Ave Caesar, morituri te salutant”, era la frase tipica che i gladiatori rivolgevano all’imperatore una volta entrati all’arena e già consapevoli della loro fine, non prima di aver regalato un grande spettacolo al pubblico romano.
Nelle vesti di moderni “Massimo Decimo Meridio” acquatici, venerdì tantissimi nuotatori entreranno nel Colosseo del nuoto mondiale, lo Stadio del Nuoto al Foro Italico, alla caccia della gloria eterna alle 53° edizione del “Settecolli”. Qualcuno magari uscirà davvero “morto” dalla vasca, e di sicuro lo spettacolo per il sempre pretenzioso pubblico romano non mancherà.
La rudis, simbolo della liberazione dei gladiatori dell’età imperiale sarà, soprattutto per gli azzurri impegnati in vasca, il raggiungimento del tanto agognato pass per Rio. Ma la Nazionale azzurra, che a Roma sarà rappresentata da 24 atleti, di cui 13 già qualificati in gare individuali per i Giochi, dovrà vedersela con atleti di tutta Europa e di tutto il Mondo!!

Bisogna scorrere la start-list un paio di volte per fissare bene in mente quelle gare da non potersi perdere assolutamente. Il livello è alto e tanti sono i campioni in vasca in questa tre giorni romana. Gente come Cameron van der Burgh, che con buone probabilità dominerà le prove veloci della rana, o anche le ungheresi Kapás e Szilágyi, entrambe protagoniste agli Europei londinesi. Come non citare poi Inge Dekker, che dopo aver superato un tumore cervicale vola nella Capitale alla caccia della sua quarta olimpiade.

Ma passiamo alle gare da non perdere!! Venerdì pomeriggio si preannuncia una bella finale nei 100 rana femminili, con la solita Rūta Meilutytė circondata dalla neoventitreenne Martina Carraro, dalla nipponica Watanabe e dalla veloce Johansson, mentre sarà subito dentro o fuori per Arianna Castiglioni, all’ultima occasione per strappare il pass olimpico. Personalmente non mi perderei un attimo prima di questa finale l’ingresso in vasca in capriola dell’ungherese Richárd Bohus nei 50 dorso!!

Poco dopo occhio alla possibile riedizione della finale dei 100 farfalla maschili europei di Londra: László Cseh dovrà guardarsi dai già olimpici Codia e Rivolta, che cercheranno conferme ed eventuali, se esistono, punti deboli del magiaro.

ItalNuoto e Olimpiadi | Luca Sacchi e la tradizione italiana dei misti

1992, Barcellona, Giochi della XXV Olimpiade estiva, come già accaduto nel 1988, per salvare la spedizione dobbiamo aspettare la finale dei 400 misti. Alla sua seconda apparizione tra gli otto più forti del mondo, il 24enne Luca Sacchi reduce da un biennio ad...
Leggi

Assoluti 2021 confermati a Riccione dal 31 marzo al 3 aprile. Il 29 marzo fondo indoor

Il Campionato Assoluto primaverile di nuoto si svolgerà dal 31 marzo al 3 aprile allo Stadio del Nuoto di Riccione con la formula delle batterie e delle finali, eccetto che per gli 800 e 1500 stile libero che si disputeranno a serie. Il Campionato Italiano indoor di...
Leggi

Raduni Nazionale: continua il lavoro a Cervinia e Roma. Il Salvamento riparte da Milano

Gli azzurri di interesse nazionale continuano la loro preparazione stagionale con diversi raduni. A Roma il Centro di preparazione olimpica Giulio Onesti vede alternarsi diversi gruppi - qui i precedenti convocati - sono al lavoro da domenica una selezione di...
Leggi

ItalNuoto e Olimpiadi | Stefano Battistelli la prima medaglia olimpica maschile

1988, Seul, Giochi della XXIV Olimpiade estiva, la Nazionale Italiana ripone la maggior parte delle speranze nel talentuoso Giorgio Lamberti. Il nuoto azzurro troverà invece la sua prima medaglia maschile grazie ad un 18enne romano. Ed eccoci al sesto appuntamento con...
Leggi

Il sogno Olimpico di un bambino

Cosa accade nella testa di un piccolo atleta durante una Olimpiade? Stiamo pensando a tutti quei bambini che sono in età di poter sognare con un minimo di concretezza. Spesso, ogni sportivo individua il proprio modello a cui ispirarsi, una icona, insomma un’atleta che...
Leggi

Idoneità alla attività agonistica per atleti non professionisti guariti dal Covid-19

“Se conosci il nemico e te stesso, la tua vittoria è sicura” sentenziava ottimisticamente Sun-Tzu nell’Arte della Guerra. E non c’è dubbio che da un anno a questa parte, il nemico pubblico numero uno per la società in generale, e per la comunità dei nuotatori in...
Leggi

Manchester International Swim Meet: dalle certezze di Peaty all’ecletticità di Abby Wood

Con il Manchester International Swim Meet torna il grande nuoto in Gran Bretagna. Peaty e company protagonisti assoluti della tre giorni inglese, da dove escono solide conferme come appunto le prestazioni del lord della rana, ma anche piacevoli novità come la...
Leggi

ItalNuoto e Olimpiadi | Novella Calligaris: la prima medaglia olimpica azzurra

1972, Monaco di Baviera, Giochi della XX Olimpiade estiva, la storia del nuoto azzurro sta per cambiare dopo oltre 70 anni di "attesa". L’Italia non ha mai vinto una medaglia olimpica nel nuoto in corsia e anche alla vigilia di questo evento le possibili medaglie non...
Leggi

Speciale MasterS, due record ai Regionali Emilia Romagna 2021

Si sono svolti nella singola giornata di domenica 7 febbraio i Campionati Regionali Emilia Romagna inizialmente programmati per l'intero weekend presso la piscina coperta dello Stadio del Nuoto di Riccione (vasca da 25 a 10 corsie). La manifestazione organizzata...
Leggi

Japan Open e Golden Tour 2021, il recap del fine settimana da Tokyo a Nizza

No stop di nuoto nel week end lungo appena concluso. Giappone e Francia sugli scudi, rispettivamente con i Japan Open in diretta da Tokyo e la prima tappa del Golden Tour Camille Muffat da Nizza. Dopo la Kosuke Kitajima Cup di fine gennaio, altro appuntamento di...
Leggi

Grande attesa poi nel rivedere Marco Orsi in acqua: tra 50 e 100 stile dovrà cercare conferme per la staffetta olimpica, incrociando il suo cammino con Proud e Verschuren ma soprattutto con gli amici-avversari Dotto e Bocchia. E rimanendo in casa Italia è scontato dire i 200 stile di Federica Pellegrini, prova in fondo alla scaletta nella domenica pomeriggio, dove la portabandiera azzurra non avrà grandi rivali. Avversarie che si troverà di fronte nei 100, con una certa Ranomi Kromowidjojo su tutte.

Paltrinieri e Detti faranno quello che vorranno tra 200, 400, 800 e 1500, ma un occhio di riguardo andrà inevitabilmente a chi è vicinissimo al tempo per Rio. Margherita Panziera lo aveva già in tasca a Londra e tutti sanno come l’ha buttato, quindi l’aspettiamo e la vogliamo in Brasile. Ci proverà nella stessa gara, i 200 dorso, lo scanzonato Christopher Ciccarese, che di sicuro sarà galvanizzato dal pubblico di casa, nell’ennesimo duello con Luca Mencarini. Speranze anche per le dorsiste Gemo, Scalia e Zofkova nei 100, mentre tutti sperano in un ritrovato Fabio Scozzoli, ma il tempo per l’individuale deve guadagnarselo anche Andrea Toniato, così come per la coppia PizziniBizzarri, che nei 200 rana avrà il traino di un certo Dániel Gyurta.

Quattro anni fa arrivammo al “49° Settecolli” con nove qualificazioni individuali per Londra 2012, alle quale si aggiunsero Luca Marin e Stefania Pirozzi nei 400 misti. E se il siciliano è già sicuro di un posto per la sua quarta Olimpiade, la beneventana, dopo l’allontanamento da coach Morini, dovrà cercare un’impresa per replicare l’esperienza di quattro anni prima.

Venerdì mattina dalle ore 9.00 tutti in vasca, per chi può dalle tribune del Foro, per tutti gli altri dai canali Rai. Forza Azzurri!!

(foto copertina: from LEN e-news free licence | Deepbluemedia)
(foto articolo: G. Scala | Deepbluemedia – F.Cetti | Corsia4.it)

ELENCO ISCRITTI 53° SETTECCOLLI - CLICCA PER APRIRE
49° SETTECOLLI - CLICCA PER APRIRE