Dicembre e Santa Claus non si sa se ci porteranno dei doni, di sicuro sono in arrivo “Pillole” nuovissime e freddissime dal mese più festivo dell’anno.
In Canada ha iniziato cantare la vasca, ma prima di arrivare a Windsor qualcuno ha fatto già parlare di se: tra chi cambia aria come Jon Rudd, e chi alla fine aveva ragione come Park e la Hosszú, mentre gli americani in un modo o nell’altro sono sempre protagonisti.
Se state guardando i Mondiali e volete rimanere svegli tra una premiazione notturna e l’altra, siete nel posto giusto!!

Corea del Sud – Park aveva ragione!! (27 novembre 2016)

Il neo campione mondiale dei 400 stile Park Tea-hwan lo aveva sempre detto. Secondo l’oro olimpico di Pechino era stato l’allora suo medico curante a iniettargli la sostanza proibita per la quale fu squalificato un anno e mezzo. Sembrava la classica scusa da tirar fuori per salvare la faccia, ma questa volta il coreano aveva ragione. L’imputato non è colpevole, ha sbagliato il medico di Park, ritenuto responsabile di negligenza dall’Alta Corte della Corea del Sud. Il Dottor Kim si porta a casa una bella multa di 1 milione di won, che poi sono circa 803 euro!

USA – Inizia la carriera di Boomer Phelps (28 novembre 2016)

Non sarà lontano il giorno in cui il piccolo Boomer verrà messo in confronto con il papà. Gli converrà probabilmente un futuro distante dal nuoto, ma intanto il baby Phelps ha già iniziato la sua carriera acquatica. In un video postato dallo stesso Phelps su Facebook si è visto l’uomo con più medaglie olimpiche al mondo scendere in acqua con moglie e figlioletto per seguire il corso di nuoto baby. Manco a dirlo la diretta ha spopolato, con più di mille condivisioni e 500.00 visualizzazioni. In bocca al lupo Boomer!! clicca qui per vedere il video!

Canada – Un dollaro per Penny! (29 novembre 2016)

Smentiamo la diceria che siamo solo noi italiani scaramantici e superstiziosi! Infatti anche in Canada non scherzano. Gli organizzatori dei Mondiali in vasca corta in svolgimento a Windsor credono moltissimo nel loro giovane gioiello Penny Oleksiak, tanto da inserire nel fondo del rivestimento della piscina un dollaro canadese del 2000, anno di nascita della campionessa olimpica, sperando che le porti fortuna. Vista la prima uscita, con l’imbarazzante squalifica della 4×100 stile, non sembra funzionare!

Gran Bretagna – Rudd saluta Plymouth (29 novembre 2016)

Jon Rudd, coach di Rūta Meilutytė ma anche di Ben Proud e del giovane ranista azzurro medagliato agli Eurojunior Federico Poggio, lascia Plymouth per volare in Irlanda. E’ stato lo stesso Rudd il primo a comunicarlo con un post su Facebook (CLICCA QUI). Il nuovo compito di Rudd sarà quello di Direttore Tecnico della Nazionale del trifoglio, con l’obbiettivo di riportare una medaglia di livello internazionale che manca da troppi anni, ovvero dai tempi “sospetti” di Michelle Smith (Atlanta ’96).

A proposito di International Swimmers Alliance, intervista a Matt Biondi

Matt Biondi non ha bisogno di presentazioni ma, nel caso qualcuno di molto giovane volesse un ripasso, basti pensare che si tratta di uno dei nuotatori più forti della storia. Ha vinto undici medaglie alle Olimpiadi- di cui otto ori - ed altrettante ai Mondiali (sei...

A Tokyo i Campionati in corta per i Mondiali di Abu Dhabi

In attesa di World Cup - 21/23 ottobre terza tappa a Doha in Qatar - e International Swimming League - playoff a Eindhoven a partire dall'11 novembre, il nuoto di alto livello va in scena a Tokyo, dove si sono svolti i Campionati Nazionali in vasca corta, validi per...

Fatti di nuoto weekly: danzando e polemizzando

Fatti di nuoto weekly torna alla sua versione old school, le notizie del nuoto una volta alla settimana, con calma, il mercoledì. E quale miglior argomento per riprendere se non il protagonista del primissimo numero di questa newsletter?Klete Keller Il pluri...

Coppa Comen 2021 | l’Italia vince classifica e medagliere a Belgrado

​La Coppa Comen è tornata! Dopo l’annullamento dell’edizione del 2020 e il rinvio nell’estate di quest’anno, a Belgrado il meglio del nuoto giovanile europeo si è riunito per iniziare alla grande la nuova stagione. Competizione riservata alla categoria Ragazzi, dove...

Storie di Nuoto: László Cseh, working class hero

Immaginate per un momento di avere un dono eccezionale, una dote naturale che vi rende incredibilmente bravi a nuotare. Immaginate che questa capacità sia scoperta da un allenatore estremamente lungimirante e capace, che affina la vostra tecnica in modo perfetto,...

Training Lab, La prestazione nel Nuoto in funzione del recupero attivo e passivo di varie durate

All’interno di una competizione natatoria così come di un allenamento intenso fatto di prove di sforzo massimali, l’andamento delle stesse può essere fortemente influenzato da diversi fattori. Primo fra tutti di sicuro è lo stato di forma o di affaticamento pregresso...

Ungheria ­– Vince Katinka, Gyárfás si dimette (1 dicembre 2016)
L’Iron Lady arriva a Windsor con l’ennesimo successo. Questa volta non ha dovuto macinare chilometri in acqua, le è bastato scrivere su Facebook quello che pensava della Federazione Nuoto Ungherese e in particolare del suo Presidente Tamás Gyárfás ( lo trovate qui CLICCA ). Le accuse e le pressioni di tutti i big ungheresi hanno costretto Gyárfás a rassegnare le dimissioni. Il suo mandato si chiude dopo 23 anni di successi, culminati con l’organizzazione dei Mondiali del 2017. Chi sarà il sostituto ancora non si sa, mentre la Hosszú se la gode, dimostrandolo ovviamente sui social con tanto di foto e dedica: “ anche la notte più buia finirà e sorgerà il sole”.

Turchia – Belek nuova sede dell’Energy Standard (1 dicembre)

Nuovo head coach e nuova sede per l’Energy Standard. Il gruppo multietnico di proprietà del magnate ucraino Konstantin Grigorishin sarà guidato dall’ex olimpionico britannico James Gibson, che ha già brillato come tecnico di Manaudou portandolo all’oro olimpico a Londra 2012. La nuova missione di Gibson sarà quella di portare le tante stelle ucraine e russe presenti in squadra al successo a Tokyo 2020. Ma il sogno di Energy Standard è quella di diventare un vero e proprio fulcro del nuoto europeo, con la speranza di attirare tutti i migliori nuotatori. Non mancherà un pizzico di Italia: Andrea Di Nino è da anni consulente del club, ma ci sono anche Marco Cosso, uno dei preparatori atletici e Stefano Nurra, consulente biomeccanico.

USA – Shields abbatte il muro! (3 dicembre 2016)
Un missile Tom Shields! Ai Campionati invernali nazionali USA in vasca da 25 yards il venticinquenne statunitense è stato protagonista del 100 farfalla più veloce di sempre. Con 43’’83 diventa infatti il primo uomo ad abbattere il muro dei 44 secondi, cancellando il crono nuotato a marzo da Joseph Schooling, che con 44’’01 deteneva l’ US Open record. Con questa prova Shields si prende anche l’American Record, che apparteneva dal 2009 a Austin Staab in 44’’18. ( QUI il video CLICCA QUI )

Canada – A Windsor premiati i nuotatori dell’anno FINA (5 dicembre 2016)

Prima di tuffarsi in acqua per i Mondiali, Windsor è stata sede della cerimonia di premiazioni da parte della FINA. A riceve il riconoscimento di miglior nuotatrice e migliore nuotatore dell’anno sono Katinka Hosszú, che vince il premio per il terzo anno consecutivo, e Michael Phelps, che lo riconquista dopo il successo del 2012. Premiati anche Katie Ledecky e Adam Peaty per la “migliore prestazione”, bissando il successo dello scorso anno. L’oro olimpico porta gloria anche all’accoppiata olandese Weertmanvan Rouwendaal, premiati come migliori fondisti.

Park aveva ragione!: CLICCA QUI

Inizia la carriera di Boomer Phelps: CLICCA QUI

Un dollaro per Penny: CLICCA QUI

Rudd saluta Plymouth: CLICCA QUI

Vince Katinka, Gyárfás si dimette: CLICCA QUI

Belek nuova sede dell’Energy Standard: CLICCA QUI

Shields abbatte il muro: CLICCA QUI

A Windsor premiati i nuotatori dell’anno FINA: CLICCA QUI

Share and Enjoy !

Shares