Affronto la quarta serata di finale con la fiacca del metà di ogni cosa. Con le orecchie pulite e gli occhi puri delle mostruosità del mattino mi sono avvicinato alle gare.

L’apertura spetta alla gara olimpica del mezzofondo femminile. Una lottatrice come Sharon van Rouwendaal  che credevo si fosse nascosta, fa un passaggio televisivo ai 200 poi evapora. Dalla corsia 4, la migliore del resto, vede al decollo Boglárka Kapás che saluta tutte. La Carlin nell’europeo di casa non riesce a riconfermarsi ma è lì. Simona Quadarella chiude quinta in  8’31″43. Non vale Riccione ma fa vedere che vale meno (6 secondi) rispetto le orripilanti qualifiche. Ripigliata. Voto 6

Impalpabile la viareggina Carli, tempo simile alla compagna ma feeling opposto. Manca solo un camion con gli abbaglianti in arrivo. Smarrita. Voto 4

I 200 misti sono vivaci. Lady Katinka sbrana le avversarie già prima del tuffo e si fa il record dei campionati in 2’07″30. La O’Connor è l’unica che ci prova, poi è una linea che arriva alla piastra. Non sfigurano le azzurre con Sara Franceschi  quarta 2’12″59 con record cadette è la migliore prestazione italiana assoluta in tessuto. Crescente. Voto 7.5

Carlotta Toni  sesta con 2’13″17 continua nel suo percorso di crescita. Non deve cercare scuse sorride e saluta. Gente allegra il ciel l’aiuta. Voto  7

Anche noi salutiamo la gang del bosco. Augh!

Le semifinali dei 100 stile portano in primo piano Luca Dotto. Dal record italiano in poi qualcosa  è cambiato nella sua testa e ha liberato  le braccia che fluiscono molto sciolte. 48″36 in scioltezza doma il francese Mignon. Stjepanović vince l’altra semi ma non impressiona.  Sicuro.  Voto 7+

Magnini non c’è. Il carattere non manca ma questo non basta. Escluso. Voto 5

Ilaria Bianchi è ritrovata. La terra di Albione è taumaturgica. Da Riccione a Londra va meglio  “perché non è ansiosa”. 57″47 è delizioso tanto quanto la Sjöström che le nuota a fianco. Il podio l’ha disegnato negli occhi ma domani è un altro giorno. Illy c’è. Voto 7+

Solita menata di scuse per la Di Pietro. Sarebbe meglio dispensare sorrisi e glissare. Ripetitiva. Voto 5-

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...
Read More

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...
Read More

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...
Read More

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...
Read More

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...
Read More

Swim Stats | La storia dei 1500 stile libero: Gregorio Paltrinieri

“Scendere sotto i 14’40”: questo ti rende un grande dei 1500 stile libero” Lo ha detto l’australiano Grant Hackett in un’intervista al Sydney Herald, qualche anno dopo essere stato il primo, ai Mondiali di Fukuoka 2001, ad infrangere il muro che fa da spartiacque tra...
Read More

L’analisi dei campionati Italiani di Categoria su base Regionale

Nella stagione sportiva più strana della storia recente abbiamo assistito a molte cose che, fino a poco tempo fa, pensavamo impossibili. Stadi di calcio vuoti, pubblico virtuale sugli spalti dell’NBA, gran premi di Formula 1 con i prati deserti: gli eventi a porte...
Read More

Sydney2000 Special, Olimpiade dolceamara per gli aussie

Alle Olimpiadi di Sydney 2000, l’Australia è arrivata quarta nel medagliere ed ha vinto un totale di 58 medaglie - 16 ori, 25 argenti, 17 bronzi - delle quali 18 provenienti dal nuoto (5 ori, 9 argenti, 4 bronzi). Significa che il 30% dei podi dei padroni di casa sono...
Read More

Federico Morlacchi, il campione paralimpico Nato per l’acqua

7 medaglie paralimpiche, con un titolo a Rio de Janeiro 2016, 6 ori mondiali e 14 europei: questo è il palmares di Federico Morlacchi, incredibile talento natatorio e volto di copertina del movimento del nuoto paralimpico nazionale. Se l’Italia è arrivata a...
Read More

Zona Mista, SetteColli e riflessioni di fine stagione

Il lockdown, parole trite e ritrite, ci ha imposto di fermarci, si è imposto sulle nostre vite, ci ha stravolto: ritmi lavorativi, allenamenti, abitudini e i nostri pensieri, e obiettivi. Ma siamo tornati, stiamo ripartendo e il nuovo inizio, soprattutto nel mondo del...
Read More

La foca Koch l’ha presa sottogamba. I 200 rana dello scozzese Murdoch sono da vendetta per l’esclusione olimpica ed è fuga. Saluti e baci e ci vediamo all’arrivo. Il compito di Pizzini non era il piazzamento ma il tempo per andare a Rio e “Incredibile all’Aquatics Center!”  il colpo è solo doppio. 2’10″39 serve a poco: medaglia, e nuova migliore prestazione italiana in tessuto, ma Rio è solo sfiorata.

Ho sperato con tutte le mie forze che in zona mista si fermasse al  “non ho parole” poi  ha tirato  fuori i dolori, il gatto, la nonna…  Melanconico. Voto 7.5  Migliora nel  dopo-podio, ma la saudade lo fa sembrare un brasiliano in esilio. Rimelanconico.

Mie Nielsen è la giustiziera con record dei campionati della Hosszú. I 100 dorso affrontati dopo essere salita con la cuffia sul podio sono la giusta punizione alla mancanza di gusto della magiara. Per i colori azzurri Zofkova la riconosci non dai capelli ma solamente perché è il primo sughero che salta fuori dall’acqua. Chiude nelle retrovie. Anonima. Voto 5.5

Carini nella finale dei 200 farfalla vinti da sua maestà László Cseh con tempone (1’52″91) che saluta gli anglofoni oltreoceano “I’m really confident”. I misti per l’ultima olimpiade li ha mollati per rompere le scatole a farfalla e ci riuscirà. Giacomo si fotocopia sul 1’56″81 stavolta con le virate giuste. Si conferma costante, 7° senza  demeriti, è giovane, sicuro. “Stavo bene” … e menomale!!  Speriamo non cambi. Volitivo. Voto 7.5

Semi dei 200 rana scivolosi. Scivolano veloci Tatton, Güneş e Pedersen che controllano, scivolano indietro le azzurre in versione double face anche se entrambe sul 2’28”.

Scarcella col muso e un secchio di scuse. Noiosa. Voto 5
Fangio
felice dell’esperienza e dell’obiettivo finale centrato. Positiva. Voto 6+ 

I 50 dorso che non vedevano Simone facente parte della compagnia. Vince Lacourt. Gioca a nascondino come nessuno. Marpione. Voto 9
Secondo Bohus. Menzione d’onore per  l’ingresso in acqua con capriola prima dello start. Acrobatico. Voto 9

Siamo alla staffa di chiusura. Di tutte le emozioni nominate dai commentatori adrenalina emozione… non ne ho colta nessuna. La tristezza prima della partenza mi pareva già un presagio.

La Sjöström saluta la Mizzau ma è sola. Cerco nel cassetto tutti i santini che posseggo: l’1’59″02 della nostra non è male ma sale un brivido lungo la schiena.
La Carlin che acchiappa la Svezia. La Musso continua il trend con 1’59”.5 ed inizia la caduta.
Pirozzi contro tutte (che sono scappate) ancora 1’59”. Non si risale.
Pellegrini sembra non demordere ma 1’56” dice che non si è impegnata a fondo. La valutazione complessiva è da scordare rapidamente. Una delle cose peggiori che ricorderanno anche loro. Staffetta inguardabile. Mi rifiuto di valutare. Forse così è peggio, ma se rientra la Heemskerk si poteva fare.

“Che vada bene che vada male bisogna lavorare sempre” entrerà negli annali, prendiamo nota e ci bevo su, tuffandomi negli occhi della Jakabos vincente con la compagnia magiara. Che il Signore la benedica.

[ranking_table data1=”Kapás Boglárka | HUN | 8:21.40″ data2=”Jazmin Carlin | GBR | 8:23.52″ data3=”Tjaša Oder | SLO | 8:25.68″]800 stile libero donne[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Hosszú Katinka | HUN | 2:07.30″ data2=”O’Connor Siobhan-Marie | GBR | 2:09.03″ data3=”Miley Hannah | GBR | 2:11.84″]200 misti donne[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Murdoch Ross | GBR | 2:08.33″ data2=”Koch Marco | GER | 2:08.40″ data3=”Pizzini Luca | ITA | 2:10.39″]200 rana uomini[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Cseh László | HUN | 1:52.91″ data2=”Bromer Viktor Bregner | DEN | 1:55.35″ data3=”Kenderesi Tamás | HUN | 1:55.39″]200 farfalla uomini[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Nielsen Mie Østergaard | DEN | 58.73″ data2=”Hosszú Katinka | HUN | 58.94″ data3=”Dawson Kathleen | GBR | 59.68″]100 dorso donne[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Lacourt Camille | FRA | 24.77″ data2=”Bohus Richárd | HUN | 24.82″ data3=”Tarasevič Grigory | RUS | 24.86″]50 dorso uomini[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Ungheria | HUN | 7:51.63″ data2=”Spagna | ESP | 7:53.38″ data3=”Olanda | NED | 7:53.63″]4x200 stile libero donne[/ranking_table]

Campionato Europeo vasca lunga 2016 – Londra 16-22 maggio

Segui e commenta l’evento sul Forum di Corsia 4

apri il THREAD