È un Sette Colli sempre più in versione “Mundial” quello che saluta Roma e ci lascia il ricordo di una 54ª edizione da favola.

Mai come quest’anno abbiamo potuto vedere tante stelle e tante prove degne di una competizione iridata. A Budapest, scommetteteci, vedremo qualche finale dove i protagonisti saranno quasi gli stessi presenti al Foro Italico.

Il day 3 è scoppiettante già in mattinata, quando Govorov cancella il primato della manifestazione dei 50 farfalla di Nicholas Santos nuotando 23″09. Manca la zampata azzurra e l’unica novità è il tempone della Bianchi nei 200 farfalla, mentre Magnini e Cielo salutano la finale A della gara regina lasciando al nuovo che avanza – Zazzeri  l’onore di giocarsela con i migliori.

I ragazzi del Nuoto Paralimpico aprono la sessione pomeridiana con i 100 stile vinti in 56″65 da Riccardo Menciotti, un centesimo meglio di Fabrizio Sottile.

Prima finale di giornata sono i 200 dorso, che al maschile vede un podio tutto straniero con Bernek, Diener e Greenbank senza crono clamorosi e senza italiani, con Restivo carico e out in mattinata e il migliore azzurro che è Jacopo Bietti quinto in 1’59″05.

Al femminile ci prova Margherita Panziera che si deve accontentare del bronzo in 2’10″87 cedendo il passo alla Whittaker e al dorso a testa alta della magiara Kata Burian, prima in 2’09″89.

C’è il meglio della farfalla veloce nella finale dei 50 maschili, con la sfida a tre fra Govorov, Santos e Proud, con l’ucraino che si migliora ancora rispetto alla mattina nuotando in 23″01 portando a casa il primo confronto con il brasiliano e il britannico. Ma la bella sarà a Budapest! Piero Codia vince la finale B in 23″63 e rende onore ai tre sul podio.

Dalla “Camera di Chiamata” di Corsia4 con Cristina Chiuso alla finale dei 200 farfalla è un attimo: Ilaria Bianchi si ritrova con la nona prestazione all-time in Italia nei 200 delfino, non proprio la sua gara e allora già che c’è ci prova anche al pomeriggio. Tre quarti di gara da protagonista, poi la “scimmia” sulle spalle dell’ultimo 50 e il sorpasso delle specialiste Szilágyi, Atkinson e Jakabos. Chiude in 2’09″60, la rivedremo all’opera?

Scende in vasca per i 200 rana la “foca” Marco Koch, che fresco fresco di Trials tedeschi parte forte e gestisce l’aggressività di Titenis in palla per tre vasche. Non l’ultima però, dove il lituano si spegne favorendo la vittoria del tedesco in 2’09″63 e il rientro di Luca Pizzini, secondo in 2’10″73 davanti all’azzurro che non ti aspetti Daniel Moises Loschi.

Fanno gara a sé Rikke Møller Pedersen e Molly Renshaw nei 200 rana donne, con la danese che guida per tutta la gara ma viene beffata nel finale con un brutto arrivo dalla britannica, prima in 2’25″38 di soli due centesimi davanti alla primatista mondiale. Con Giulia Verona fuori dalla finale A, la migliore delle azzurre è Francesca Fangio, quinta appena sopra al 2’28”.

A proposito di International Swimmers Alliance, intervista a Matt Biondi

Matt Biondi non ha bisogno di presentazioni ma, nel caso qualcuno di molto giovane volesse un ripasso, basti pensare che si tratta di uno dei nuotatori più forti della storia. Ha vinto undici medaglie alle Olimpiadi- di cui otto ori - ed altrettante ai Mondiali (sei...

A Tokyo i Campionati in corta per i Mondiali di Abu Dhabi

In attesa di World Cup - 21/23 ottobre terza tappa a Doha in Qatar - e International Swimming League - playoff a Eindhoven a partire dall'11 novembre, il nuoto di alto livello va in scena a Tokyo, dove si sono svolti i Campionati Nazionali in vasca corta, validi per...

Fatti di nuoto weekly: danzando e polemizzando

Fatti di nuoto weekly torna alla sua versione old school, le notizie del nuoto una volta alla settimana, con calma, il mercoledì. E quale miglior argomento per riprendere se non il protagonista del primissimo numero di questa newsletter?Klete Keller Il pluri...

Coppa Comen 2021 | l’Italia vince classifica e medagliere a Belgrado

​La Coppa Comen è tornata! Dopo l’annullamento dell’edizione del 2020 e il rinvio nell’estate di quest’anno, a Belgrado il meglio del nuoto giovanile europeo si è riunito per iniziare alla grande la nuova stagione. Competizione riservata alla categoria Ragazzi, dove...

Storie di Nuoto: László Cseh, working class hero

Immaginate per un momento di avere un dono eccezionale, una dote naturale che vi rende incredibilmente bravi a nuotare. Immaginate che questa capacità sia scoperta da un allenatore estremamente lungimirante e capace, che affina la vostra tecnica in modo perfetto,...

Training Lab, La prestazione nel Nuoto in funzione del recupero attivo e passivo di varie durate

All’interno di una competizione natatoria così come di un allenamento intenso fatto di prove di sforzo massimali, l’andamento delle stesse può essere fortemente influenzato da diversi fattori. Primo fra tutti di sicuro è lo stato di forma o di affaticamento pregresso...

Arrivano le star, e non sto parlando dei Depeche Mode che suonano in serata all’Olimpico togliendo un po’ di pubblico al Foro Italico. Le stelle sono gli sprinter dei 100 stile uomini, con una finale degna delle migliori competizioni internazionali.

In finale B c’è César Cielo, in quella vasca che gli ha regalato l’attuale primato mondiale, ma è Luca Dotto il migliore in 49″16 davanti a Vendrame che cicca la partenza ma chiude a 49″30. La finalissima è del magiaro Kozma che in 48″68 regola dalle corsie esterne Fratus, Magnussen, McEvoy e Scott, tutti sotto i 49″. Lorenzo Zazzeri tocca settimo in 49″10 con la soddisfazione di mettersi alle spalle il sudcoreano Park.

Niente male anche lo sprint al femminile! Pernille Blume c’è e conferma il suo titolo olimpico con un 50 stile in rimonta vinto in 24″13, nuovo record della manifestazione, cancellando il 24″21 di Ranomi Kromowidjojo del 2012. L’olandese si accomoda sul secondo gradino del podio in 24″39, mentre la prima italiana è Giorgia Biondani, quinta in 25″22.

Si passa ai 200 misti maschile dove la rinuncia dello svizzero Desplanches alla finale ci regala un altro scontro SetoVerrasztó. Purtroppo per noi l’ungherese non è così competivo sulla mezza distanza, uscendo solo nelle frazioni rana e stile. Troppo tardi perché Seto fa il vuoto vincendo con record della manifestazione in 1’57″54 (cancellato Thiago Pereira del 2012). Bene Giovanni Sorriso quinto in 2’00″89.

Al femminile tutto semplice per l’argento olimpico Siobhan-Marie O’Connor che vince in 2’10″01 strappando il primato della manifestazione a Stephanie Rice. Argento alla Ugolkova e bronzo per Ngawati mentre Sara Franceschi fatica chiudendo sesta in 2’14″05.

Chiusura con un pizzico di rammarico: gli 800 stile maschili dovevano infiammare il pubblico romano ma l’assenza di Paltrinieri e Detti lascia spazio al successo di Jan Micka in 7’54”24.

Ci si vede a Budapest!

Share and Enjoy !

Shares