Select Page

Esercizi pratici per migliorare la subacquea a delfino

Esercizi pratici per migliorare la subacquea a delfino

In questo articolo ho raccolto i 3 esercizi che più di tutti hanno portato risultati concreti con i miei atleti nella subacquea a delfino.

Abbiamo già visto in precedenza la guida completa per migliorare la subacquea, gli esercizi che ti mostro oggi possono implementare la guida e la rendono ancora più efficace.

Alessandro Demaria | swimout.it

Tutti i nuotatori vorrebbero migliorare la subacquea ma è possibile? È possibile farlo anche in età adulta?

La risposta è SI, ma è inutile continuare a ripetere il gesto tecnico finale – la subacquea appunto – devi necessariamente fare un passo indietro.

Quindi mettiti in gioco!

Il procedimento è molto semplice:

  1. Costruisci delle solide basi di mobilità articolare e forza generali (non specifiche per la skill-subacquea)
  2. Dividi in più parti la Skill che vuoi imparare o migliorare, in questo caso la subacquea a delfino.
  3. Allena nello specifico le fasi della skill, in questo caso le fasi della subacquea, dedicando più tempo ai tuoi personali punti critici.

I tre esercizi qui sotto aiutano a migliorare i tre principali punti critici che ho individuato nei nuotatori negli anni.

Inoltre avrai un grosso beneficio anche dal punto di vista del benessere e performance generale.

Speciale MasterS, a Novara vittoria del Milano Nuoto Master e bis mondiale per Travaini

  Data: 20 gennaio 2019 Sede: Novara – Piscina comunale Vasca: 25 metri – 10 corsie Organizzazione: Natatio Master Team [ranking_table_single 1st_name="Milano Nuoto Master" 1st_country="LOM " 1st_time="61:126:06" 2nd_name="B.Fit Legnano Nuoto" 2nd_country="LOM "...

Azzurri protagonisti al Meeting Internazionale di Ginevra

Dagli States all'Europa, precisamente a Ginevra dove il grande nuoto europeo è ripartito con il 52° CIG Challenge International de Genève, in attesa dell'appuntamento clou di inizio 2019, ovvero l'Euro Meet di Lussemburgo. In Svizzera azzurri protagonisti della prima...

La FINA promuove la sua “Champions Swim Series”

Il 2018 natatorio si era chiuso con l'attesa di una risposta ufficiale della FINA alla "ribellione" di alcuni atleti di spicco del nuoto internazionale - su tutti Adam Peaty - in conseguenza all'annullamento dell'evento Energy for Swim considerato "Not Approved"....

Nuoto… nessuna distrazione!

Diciamoci la verità, la vita quotidiana non è così entusiasmante o almeno non lo è sempre. Lavoro, famiglia, per non parlare delle bollette, dei pagamenti e oggettive altre noie varie, non ci portano quella passione, quella intensità, quel piacere, quella...

21° Euro Meet, prima tappa della LEN Swimming Cup: 15 azzurri convocati

La stagione in vasca lunga è già iniziata oltreoceano con la prima tappa della TYR Pro Swim Series a Knoxville, è il turno dell'Europa che inaugura un nuovo circuito, la LEN Swimming Cup di cui però al momento si conosce solo la prima tappa ovvero l'Euro Meet di...

Speciale MasterS: Cappa, Giardino e Piccardo da record al 23° Trofeo Forum Sprint

  Data: 13 gennaio 2019 Sede: Roma – Piscina Circolo Forum Roma Sport Center Vasca: 25 metri – 8 corsie Organizzazione: Forum Sport Center Classifica di Società Somma dei i 50 migliori punteggi tabellari ottenuti dagli atleti in ogni gara, indipendentemente dal...

1. ASSETTO

Per ottenere una linea corretta in subacquea è fondamentale lavorare sulla flessione delle spalle, migliorare la mobilità articolare in questo range ti permetterà di raggiungere l’assetto corretto. Al contrario rimarrai in quella forma sbagliata dove le spalle formano un angolo con il busto.

Utilizza un bastone e mantieni la posizione fino a 30” portando il naso a 1 centimetro dal pavimento.

2. CONTROLLO del CORPO

Per acquisire un movimento complesso come quella della subacquea il primo passo è diventare consapevole proprio dell’azione che il tuo corpo deve imprimere.

L’onda vertebrale è in assoluto l’esercizio migliore per acquisire controllo e sciogliere tutte le strutture vertebrali, che se rimangono bloccate ti impediranno di eseguire la subacquea completa.

Cerca di percepire ogni singola vertebra muoversi, ripeti dai 3 ai 5 minuti l’onda vertebrale, non te ne pentirai.

3. FORZA del CORE

Ormai tutti conoscono l’importanza di un core forte, di avere un centro del corpo forte. Se sei debole al centro sei debole anche in periferia, quindi gambe e braccia non potranno esprimere il loro 100%.

Il ball pike è un ottimo esercizio per rinforzare il core, porta il busto parallelo al pavimento in partenza e poi verticale come vedi nel video. Obiettivo 5 ripetizioni x 5 serie.

Guarda attentamente i video e prova gli esercizi… al prossimo articolo!

(Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4)

About The Author

Alessandro Demaria

E’ stato campione italiano giovanile, ora è preparatore atletico professionista e Fondatore di swimout.it, il sistema di preparazione atletica per il nuotatore master. Condividerà la sua esperienza “a secco” svelando i segreti per una preparazione atletica efficace.

Ultimi Tweet

?>