non basta ritoccare di un secondo abbondante il proprio RI M50 portandolo a 2:36.78 per vincere, si deve accontentare dell’argento lasciando lo scettro alla svedese Philipsson con 2.35.61. Infine Roberta Ioppi (CS HOF) con 2.29.01 agguanta l’argento M30 scalzando dalla tabella dei record il 2:29.32 che apparteneva a Lucia Bussotti.

L’ultimo argento di questa prima prova è appannaggio di Sabina Vitaloni M45 in forze alla Derthona nuoto con il crono di 2:37.66. Rimanendo in Pool 1, sono tre i bronzi conquistati fra le corsie: Valentina Salvia (Collage WP Palermo) nelle M55 con 3:01.51, Patrizia Borio (RN Saronno) nelle M40 con una rimonta nell’ultima frazione chiude in 2:37.16 e Lucia Bussotti (Amici del nuoto FI) con 2:33.92 sfiora la vittoria M35 per soli 7 decimi.

A chiudere questa prima gara arriva il bronzo M25 di Alessio De Stefani, tesserato per il NC Torino, che chiude la sua prova in 2:14.11.

Altre curiosità di questa prima prova: 29 i famigerati ‘No Time‘ di cui 16 maschili e 13 femminili, la categoria più “scellerata” gli M25 con 11 fuori tempo massimo (7U + 4D).
La meno giovane e unica rappresentate M85, la spagnola Lobsiger De Ronde E. è stata squalificata, mentre fra gli uomini il polacco Krokoszynski ha portato a termine la prova in 4:23.55.
Infine 66 assenti di cui 44 uomini e 22 donne, oltre a un unico DNF (Did Not Finish) Massimo Odeven M45 del Forum SC… speriamo in nulla di serio!