E anche maggio, con i suoi Campionati Europei londinesi, lo abbiamo lasciato alle spalle.

La massima competizione continentale di nuoto ci ha accompagnato lungo le ultime settimane di questo mese, concentrando i nostri sforzi e le nostre attenzioni su quello che accadeva nella “pancia della balena”, meglio conosciuta come Aquatics Centre. E mentre in Europa l’obbiettivo era quello di conquistare il “cuore” di Razza la Razza e il montepremi rilasciato ai tre medagliati, fioccano da tutto il mondo news sul mondo del nuoto, tutte in viaggio lungo quel tunnel che porta piano piano alla luce, ovvero i Giochi Olimpici di Rio 2016.

 

Cina Sun Yang, prima scherza poi fa sul serio
Si tinge sempre più di enigma quello che sta combinando Sun Yang. A inizio mese annuncia di avere una notizia sconvolgente per tutti e che l’annuncerà solo due giorni dopo. Dopo la squalifica mascherata dalla Federazione cinese e l’assenza a sorpresa nei 1500 mondiali, tutti pensano male: “Non va a Rio”, “diventa papà”, “rinuncia ai 1500”.
Niente, ci ha preso tutti in giro, facendo uno spot per il suo sponsor (e della Nazionale cinese) 361°.

Nel video ringrazia tutti quelli che gli son stati vicini dopo il suo infortunio e consola l’amico Park (ma se fossi coreano caro Sun saresti in grossi guai!), avvisando tutti che ci sarà a Rio. E quindi??? Quando torna in acqua??? Mistero svelato a fine mese: è iscritto nei 200, 400 e 1500 all’Arena Pro Swim Series di Santa Clara di inizio giugno. Alla buon ora!!!

Francia –  Agnel miracolato, farà i 200 a Rio
Sorpresa in Francia per il campione olimpico in carica dei 200 stile libero. Yannick Agnel non aveva ottenuto il diritto di difendere il suo titolo in Brasile, dopo aver chiuso terzo (ma con mistero) agli Assoluti francesi. Ma con un colpo di fortuna, o una spinta dall’alto, Jordan Pothain, titolare del legittimo posto rinuncia a questa gara per concentrarsi sui 400. Spazio così ad Agnel, che dovrà fare ben altro rispetto a quanto visto agli Europei per rivincere quel titolo.

ItaliaBarelli rieletto
Conferme per Paolo Barelli. Il Presidente della Federazione Italiana Nuoto è stato ri-eletto anche per la guida della LEN, dopo il quadriennio 2013-2016. Barelli sarà quindi presidente della Lega Europea di Nuoto anche per i prossimi quattro anni.

AustraliaHorton, incidente e macchina distrutta
Non c’è pace per gli avversari del duo Paltrinieri-Detti in vista di Rio 2016. Se di Sun abbiamo già parlato, anche il giovane Mack Horton, vero e proprio rivale degli azzurri sia nei 400 che nei 1500, ne ha combinato una grossa. A Melbourne, alla guida del suo Land Rover è uscito di strada finendo in un dirupo, fortunatamente senza conseguenze… per lui, perché della sua macchina resta ben poco. Una distrazione che gli ha fatto perdere un giorno di allenamento, e che gli costerà uscita extra piscina da qua a Rio. “D’ora in avanti avrà il permesso di uscire soltanto per venire in piscina, finita la sessione dovrà tornare a letto”, parole del coach Craig Jackson. Forza che ai Giochi mancano meno di 70 giorni!

ItaliaMedaglia quanto mi costi!
Novità per gli azzurri impegnati ai Giochi di Rio. Il CONI ha deciso infatti di aumentare il montepremi per chi vincerà la medaglia d’oro olimpica. Ai 140.000 di Londra verranno aggiunti altri diecimila euro, mentre restano invariati i premi per l’argento (75.000) e il bronzo (50.000). I nuotatori azzurri sono stati clementi quattro anni fa, non facendo sborsare molto al Comitato Olimpico Nazionale, solo il premio del terzo posto di Martina Grimaldi nella 10km. La speranza è di uscire da Rio con qualche medaglia in più e qualche soldo in meno nella banca del CONI!

Stati Uniti Addio a Tarics, più vecchio oro olimpico vivente
L’apice di una vita può essere il momento in cui si diventa campioni olimpici?? Forse per molti sì, non per Sándor Tarics, che fino a pochi giorni fa era il più anziano oro olimpico ancora in vita. Nato a Budapest nel 1913, vinse l’oro con le calottine ungheresi ai Giochi di Berlino 1936. Ci ha lasciati a 102 anni di età, parecchi dei quali vissuti negli States, dove si trasferì nel 1948. Di recente aveva dato il suo appoggio alla candidatura olimpica di Budapest per il 2024.

Ecco il video dei festeggiamenti dei 100 anni di Sándor Tarics.

Attualmente quindi il più anziano oro olimpico vivente diventa Sir Durward Knowles, vincitore dell’alloro olimpico nella vela, specialità Classe Star, a Tokyo 1964. Ha 98 anni!

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 misti

I 200 misti fanno parte del programma olimpico da dodici edizioni: inseriti nel 1968 sia al maschile che al femminile, hanno saltato le edizioni del 1976 e del 1980, anni nei quali si disputarono solo i 400 misti. Il club dei campioni è quindi ristretto a ventiquattro...

Fatti di nuoto Weekly: Elogio primaverile a Summer McIntosh

La primavera è una stagione straordinaria, forse la più bella. Più dell’inverno, che sa essere romantico ma anche rigido; più dell’autunno, che con i suoi colori è affascinante ma malinconico; più dell’estate, eccitante ma insopportabile nei suoi eccessi. Oggi, in...

60° Sette Colli | A Roma si comopleta la squadra Olimpica per Parigi 2024

Ci saranno tanti azzurri al via per il 60° Trofeo Sette Colli - Internazionali di nuoto, che si disputerà allo Stadio del Nuoto del Foro Italico di Roma, da venerdì 21 a domenica 23 giugno. Oltre ai prestigiosi titoli della manifestazione, in palio anche gli ultimi...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Canadesi

In Canada sono tutti pronti! Dopo un’intensa settimana di Trials, il team della foglia d’acero ha tirato fuori i suoi alfieri che voleranno a Parigi a caccia di medaglie. Saranno in 29 a difendere i colori canadesi in quel dei Giochi, e le ambizioni sono tutt’altro...

EA Open Water Cup 2024 | Oro Acerenza, argento Taddeucci a Piombino

Riparte da Piombino la EA Open Water Cup 2024, il circuito europeo di cinque tappe che vede in acqua tutti i migliori interpreti del nuoto di fondo continentale, bellissimo antipasto dell’estate Olimpica.  Con il sole splendente, ma un’acqua ancora abbastanza...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 farfalla

I 200 farfalla, una delle gare più dure del programma natatorio in vasca, hanno una storia olimpica abbastanza recente: i maschi si sfidano sulla distanza da Melbourne 1956 (per un totale di 17 campioni), mentre le donne da Città del Messico 1968 (14 campionesse).Il...

EA Open Water Cup 2024 | Prima tappa a Piombino nel segno della ricerca

La nuova stagione della LEN Open Water Cup 2024 è alle porte, sabato 18 maggio ci sarà l'apertura del cirucito con la tappa di Piombino . Tanti gli azzurri in gara in questa tappa italiana che vede oltre 140 partenti, si gareggerà con temperatura dell'acqua intorno ai...

Fatti di nuoto Weekly: semplici problemi, semplici soluzioni

Con i Trials brasiliani alle spalle e quelli canadesi in corso (#hype McIntosh), Fatti di nuoto Weekly torna nelle vostre bacheche per tessere un filo che parte da Lia Thomas, passa da Ahmed Hafnaoui, Kristóf Milák e Michael Phelps per concludersi con Nicolò...

Raduni nazionali: velocisti a Ostia, Mezzofondisti e mististi al CPO di Livigno

Continuano i raduni per gli atleti di interesse nazionale in avvicinamento al Sette Colli: un gruppo di velocisti parteciperà a tre giorni di monitoraggio presso il Centro Federale di Ostia, mentre il Centro di Preparazione Olimpica di Livigno opsiterà una selezione...

Pilato e Miressi protagonisti al Gran Prix Città di Napoli

Napoli, piscina Scandone! Il settimo Gran Prix Città di Napoli – Trofeo Vecchio Amaro del Capo è stato protagonista nel fine settimana, con tanti big azzurri scesi in acqua per continuare l’avvicinamento al Sette Colli prima e ai Giochi poi.Pilato & Miressi Due...

Giappone A Tokyo incrocio Japan-Australia
A cavallo dei Campionati Europei a Tokyo sono scesi in vasca i pezzi forti della nazionale giapponese, “sfidati” in quella che è una collaborazione tra i due paesi che va avanti da diversi anni, da alcuni canguri australiani. Tra i padroni di casa in spolvero Kosuke Hagino, primo nei 400 misti con 4’08’’85 davanti al compagno Daiya Seto, (4’10’’43). Con questi due crono guidano tranquillamente le graduatorie mondiali annuali. Per Hagino successo anche nei 200 misti in 1’56’’13 mentre nei 200 stile chiude con 1’46’’43. Qui è stato preceduto per due centesimi da Cameron McEvoy, vincente anche nei 50 in 21’’61 e nei 100 con 48’’17. Tra le donne vola Cate Campbell nei 100 stile (52’’38), Rie Kaneto si conferma nei 200 rana vinti in 2’20’’93 e Rikako Ikee domina 50 e 100 farfalla con 26’’05 e 57’’57.

Polonia Pass per Rio!
A Stettino, Campionati Assoluti polacchi che regalano diversi pass per i Giochi Olimpici. Tra i big Radosław Kawęcki vince 100 e 200 dorso in 54’’13 e 1’58’’20 nuotando sotto il tempo limite richiesto. Bene anche Tomasz Polewka che oltre a strappare la carta olimpica nei 100 dorso con 54’’29 segna il nuovo record polacco dei 50 dorso vincendo in 24’’72 e migliorando il suo 24’’87 dei recenti Europei. Tempo ottenuto anche da Konrad Czerniak nei 50 stile vinti in 21’’96 mentre crolla il record polacco di Paweł Korzeniowski dei 200 stile che durava dal 2009: Kacper Majchrzak nuota 1’46’’46 volando a Rio e abbassando il limite di 1’46’’59. Il giovane polacco vince con pass anche i 100 in 48’’96.

BelgioDue primati nella rana
In contemporanea con i colleghi polacchi, ad Anversa erano di scena gli Assoluti belgi. Pochi i tempi di rilievo internazionale, ma spiccano i due primati nazionali di Basten Caerts. Il belga fa cadere prima il primato storico datato 1996 dei 50 rana di Frédérik Deburghgraeve (28’’23) nuotando in 28’’13 per poi replicare con quello dei 200, grazie al crono di 2’12’’57 con cui cancella il 2’13’’42 di Jonas Coreelman del 2012. Bene anche Fanny Lecluyse che vince i 50 rana in 30’’99 e sigla il tempo per Rio nei 200 con 2’26’’05.

(Foto copertina: questionedistile.gazzetta.it)

LINK utili - clicca per aprire

 

NEWS Sun Yang

NEWS  200 stile libero a Rio per Agnel

NEWS rielezione Barelli

NEWS incidente Horton

NEWS premio medaglie Rio 2016

NEWS  Sándor Tarics