Si chiude l’edizione 2023 del Mare Nostrum, con l’ultima tappa in scena a Monaco.

Ad aggiudicarsi le rispettive classifiche a punti e il conseguente premio in denaro di 7000 € sono Siobhan Haughey e Ippei Watanabe, la prima grazie alle prestazioni ottenute tra 100 e 200 stile, il secondo con gli squilli nei 200 rana.

Ma andiamo a vedere come è andata anche quest’ultima tappa, che ha visto ancora in acqua diversi azzurri ovviamente da protagonisti.

Club dei record

Monaco è terra di conquista: cadono infatti diversi primati della manifestazione (relativi solo alla tappa monegasca), il primo dei quali lo fa registrare proprio la Haughey. L’atleta di Hong Kong, che a Barcellona aveva fatto segnare il miglior crono stagionale nei 100 stile, si conferma anche nei 200, dove vince in 1’55’’03, terzo tempo mondiale stagionale e nuovo primato della manifestazione strappato a Camille Muffat che lo deteneva in 1’55’’21 dal 2013. Per lei poi anche il successo nei 100 stile in 52’’88.

Altro record in arrivo poi per Tomoru Honda: il nipponico vince i 200 farfalla in 1’54’’22, cancellando il primato del connazionale Daiya Seto che nel 2015 nuotava in 1’54’’68, mentre la gara più veloce dei 100 va a Noe Ponti in 51’’28, tre decimi meglio dell’ex primatista Chad Le Clos che nel 2016 nuotava appunto 51’’58.

Gli ultimi record arrivano dalle prove nei 50, che si sono snodate in diversi turni qualificatori, fino alla finale a due. Lo cancella due volte ad esempio Lara van Niekerk nei 50 rana, nuotando in semifinale 29’’89 un centesimo meglio da quanto lei nuotato lo scorso anno, abbassandolo ancora in finale con 29’’75, miglior crono mondiale stagionale.

A record anche Sarah Sjöström, sia nei 50 stile, dove in semifinale tocca in 23’’82 cancellando il suo 23’’95 del 2017 per poi vincere la finale in 23’’90 e nei 50 farfalla, dove chiude in 24’’85, cinque centesimi meglio di quanto fatto registrare nel 2017.

L’ultimo primato da segnalare è quello di Ingrid Wilm nei 50 dorso, brava a ottenere il secondo crono mondiale stagionale di 27’’37 con il quale eguaglia il primato di Monaco di Anastasia Fesikova del 2018.

Fatti di nuoto Weekly: tre cose da Doha

I Mondiali di Doha sono finiti, ma non la voglia di parlarne. Dell’Italia abbiamo già parlato in lungo e in largo, quindi in Fatti di nuoto Weekly troviamo altri tre temi per raccontare la rassegna iridata più vicina alle Olimpiadi di sempre.La Cina È stato...

Swim.Mi.CUP Night Edition 2024, successo per la terza edizione all’Aquamore Bocconi

Mentre a Doha andava in scena la penultima giornata dei Campionati Mondiali, Milano si faceva bella per una notte a tutto nuoto grazie Swim.mi.cup Night Edition 2024, direttamente dal Bocconi Sport Center. Mancavano ovviamente i big azzurri ed è stata questa...

Doha 2024 | Quanto valgono le medaglie Mondiali degli italiani?

Un piccolo ragionamento, medaglia per medaglia - in rigoroso ordine cronologico - su ogni podio italiano a Doha 2024. Che valore ha? Dove può portare?Argento 4x100 stile libero uomini Se alla vigilia avessimo dovuto mettere qualche medaglia già in cassaforte, la 4x100...

Doha 2024 | Mondiali, finali day8: bronzo per Pilato, Franceschi e mista maschi, l’Italia chiude con 12 medaglie

Siamo arrivati all'ultima giornata di questi strani e spettacolari Campionati del Mondo, con sei italiani impegnati nelle otto finali. Dall'Aspire Dome di Doha, eccovi il nostro report!50 dorso uomini Nonostante nuoti completamente contro la corsia, Isaac Cooper è...

Doha 2024 | Mondiali, batterie day8: in finale Razzetti, Franceschi e le staffette 4×100 miste

Ultima mattina di batterie all'Aspire Dome di Doha, ultime chance di finale per la giornata che concluderà i Mondiali di nuoto. Vediamo i risultati nel nostro recap.400 misti uomini David Johnston fa il miglior tempo delle batterie in 2.12.51, seguito a 5 centesimi da...

Doha 2024 | Mondiali, finali day7: doppietta di Simona Quadarella oro negli 800 stile

Al penultimo giorno dei Mondiali di Doha, l'Aspire Dome è pronto per ospitare sei finali e tre semifinali, tutte dense di temi ed emozioni, anche azzurre. Vediamo come è andata nel nostro accurato report!50 farfalla donne La morte, le tasse, Sarah Sjöström che vince i...

Bene gli azzurri

Ancora protagonisti in casa Italia: Thomas Ceccon spazia come suo solito fra distanze e stili ma qui rende onore alla prova che lo ha incoronato primatista mondiale. Vince appunto i 100 dorso in 53’’45, mentre nella finale secca dei 50 farfalla va vicino al suo record italiano toccando in 22’’87, battuto solo da Michael Andrew per due centesimi. Entrambi scalano il ranking mondiale stagionale salendo al secondo e terzo posto.

Sarà poi la rana a far parlare d’Italia. Nicolò Martinenghi vince infatti i 100 in 1’00’’06 e anche i 50 con 27’’02, mentre Lisa Angiolini si impone nei 200 in 2’26’’07 (chiude sesta nei 100 in 1’08’’16 nella prova vinta da Lydia Jacoby in 1’05’’99).

Varie ed eventuali

Da segnalare anche il terzo successo su tre di Ippei Watanabe nei 200 rana, vinti in 2’09’’41, ma anche la doppietta di Katsuhiro Matsumoto che vince 100 e 200 stile rispettivamente in 48’’61 (su Gaziev in 48’’78) e 1’47’’41.

Divertente infine anche il duello finale a due nei 50 stile, con l’ungherese Szebasztián Szabó che ha la meglio di Andrew per soli due centesimi grazie al crono di 21’’74.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4