Quarto appuntamento con Mike Maric e Valter Mazzei, per esplorare il progetto SWIM LIKE A DOLPHIN®.

Ci hanno già raccontato come è nato il progetto e come si è sviluppato nel tempo, passiamo ora ad una parte più tecnica per capire quale può essere la strada da intraprendere per migliorare il quinto stile.. la nuotata subacquea.

Valter

Dopo aver scelto di partire con il progetto SWIMLIKEADOLPHIN®, abbiamo cercato tutti gli studi effettuati sui delfini e la loro nuotata per confrontare la biomeccanica del delfino con quella dell’essere umano e successivamente per progettare strumenti (monopinna) e sperimentare movimenti che permettessero di assimilare la nuotata dei Sapiens a quella dei delfini.

 

Siamo quindi passati a studiare i vortici che si creano attorno al corpo durante la nuotata per migliorare l’assetto in acqua con l’obiettivo di ridurli e di aumentare di conseguenza la velocità di nuotata, oltre che per avere benefici fisiologici a livello corporeo generale.

Biomeccanica delfino

Mike

Ci siamo basati sugli studi di analisi della biomeccanica delle nuotate dei delfini, condotti a partire dagli anni ’70 per scopi militari, senza realizzare ulteriori studi, osservazioni e misurazioni dirette. Tutto ciò che oggi si sa sulla nuotata dei delfini deriva da questi studi: gli ingegneri hanno esaminato e analizzato questo materiale per migliorare la performance dei pinnatisti.

Attraverso lo studio delle sinusoidi dei movimenti dei delfini, si è potuto osservare come questi mammiferi marini riescano a trasferire i carichi dalla pinna centrale a quella caudale.

Riguardo ai materiali usati dai pinnatisti, la monopinna inclinata è stata introdotta a partire dal 1999-2000, rivoluzionando il mondo del nuoto pinnato! Questo tipo di monopinna è stata progettata osservando come è strutturata la pinna caudale dei delfini (analisi dell’angolo tra la pinna caudale e il corpo del delfino, NdR).

Per strutturare questo progetto e ampliare le nostre conoscenze, abbiamo esaminato tutti gli studi di questo tipo attualmente in circolazione. Inoltre cerchiamo di mantenerci sempre aggiornati sulle nuove scoperte, partecipando anche a seminari specifici, come ad esempio quello di Bob Gillett, l’allenatore di Misty Hyman riguardo all’allenamento delle subacquee nel nuoto.

 

Come è possibile trasporre i risultati delle analisi del movimento dei delfini, mammiferi acquatici al 100% sui Sapiens, mammiferi terresti al 100%?

Si parte dalla linea di avanzamento del corpo immerso in acqua, delfino o Sapiens che sia. Il corpo umano possiede delle articolazioni che il corpo del delfino non ha, le quali formano degli angoli (ad esempio: caviglie, anche, scapole, il tratto cervicale).

Il nostro obiettivo è quello di avere una streamline entro la quale nuotare, ovvero quello di rendere il corpo il più idrodinamico possibile.

Velocisti in raduno a Roma, i convocati per il meeting di Lisbona

Proseguono gli allenamenti per gli atleti di interesse nazionale un gruppo di velocisti è al lavoro presso il Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti di Roma fino al 5 febbraio, da dove partiranno con destinazione Lisbona, in Portogallo.   Nel fine settimana, 11...

Fatti di nuoto Weekly: Etico o non etico?

È mercoledì, e come ogni mercoledì che si rispetti Fatti di nuoto weekly vi viene trovare per tenervi aggiornati su nuoto e dintorni. Mentre riprendono gradualmente le gare, non sembrano placarsi le notizie extra vasca, alcune delle quali spostano il discorso sul...

Corsia4 Awards: i nostri premi al 2022 del nuoto

Pensavate che ci fossimo dimenticati? E invece no: la seconda edizione dei C4 Awards, i premi più ambiti del nuoto-web, è finalmente arrivata! Nella loro ormai classica e corretta collocazione temporale, ovvero tra i Golden Globe e gli Oscar, i premi di Corsia4 non...

EuroMeet 2023 | Doppietta Poggio in Lussemburgo, Ceccon duecentista top

È tornato il grande nuoto in Europa, è tornato infatti l’Euro Meet! Dopo due anni di assenza causa Covid-19, si è rivisto in Lussemburgo un classico dei meeting di inizio anno. Tanti i big annunciati già da tempo tra cui Le Clos, Romanchuck, e le stelle della...

1° Trofeo Time Limit, il grande nuoto a Caserta

Lo Stadio del Nuoto di Caserta ospiterà il 18 e 19 febbraio 2023, il I Trofeo Time Limit. La manifestazione di nuoto a carattere nazionale organizzata dalla società Time Limit presieduta da Andrea Sabino, con il patrocinio della Federazione Italiana Nuoto e del...

SWIM.Mi.Cup Night Edition 2023, lista degli Ammessi e Riserve

L’appuntamento si avvicina: Swim.Mi.Cup Night Edition 2023 l’11 febbraio ci regalerà un’intensa serata nella splendida piscina di Aquamore Bocconi Sport Center a Milano. Per tutti i velocisti e mezzofondisti si tratta di uno dei primi appuntamenti per gareggiare in...

Corsia Master, Regionali Emilia Romagna 2023: 12 e 19 febbraio a Riccione

Tra i mille impegni dello Stadio del Nuoto di Riccione, spazio ai Campionati Regionali Master Emilia Romagna che si terranno in due giornate: domenica 12 e 19 febbraio 2023. La manifestazione è riservata agli atleti tesserati FIN Settore Master e aperta anche agli...

Fatti di nuoto Weekly: Marchand, Galossi e il futuro da scrivere

I nuotatori sono tornati in acqua! Fatti di nuoto weekly non potrebbe essere più felice di poter finalmente parlare di nuoto nuotato, anche se non mancano nemmeno gli argomenti di contorno, alcuni dei quali molto importanti. Pronti per la vostra razione settimanale di...

Ceccon e Martinenghi all’EuroMeet, selezione azzurra a Livigno

Proseguono gli allenamenti per gli atleti di interesse nazionale un gruppo misto di azzurri - che hanno come sede i centri federali di Verona e Livorno - sarà in altura a Livigno Presso il Centro di Preparazione Olimpica. Nel fine settimana ci sarà invece l'EuroMeet...

Kitajima e Flanders Cup, i risultati di Tokyo e Anversa

Dal Giappone al Belgio sono giorni di… Cup! Kitajima Cup a Tokyo, Flanders Cup ad Anversa, così alcuni big si sono riscaldati in vista della lunga stagione in programma in questo 2023. Dalla terra del Sol Levante arrivano i risultati più interessanti di questo week...

Il primo punto è lavorare sulla riduzione l’angolo del cingolo scapolo-omerale, per ottimizzare la posizione delle braccia, della porzione anteriore del corpo e della testa. Abbiamo tutti potuto osservare come si sono evolute queste posizioni a partire dalla nuotata di Denis Pankratov fino alla nuotata di Michael Phelps.

Denis Pankratov

Michael Phelps

Il secondo punto sul quale andiamo a lavorare è il potenziamento del CORE, ricordando che il movimento nasce a livello del bacino, o più specificamente dal diaframma addominale e che la propulsione non è data dalle gambe!
Allenare l’apnea permette di imparare ad utilizzare il diaframma addominale per far nascere il movimento proprio in questa zona.

Altro importante punto di attenzione è il bacino e la sua mobilità (intrinseca ed estrinseca), per utilizzare al meglio il movimento del tronco nelle subacquee. Questo permette di consumare una minor quantità di ossigeno rispetto a quella consumata dal movimento degli arti inferiori, i quali, avendo masse muscolari più importanti, vanno ad aumentare il debito di ossigeno.

Un altro aspetto da considerare è la mobilità dell’articolazione della caviglia, perché è risaputo quanto il colpo di frusta della caviglia sia fondamentale nella velocità della nuotata. (studio della Speedo sulla nuotata di Michael Phelps).

Si è poi passati a studiare le sinusoidi del movimento umano per il trasferimento dei carichi comparandole con quelle dei delfini. Inizialmente attraverso l’utilizzo di monopinne piatte nelle quali la pala è in linea con la pianta del piede e successivamente usando monopinne inclinate nelle quali la pala è inclinata di 17°-30° rispetto alla linea del piede, ma resta in linea con la caviglia.
Questo secondo tipo di monopinna presenta anche il cinghiolo posteriore aperto. Tutte queste caratteristiche permettono di mantenere la mobilità articolare della caviglia.

Monopinna piatta

Monopinna inclinata

Se immaginiamo un nuotatore durante la fase subacquea della nuotata, l’utilizzo della monopinna inclinata unito all’obiettivo di nuotare nella propria streamline possono essere d’aiuto in differenti modi, ad esempio per assumere il corretto posizionamento del cingolo scapolo-omerale e quindi della braccia e della testa, per aumentare la mobilità della caviglia e del cingolo pelvico (soprattutto dell’articolazione coxo-femorale o articolazione dell’anca, tra femore e osso iliaco), per imparare a far nascere il movimento dal diaframma addominale e per sentire la velocità.

Infine, se usata con cognizione, la monopinna può aiutare molto anche il nuotatore agonistico e non solo l’apneista o il nuotatore di nuoto pinnato.

Ed è quello che sto facendo con Federica Pellegrini, Filippo Magnini, Gianluca Maglia e Matteo Giordano al Centro di Verona, tramite il coach Matteo Giunta che ha creduto e crede in questo metodo, dandomi massima fiducia e disponibilità.

(Foto e immagini: Mike Maric)

Share and Enjoy !

Shares