Select Page

Rio dia um: lo sciamano, il mago e il samurai ungherese

Rio dia um: lo sciamano, il mago e il samurai ungherese

Lo sciamano arriva e scruta il cielo di Rio, verso il Pao de Azucar e il Cristo Re. Quello che vede è l’inizio di Londra 2016, ma lo sciamano ricorda l’inizio di Londra invece è quello del 2012! Per fortuna che c’è il gemello diverso. Lo sciamano vede male anche il cambio Ferraioli-Di Pietro, fatto in 0.06. Forse lo sciamano deve scaricare Pokémon Go, oramai disponibile ovunque, anche nei supermercati, dove può trovare anche Vinicius, il Pokémon mascotte.

vinicius-rio-2016-swimming-mascotte-300x140Vinicius la mascotte di Rio, il pokémon con il potere di tradurre dal portoghese

Intanto Peaty il maghetto-froggy di Hogwarts tradisce lo sciamano, e impara quasi la partenza: le alzatacce mattutine avranno avuto il loro effetto, forse lo Snorky che lo tratteneva sott’acqua (ebbene sì non era un goblin) è stato debellato.

Per i nostri mististi dopo il Piano A , B e C e il piano D (disperazione) suggeriamo il piano S: silenzio stampa. Un totale di almeno 25 secondi di peggioramento in quattro, nessun atleta italiano in finale nei 400 misti dal 1984 epoca di Long John (non Silver, ma Franceschi), anche gli Snorky hanno provato ad aiutarli ma diciamo che meglio non dire altro.

Debellato il nemico che bloccava Peaty in partenza

E il tetto è fatto!

Per fortuna che c’è Gabriele Detti, che dovendo mettere su casa si mette in scia del suo amico Clark Kent Horton e stare in scia di Superman si sa rende. Infatti bronzo e i mattoncini della casa sono pronti. Mack Horton prova ad avvolgere King Kong Sun nel fazzoletto australiano che gli lanciano dagli spalti… ma o la bandiera è troppo piccola o Sun troppo grosso. Poi non sta mai fermo va in giro e lancia souvenir alle sue fans. Fans che non possono in alcun modo competere con le supporter ungheresi, come sempre mie favorite.

Gwangju 2019, la staffetta d’argento del fondo

Venivamo dalla medaglia di bronzo di Budapest 2017 ed è arrivato uno splendido argento. Il mare di Yeosu non ha finito di darci soddisfazioni e, nella specialità forse più spettacolare del nuoto di fondo, ci regala una medaglia fortemente sperata ma mai data per...
Leggi

Gwangju 2019, i verdetti olimpici delle 10 km

Il nuoto di fondo a Gwangju ha dato il suo verdetto nella 10 km, unica distanza che metteva in palio, oltre alle medaglie mondiali, anche il pass olimpico. Risultato per niente semplice perché, per essere sicuri di volare entrambi a Tokyo 2020, Gregorio Paltrinieri e...
Leggi

Gwangju 2019, sale l’attesa per la 10 km maschile

Assegnate le medaglie delle prime due gare del nuoto in acque libere, un giorno di riposo - per noi una notte - e pronti per scoprire i 10 atleti uomini che riusciranno ad aggiudicarsi il pass olimpico per Tokyo 2020. Per l'Italia saranno in acqua Gregorio Paltrinieri...
Leggi

Andrea Vergani vola al Mondiale di Gwangju

Andrea Vergani risulta iscritto nei 50 stile libero ai prossimi 18th FINA World Championships di Gwangju, in programma dal 12 al 28 luglio prossimi. La notizia non è ancora stata ufficializzata, ma dalle pagine del sito ufficiale FIN l'atleta risulta iscritto nella...
Leggi

Swim Stats, cosa resta del Mondiale di Budapest 2017

Mancano davvero pochi giorni a Gwangju 2019, una delle edizioni dei Mondiali di nuoto più attese di sempre e di sicuro l’evento più importante del quadriennio in previsione delle Olimpiadi. Se Tokyo 2020 sarà la conclusione naturale del percorso di moltissimi atleti,...
Leggi

Universiadi Napoli 2019, l’Italia chiude sesta nel medagliere del nuoto

Con la giornata di mercoledì 10 luglio si è conclusa la settimana di nuoto tra le corsie della trentesima edizione delle Universiadi. La rinnovata piscina Felice Scandone di Napoli è stata splendido teatro delle competizioni dedicate agli studenti universitari, alle...
Leggi

Campionati Mondiali di nuoto paralimpico, i convocati per Londra

Ufficializzata la Nazionale che volerà a Londra per la IX edizione dei Campionati del Mondo di Nuoto Paralimpico, l'Aquatics Centre sede dei Giochi Olimpici e Paralimpici nel 2012 ospiterà la competizione dal 9 al 15 settembre prossimi. Saranno 22 atleti - 12 maschi e...
Leggi

EuroJunior Kazan 2019, Italia terza in classifica e nel medagliere

In archivio anche i Campionati Europei juniores di nuoto che si sono svolti dal 3 al 7 luglio presso l'Aquatics Palace di Kazan (Russia). I 32 azzurrini - 19 ragazze e 13 ragazzi - convocati dal tecnico federale delle squadre nazionali giovanili Walter Bolognani hanno...
Leggi

Gwangju 2019, l’Italfondo per i Mondiali

La nazionale di nuoto in acque libere è partita domenica verso la Corea del Sud per raggiungere il ritiro a Yeosu (circa 80 chilometri a sud-est di Gwangju), sede delle gare di fondo della 18ª edizione dei Campionati Mondiali delle discipline acquatiche. Il programma...
Leggi

Oriana prepara la traversata della Manica con gli allenamenti nel lago di Poschiavo

A un mese e mezzo dal tentativo, si fa serrato il programma di preparazione di Andrea Oriana per centrare l'obiettivo di attraversare il Canale della Manica. Il nuotatore lecchese, 46 anni, inizia da questa settimana gli allenamenti ai quasi mille metri del lago...
Leggi

Chi ha tanto da dire è Kosuke Hagino… il samurai giapponese danza sull’acqua e la sua katana fende la vasca carioca. Non c’è infortunio stavolta, e neanche il compagno di merende di Phelps può passarlo. Respinto con un fendente.

shane tusup

l’urlo del samurai ungherese terrorizza il Sudamerica fantastico

Frustata dal suo shogun samurai Tosup, IronKati spazza dubbi, incertezze e errori del passato. Cinque secondi alla seconda, DiRadata la concorrenza (e chi vuol capire ha capito). Esulta lo shogun col suo codino da samurai, per stavolta lasciamo fare ma da domani chiamiamo i dottori del Besta di Milano… intanto la Hosszú se Gabri mette su casa può comprare la villa di S. Martino ad Arcore e liberarmi del vicino. Così la invito a mangiare la pizza…anche il marito, va!

 

La Sjöström gioca facile: in batteria schiera la Siöberg, la sua gemella scarsa, poi in semi si mette in gioco e avvicina il suo record mondiale. Lo sciamano la vede male in partenza, il duo Mecasacchi la vedono bene all’arrivo: lo Snorky sott’acqua non rilascia commenti.

 

E’ il turno delle ragazze terribili: Perticona Penny, cugina di Piperita Patty, conquista la finale a delfino insieme a Rikako Ikee, cugina di Creamy Mamy, che hanno visto su uno dei carretti di gelati della cerimonia inaugurale.

GELATI!!!

GELATI!!!

P. P. Oleksiak insieme alla Ruck, ruvidona canadese, spaccano la vasca come la legna degli ontani canadesi e portano irriverenti il Canada al bronzo della veloce…la Ikee col Giappone è ottava, la Steenbergen con l’Olanda quarta… la carica delle 2000, sedici anni vi dice niente? E intanto le sorelle al pistacchio australiano Bronte e Cate sparecchiano la vasca. Ci vediamo al secondo giorno.

(foto copertina: skysport.com)

About The Author

Mauro Romanenghi

Ricercatore per professione, scrittore per passione, allenatore per caso, ma tutto con la massima professionalita'. Nato in Brianza nel 1973, Mauro Romanenghi come il whisky invecchiando migliora ma va preso a piccole dosi. Allenatore dal 1994, dopo la laurea in Scienze Biologiche lavora allo IEO di Milano nel campo della ricerca contro le leucemie e i tumori, e allena nella sua terra di origine quando e come puo' nuoto e salvamento. Collabora col forum di Corsia4 dal 2007, ed e' coautore e pseudoconduttore delle trasmissioni in podcast. Vive ad Arcore (ma non se ne vanta) con la moglie e un cane labrador, i veri angeli ispiratori delle sue cronache.

Ultimi Tweet

?>