A metà settembre, dopo i Giochi Olimpici di Rio, un gruppo di hacker russi rende pubblica una serie di richieste per “esenzione per fini terapeutici” di atleti di diverse nazionalità, cominciando (ovviamente, N.d.R.) dagli atleti statunitensi…

Ripicca? Rivalsa? Non tocca a me stabilirlo. Quello che è certo è che i certificati sono autentici e hanno sollevato parecchi dubbi e molte domande.

Dubbi che proviamo a chiarire con il dottor Gustavo Savino – specialista in Medicina dello sport e Farmacologia clinica, Centro Regionale Antidoping dell’Emilia-Romagna, AUSL di Modena –  che ormai tutti i nostri lettori cominciano a conoscere molto bene!

Cosa è una TUE (acronimo di Therapeutic Use Exemptions, N.d.R.) e come si richiede? Dopo aver inoltrato la richiesta, cosa succede?

Una TUE è una RICHIESTA DI ESENZIONE A FINI TERAPEUTICI. Deve obbligatoriamente indicare, oltre ai dati dell’atleta, la diagnosi per la quale viene chiesta e le modalità/durata della terapia.

A seconda dell’urgenza della terapia necessaria abbiamo:

  • richiesta per terapie di emergenza (terapie salvavita, esempio in caso di una puntura di insetto che causa uno shock anafilattico!) e per terapie urgenti (terapie non procrastinabili, ma non salvavita): la TUE viene inoltrata dopo aver cominciato la terapia, dichiarando ovviamente la data di inizio e la diagnosi; ovviamente in attesa dell’approvazione dell’esenzione l’atleta NON potrà gareggiare.
  • richiesta per terapie non urgenti (procrastinabili): in questo caso si invia la richiesta di esenzione prima di cominciare la terapia e si aspetta la decisione della sezione antidoping. Una volta ricevuta la risposta: se l’esito è positivo (ovvero se la richiesta di esenzione è stata accettata) l’atleta potrà gareggiare durante la terapia; in caso di esito negativo (ovvero se la richiesta di esenzione è stata rifiutata) l’atleta NON potrà gareggiare durante la terapia.

Contestualmente alla TUE va presentato anche il certificato di idoneità agonistica, ovvero si deve dichiarare che, nonostante all’atleta serva una terapia vietata dal sistema antidoping, l’atleta è in condizioni idonee alla pratica sportiva agonistica.

Rispetto all’elenco di TUE, che abbiamo compilato sulla base dei dati resi noti da FancyBear, di quali categorie di sostanze si tratta?

E per quanto riguarda i dosaggi e i modi di assunzione cosa puoi dire? Per quali di queste sostanze è necessaria la TUE?

(1) Cortisonici. Nell’elenco li troviamo come Glucocorticoidi (o glucocorticosteroidi). Si tratta di farmaci steroidei. Vengono usati come antinfiammatori, riducono lo stato infiammatorio a carico di qualsiasi distretto o organo.
Concessi senza richiesta di esenzione, se assunti: per via inalatoria, come collirio, sotto forma di pomate entro il dosaggio consentito (paragrafo S9 della lista delle sostanze vietate in competizione). Oppure come Cortisonici: è necessaria la TUE, quando assunti per: via intramuscolare, via rettale, via endovenosa, via orale (paragrafo S9 della lista delle sostanze vietate in competizione). Vengono usati come importanti antinfiammatori, riducendo moltissimo lo stato infiammatorio a carico di qualsiasi distretto o organo (bronchiti, asma, punture di insetti, traumi, problemi colonna vertebrale, …).
Effetto dopante: elevata e artificiale riduzione dei tempi di recupero da una infiammazione importante, ma senza rispettare i tempi di recupero fisiologici (riposo). L’atleta ritorna prima disponibile all’allenamento e alla competizione.
Effetti collaterali: gastroenterici, aumento pressione arteriosa, pesanti effetti a carico del rene.

(2) Ferro + diuretico mascherante (destrano) : delle due la sostanza per la quale è necessaria l’esenzione a fini terapeutici è il destrano (paragrafo S5 della lista delle sostanze proibite sempre).
Effetto dopante del destrano: maschera l’assunzione di altre sostanze dopanti favorendone una rapida eliminazione urinaria.

(3) Anfetamine: paragrafo S6 della lista delle sostanze vietate in competizione.

(4) Beta-2 agonisti: paragrafo S3 della lista delle sostanze proibite sempre. La caratteristica di queste sostanze è di avere un effetto anabolizzante se usati in dosi massicce. Per SALBUTAMOLO, SALMETEROLO, FORMOTEROLO non serve la TUE, ma solo se l’assunzione non supera le dosi terapeutiche (che varia per ogni molecola); se si supera la dose terapeutica non esiste l’esenzione ma diventa automaticamente doping. Mentre per la TERBUTALINE serve la TUE per qualsiasi dose.

(5) Vari. Esempio Remicade assunto per via endovenosa.

Nello sport è vietata qualsiasi somministrazione di qualsiasi sostanza per via endovenosa perché deve prevedere l’ospedalizzazione. La frequenza di somministrazione “al bisogno”: in Italia non viene praticamente mai concessa l’esenzione senza una frequenza di somministrazione ben definita, soprattutto in caso di cortisonici, perché il concetto è che se si ha bisogno di assumere il farmaco “al bisogno” si fa la richiesta di TUE in emergenza.

NB: in tutti casi che seguono si tratta di certificati di approvazione delle ESENZIONI PER FINI TERAPEUTICI (TUE), rilasciati dalla sezione antidoping della FINA (per competizioni internazionali) o dalle sezioni antidoping delle federazioni nazionali di appartenenza (per le competizioni nazionali; ad esempio: USADA per U.S.A.). Sono quindi TUE ACCETTATE, non semplici richieste in attesa di approvazione. Le date riportate tra parentesi si riferiscono alla durata dell’esenzione.

(1) ASSOCIATED GLUCOCORTICOIDS (R): glucocorticoidi; si tratta di farmaci che appartengono al gruppo di farmaci antinfiammatori steroidei.

Ricordiamo che quelli assunti per via inalatoria vengono usati come antinfiammatori nelle patologie a carico del sistema respiratorio e attualmente sono concessi senza richiesta di esenzione. Per tutte le altre forme di assunzione è necessaria la TUE.

Cate Campbell (21/07/2009-21/07/2013) 250mg inalazione 2xg
Steffen Deibler (3/04/2009-7/07/2013) 320mg inalazione 2xg
Franziska Hentke (29/09/200-26/03/2012) 100mg inalazione ogni ora
Katerine Savard (24/11/200924/11/2013) 200mg inalazione alla bisogna
Christian vom Lehn (17/03/2010-17/03/2014) 100mg inalazione 1xg
Madison Wilson (16/06/2010-16/06/2014) 200mg inalazione 2xg

(1) BECLOMETHASONE (Clipper): antinfiammatorio steroideo, classe dei glucocorticoidi, derivato dal cortisone. Cortisonico, serve esenzione per uso terapeutico.

S.-M. O’Connor (13/06/2016-11/07/2016) 5mg orale 1xg

(1) BUDESONIDE: cortisonico (quindi derivato dal cortisone). Importante antinfiammatorio.

Kathleen Baker (22/04/2014-23/04/2015) 3mg orale 3 ogni # g
Kathleen Baker (7/01/2015-7/01/2019) 3mg orale 1xg

(1) METHYLPREDNISOLONE: cortisonico.

Kathleen Baker (5/02/2014-5/02/2015) 30 mg intravenoso alla bisogna
Connor Jaeger (27/01/2013-1/02/2013) 4mg orale alla bisogna

(1) PREDNISOLONE: cortisonico.

Taylor McKeown (6/08/2015-11/08/2015) 50mg orale 1xg
Taylor McKeown (senza data) 1cc orale alla bisogna
S.-M. O’Connor (16/10/2012-26/11/2012) 40mg orale 1xg
S.-M. O’Connor (18/12/2012-18/01/2013) 10mg orale 1xg
S.-M. O’Connor (19/01/2013-19/01/2014) 10mg orale 1xg
S.-M. O’Connor (06/7/2014-06/07/2015) 30mg orale 1xg
S.-M. O’Connor (26/8/2015-26/08/2016) 10mg orale 1xg
S.-M. O’Connor (26/8/2015-26/08/2016) 10mg rettale 1xg
Madison Wilson (23/04/2014-16/06/2018) 50mg orale 1xg

(1) PREDNISONE: cortisonico.

Kathleen Baker (5/02/2014-5/02/2015) 40 mg orale alla bisogna
Kathleen Baker (7/01/2015-7/01/2019) 5 mg orale alla bisogna
Connor Jaeger (12/02/2013-17/02/2013) 60 mg orale alla bisogna
Taylor McKeown (18/08/2014-24/08/2014) 50 mg orale 1xg
Taylor McKeown (senza data) 1 cc orale alla bisogna
Taylor McKeown (senza data) 25 mg orale alla bisogna
Michelle Williams (15/06/2011-14/06/2012) 40 orale 1xg

(2) DEXTRAN (Iron Dextran IV infusion): ferro + diuretico mascherante. Delle due, la sostanza vietata è il Dextran: diuretico. Di solito il ferro viene somministrato per via endovenosa in caso di gravi carenze di ferro, tali per cui l’atleta non riesce a gareggiare. Sono più diffuse terapie con ferro per via orale.

Kathleen Baker (10/07/2014-10/07/2018) 40mg intravenoso alla bisogna

(3) DEXTROAMFETAMINE (ADDERALL): anfetamine. Per patologie psichiatriche: disturbi dell’attenzione, narcolessia. Effetto dopante: aumento della percezione di energia, aumento della capacità di attenzione, aumento della capacità di reazione, diminuzione del senso di fatica. In Italia non è utilizzato.

John “Jack” Conger (22/02/2016-22/02/2020) 30mg orale 1xg (20 m + 10 p)

(4) FORMOTEROL: Beta-2 agonisti. Broncodilatatore. Per l’asma. Non serve la TUE se si assume entro la dose terapeutica (54 microgrammi).

Rachele Bruni (20/10/2010-20/10/2014) 12 μg inalazione 2xg
Laszlo Cseh (9/10/2011-9/10/2015) 6 μg inalazione alla bisogna>
Steffen Deibler (3/04/2009-7/07/2013) 9 μg inalazione 2xg
Katerine Savard (24/11/2009-24/11/2013) 6 μg inalazione alla bisogna
Christian vom Lehn (17/03/2010-17/03/2014) 6 μg inalazione 1xg
Madison Wilson (16/06/2010-16/06/2014) 6 μg inalazione 2xg

(4) SALBUTAMOL: Beta-2 agonisti. Non serve la TUE se si assume entro la dose terapeutica. Doping: in dosi eccessive> 1600 μg (effetto anabolizzante).

Mireia Belmonte (27/05/2009-27/05/2013) 200 μg inalazione alla bisogna
Cate Campbell (21/07/2009-21/07/2013) 100 μg inalazione alla bisogna
Steffen Deibler (3/04/2009-7/07/2013) 200 μg inalazione alla bisogna
Franziska Hentke (29/09/2009-26/03/2012) 100 μg inalazione ogni # ora
Christian Reichert (23/06/2009-23/06/2010) 100 μg inalazione alla bisogna
Katerine Savard (24/11/2009-24/11/2013) 100 μg inalazione alla bisogna
Cameron v.d. Burgh (23/06/2009-23/06/2013) 100 μg inalazione alla bisogna

(4) SALMETEROL: Beta-2 agonisti. Non serve la TUE se si assume entro la dose terapeutica. Doping in dosi eccessive (la dose non è specificata): effetto anabolizzante.

Cate Campbell (21/07/2009-21/07/2013) 50 μg inalazione 2xg
Franziska Hentke (29/09/2009-26/03/2012) 50 μg inalazione ogni # ora

(4) TERBUTALINE: Beta-2 agonisti. Serve sempre la TUE, per qualsiasi dosaggio.

Pernille Blume (10/02/2012-10/02/2016) 0.5mg inalazione 4xg
Pernille Blume (26/04/2016-26/04/2020) 0.5mg inalazione 4xg
Jeanette Ottesen (15/06/2010-15/06/2014) 0.5mg inalazione alla bisogna
Jeanette Ottesen (10/06/2014-11/06/2018) 0.5mg inalazione alla bisogna (max 6xg)
Rikke Pedersen (29/09/2011-29/09/2015) 0.5mg inalazione alla bisogna

(5) INTRAVENOUS INFUSIONSvietate se non effettuate in ospedale. Il farmaco Remicade viene usato nell’artrite e nella malattia di Crohn (è questa la patologia di cui soffre Kathleen Baker, N.d.R.). Per alcune patologie è un farmaco salvavita. Viene somministrato per via endovenosa in base alla gravità della patologia. Resta il dubbio della frequenza di somministrazione “al bisogno”.

Kathleen Baker (5/02/2014-5/02/2015) 10 mg intravenoso alla bisogna (Remicade)
Michelle Williams (2/08/2016) 250 ml intravenoso 1xsettimana (Remicade)

Fonte TUE: https://fancybear.net

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...
Leggi

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...
Leggi

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...
Leggi

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...
Leggi

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...
Leggi

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...
Leggi

Storie di Nuoto, Phelps vs Lochte: la Sfida Infinita

La carriera di un atleta viene solitamente valutata a seconda dei risultati sportivi ottenuti, delle medaglie conquistate e dei record battuti. Ma oltre ai puri numeri, i grandi atleti si ricordano anche per le grandi sfide, le lotte combattute con i loro avversari,...
Leggi

Super Olimpiadi 2020, subito una medaglia per gli azzurri nel day1

Come annunciato durante la Conferenza Stampa di ieri, il nuoto è stato rivoluzionato. Cercherò attraverso le parole di descrivervi al meglio quanto ho appena visto con i miei occhi ed ascoltato con le mie orecchie, ma so già che fallirò. Quindi prima di iniziare vi...
Leggi

Cronache delle Super Olimpiadi 2020, la Conferenza Stampa

Da quasi ormai due mesi lo sport si è fermato in tutto il mondo, ogni evento cancellato. Il lockdown globale non ha fatto distinzioni, imponendo lo stop a qualsiasi competizione, dall’ultima delle gare di paese ai più importanti ed imponenti tornei mondiali. Solo in...
Leggi

Horton, una protesta che vale la medaglia

Con il passare del tempo, la vicenda che ha per protagonista Sun Yang continua ad arricchirsi di particolari che, pur non essendo centrali, scoprono gradualmente i fatti e ci danno una visione sempre più ampia della situazione. Stando a quanto riportato da Swimming...
Leggi

Perché le esenzioni durano quattro anni?

Questa durata così elevata delle TUE è utilizzata in ambito internazionale.

In Italia la durata dell’esenzione è la stessa del certificato di idoneità agonistica in caso di terapie che durano “a vita” (quindi la TUE scade allo scadere del certificato di idoneità agonistica e cioè massimo un anno e va rivalutata ogni anno), mentre in caso di patologie occasionali, ci si attiene alla durata della terapia che il medico deve necessariamente scrivere sulla richiesta di esenzione. Solo in casi particolari e ben documentati l’esenzione può durare per due/tre anni al massimo (esempio tumori).

Possiamo dire che nel caso delle concessioni delle TUE l’Italia sia un poco più attenta, rispetto al panorama internazionale?

Sì.

In Italia abbiamo un Comitato per le esenzioni terapeutiche, soprattutto quello paralimpico, molto efficace. Per gli atleti paralimpici c’è un servizio di consulenza molto più attento.

La prossima settimana vi aspetto con il Passaporto Biologico, il quale permette di valutare lo stato di salute di un atleta e sapere se è in condizioni per allenarsi e gareggiare!

Sempre in compagnia del Dottor Gustavo Savino e di Laura Vergani.

Naturalmente solo su Corsia4!