In questo articolo ho raccolto i 3 esercizi che più di tutti hanno portato risultati concreti con i miei atleti nella subacquea a delfino.

Abbiamo già visto in precedenza la guida completa per migliorare la subacquea, gli esercizi che ti mostro oggi possono implementare la guida e la rendono ancora più efficace.

Alessandro Demaria | swimout.it

Tutti i nuotatori vorrebbero migliorare la subacquea ma è possibile? È possibile farlo anche in età adulta?

La risposta è SI, ma è inutile continuare a ripetere il gesto tecnico finale – la subacquea appunto – devi necessariamente fare un passo indietro.

Quindi mettiti in gioco!

Il procedimento è molto semplice:

  1. Costruisci delle solide basi di mobilità articolare e forza generali (non specifiche per la skill-subacquea)
  2. Dividi in più parti la Skill che vuoi imparare o migliorare, in questo caso la subacquea a delfino.
  3. Allena nello specifico le fasi della skill, in questo caso le fasi della subacquea, dedicando più tempo ai tuoi personali punti critici.

I tre esercizi qui sotto aiutano a migliorare i tre principali punti critici che ho individuato nei nuotatori negli anni.

Inoltre avrai un grosso beneficio anche dal punto di vista del benessere e performance generale.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

1. ASSETTO

Per ottenere una linea corretta in subacquea è fondamentale lavorare sulla flessione delle spalle, migliorare la mobilità articolare in questo range ti permetterà di raggiungere l’assetto corretto. Al contrario rimarrai in quella forma sbagliata dove le spalle formano un angolo con il busto.

Utilizza un bastone e mantieni la posizione fino a 30” portando il naso a 1 centimetro dal pavimento.

2. CONTROLLO del CORPO

Per acquisire un movimento complesso come quella della subacquea il primo passo è diventare consapevole proprio dell’azione che il tuo corpo deve imprimere.

L’onda vertebrale è in assoluto l’esercizio migliore per acquisire controllo e sciogliere tutte le strutture vertebrali, che se rimangono bloccate ti impediranno di eseguire la subacquea completa.

Cerca di percepire ogni singola vertebra muoversi, ripeti dai 3 ai 5 minuti l’onda vertebrale, non te ne pentirai.

3. FORZA del CORE

Ormai tutti conoscono l’importanza di un core forte, di avere un centro del corpo forte. Se sei debole al centro sei debole anche in periferia, quindi gambe e braccia non potranno esprimere il loro 100%.

Il ball pike è un ottimo esercizio per rinforzare il core, porta il busto parallelo al pavimento in partenza e poi verticale come vedi nel video. Obiettivo 5 ripetizioni x 5 serie.

Guarda attentamente i video e prova gli esercizi… al prossimo articolo!

(Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4)