La parte più calda dell’anno è arrivata: oltre alle temperature bollenti sopra ogni media stagionale, a scaldare il prossimo mese abbiamo, in rapida successione, Assoluti, Giochi del Commonwealth, Europei e Duel in the Pool.

Sarà un periodo denso e interessante che, oltre a farci godere per la quantità di competizioni, ci farà anche pensare a come potrebbe essere riconsiderato (e migliorato) il calendario del nuoto.

Mondiali sì, Mondiali no

Proprio con l’avvicinarsi del momento clou del 2022, la FINA ha ufficializzato le date dei Mondiali di Doha 2024, che si svolgeranno a febbraio dell’anno olimpico.

Dopo la notizia, sono piovute molte polemiche per l’inusuale vicinanza tra Mondiali e Olimpiadi (solo 150 giorni), soprattutto da parte degli atleti, alcuni dei quali si sono esposti pubblicamente affermando che non vi parteciperanno, Peaty e Guy su tutti. Assenza che sarà tutta da verificare, in quanto i Mondiali di Doha saranno importante snodo della stagione, perché evento valido per qualificarsi a Parigi 2024 sia per le gare individuali in vasca e in acque libere che soprattutto per le staffette (si qualificheranno le prime 13 nazioni).

Se la Gran Bretagna non avrà già staccato il pass piazzandosi nei primi 3 a Fukuoka 2023 (altra edizione criticatissima), dovrà necessariamente chiedere ai suoi atleti di gareggiare a Doha, e non penso che questi possano rifiutare alla leggera. Di certo la situazione non è ideale.

L’Italia trionfa alla Coppa Comen – Mediterranean Swimming Cup 2024

L'Italia si conferma ai vertici nella tre giorni della Coppa Comen – Mediterranean Swimming Cup 2024 che si è disputata a Limassol - Cipro - confermando la vittoria delle ultime stagioni (Limassol 2022 e Larissa 2023). Gli azzurrini conquistano 37 medaglie - 16 ori,...

Fatti di nuoto Weekly: cavare il sangue dalle rape

Piccola e impopolare riflessione sul nuoto contemporaneo di Fatti di nuoto Weekly.  Nello scrivere settimanalmente di nuoto, per questa rubrica e non solo, passo due terzi dell’anno a cercare le notizie più nascoste, le curiosità, gli anniversari, le piccole...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Australiani

Anteprima dei Giochi dalla terra dei canguri! A cosa abbiamo assistito in questi sei giorni australiani? Livello fuori dal comune quello visto a Brisbane, pari ormai a quello che possiamo trovare nei Trials USA, che fanno dell’Australia la seconda potenzia mondiale...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Proposte

Visto il caos calendari la cui coda polemica non si è ancora smorzata, non sarà arrivato il momento di ripensare all’organizzazione delle competizioni internazionali?

La FINA della nuova gestione ha già dovuto sopportare una buona quantità di critiche provenienti soprattutto dagli atleti, che da una parte hanno espresso la volontà di gareggiare di più per poter guadagnare di più, ma che dall’altra si lamentano se le gare importanti sono troppo vicine tra loro, sostenendo di non poter preparare accuratamente tutti gli eventi.

Da qui allora arriva il consiglio (gratuito) che è destinato a FINA, LEN e a tutte le Federazioni del mondo: vi presentiamo IL CALENDARIO SUPER-INTEGRATO DI FATTIDINUOTO

Vi presentiamo IL CALENDARIO SUPER-INTEGRATO DI FATTIDINUOTO:

Olimpiadi ogni quattro anni confermatissime
Campionati Mondiali in vasca lunga tutte le estati, esclusa quella delle Olimpiadi
Campionati Europei e manifestazioni continentali in primavera, a maggio, validi per qualificarsi a Mondiali e Olimpiadi
Campionati nazionali e trials ad aprile
Campionati Mondiali in vasca da 25 ogni anno, in autunno, ripensati in una competizione a tappe di tre mesi tipo ISL con classifica finale stilata a punti e cuffia iridata per il Campione di ogni gara
Ranking mondiale in stile tennis che comprenda le competizioni internazionali ed i trofei affiliati alla FINA, che potranno avere punteggi più o meno alti a seconda dell’importanza (es: Olimpiadi e Mondiali 1000, Europei 500, nazionali e trofei 250). Alla fine dell’anno i primi 8 per ogni distanza si sfidano in una gara secca con annesso trofeo per il vincitore.
– In inverno offseason con spazio a trofei vari e alla preparazione

È chiaro che una rivoluzione del genere richiede un lavoro politico e logistico mastodontico, ma continuare a cambiare tutto per non cambiare mai niente, a parere mio, non ha senso.

Serve il coraggio per buttarsi in una nuova visione del nuoto, che mantenga saldi i punti forti della disciplina cercando di migliorarne i lati deboli.

Avete visto come si è rilanciata la Formula1?

Più Gran Premi (quando gli appassionati di vecchia data ne volevano meno), più iniziative laterali per raccontare sport e personaggi (serie tv su Netflix, utilizzo massiccio dei social, coinvolgimento dei piloti), più spettacolo anche attraverso la revisione dei regolamenti (anche qui, i fan duri e puri erano contrari). Da qualche stagione, sembra che nella nuova direzione della F1 ci sia meno timore nel prendere scelte anche in controtendenza ed allo stesso tempo grande rispetto per il passato e le tradizioni.

Il risultato è lampante: la Formula 1 è ora uno sport che ha ora superato lo scetticismo generale e si è riportato in vetta ai preferiti degli appassionati di motori, riscuotendo anche un grande successo tra i giovani e coltivando così una nuova generazione di fans. Prendere spunto dalle idee vincenti non è un reato.

PS Per altri consigli, contattatemi pure in privato. You’re welcome 😁

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4