Cala il sipario anche sulla disciplina dei tuffi ai Campionati Europei con un ultima giornata piena di emozioni che regala ancora una medaglia e del metallo più prezioso!

La prima finale, la piattaforma 10m maschi, ha visto in gara l’azzurro Maicol Verzotto, escluso Vladimir Barbu che aveva chiuso al 15° posto le eliminatorie del mattino. Ma è la sfida DaleyMinibaev a tenere banco.

Per l’Italia è l’ultima gara in programma la più attesa con pronte sulla tavola la coppia Dallapè-Cagnotto dai 3m che ora possiamo dirlo… ha chiuso in bellezza questo campionato!

Facciamoci accompagnare in questa ultima giornata da Nicola Marconi.

Londra, l’ultima gara dei Campionati Europei ha visto nuovamente il trionfo di Tania Cagnotto e Francesca Dallapè che oggi hanno vinto la loro ottava medaglia d’oro consecutiva!

Si era visto fin dal primo tuffo, Tania e Francesca sono apparse da subito concentrate e rilassate, ma sopratutto molto sincronizzate; hanno guidato la classifica dal primo all’ultimo salto, aumentando il distacco con le altre coppie tuffo dopo tuffo, fino al trionfo finale.

Per loro un punteggio da capogiro, 327.81 punti, che le potrebbe facilmente portare sul podio anche alle Olimpiadi di Rio!

Dietro le azzurre le britanniche Alicia Blagg e Rebecca Gallantree che sono state sicuramente bravissime, ma che nulla hanno potuto contro il nostro strapotere; in terza posizione le russe Nadezhda Bazhina e Kristina Ilinykh che comunque hanno sbagliato molto.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 dorso

I 100 dorso fanno parte del programma Olimpico fin dagli albori dei giochi, cioè dal 1908 per i maschi e dal 1924 per le femmine, con l’unica eccezione di Tokyo 1964, quando gli uomini non li disputarono a favore dei 200. Si tratta di una distanza ampiamente dominata...

SwimStats, che segno hanno lasciato i Criteria 2024: scopriamolo con i numeri!

Come ogni primavera che si rispetti, il caldo si fa attendere ma quando esplode si fa sentire. Nello stesso modo, il nuoto italiano attende i Criteria per mettere in mostra tutta la sua salute, che in questo 2024 sembra particolarmente ricca e fiorita.Criteria da...

Criteria 2024, il Recap del Settore Maschile

Dopo le ragazze, sotto con i maschi! Saranno riusciti i ragazzi a far meglio delle colleghe? Allo Stadio del Nuoto di Riccione non c’è un attimo di respiro! Di nuovo tutti in vasca! Scopriamo subito cos’è successo nella sezione maschile dei Criteria 2024! PS: extra...

Fatti di nuoto Weekly: Giochi potenziati e Giochi valorizzati

Nella Fatti di nuoto weekly di oggi parliamo di un paio di argomenti sui quali la discussione è molto animata. Polemiche? No grazie. Commenti costruttivi? Sì, quanti ne volete, qui sotto o sui nostri social. Pronti?Enhanched Games Tradotto significherebbe i Giochi...

Road to Parigi 2024, il Recap dei Trials Britannici

L'Aquatics Centre di Londra ha fatto da palconscenico degli ultimi Trials Britannici che si sono svolti dal 2 al 7 aprile 2024. In campo maschile il leone Peaty è tornato a ruggire, lo stile libero ha dato spettacolo e tutte le staffette tempi alla mano sono davvero...

Criteria 2024, il Recap del Settore Femminile

Si riaprono le porte dello Stadio del Nuoto di Riccione! La beata gioventù è pronta all’arrembaggio, è il turno dei Criteria 2024! Come di consueto le prime tre giornate sono dedicate al settore femminile, dalle “debuttanti” la classe 2011 delle Ragazze, alle...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 rana

I 100 rana fanno il loro ingresso nel programma olimpico a Città del Messico 1968, diverso tempo dopo gli storici 200 e anche dopo i 400, presenti in ben due precedenti edizioni dei Giochi. Ci sono un totale di 28 campioni in una specialità relativamente giovane -...

Fatti di nuoto Weekly: March Madness, NCAA Finals uomini

Nel pieno della March Madness vera, quella del basket NCAA, e poco prima della nostra, i Criteria, ci manca da analizzare la Finale della competizione Universitaria USA al maschile, verso la quale l’hype era discretamente elevato. Pronti? QUI le Finals donneHa vinto...

Trisome Games 2024, l’Italia del Nuoto protagonista in Turchia

Si è disputata dal 19 al 26 marzo 2024, ad Antalya, in Turchia, la seconda edizione dei Trisome Games, la competizione riservata ad atleti con Sindrome di Down valida come undicesmo campionato del mondo per nuoto e nuoto artistico. Diverse le discipline in programma,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 stile libero

Un pò come succede con 100 metri piani nel programma dell’atletica leggera, i 100 stile libero sono considerati la specialità Regina del nuoto. La finale Olimpica dei 100 stile libero è il momento più atteso della settimana ai Giochi, e vincerla significa venire...

La finale della piattaforma maschile, la gara “regina”, non ha tradito le attese: un vero susseguirsi di tuffi ad altissimo livello tra il britannico Tom Daley ed il russo Victor Minibaev, mentre gli altri concorrenti cercavano di star loro dietro, Maicol Verzotto compreso.

Già questa mattina, durante l’eliminatoria, si era capito che questi due atleti avrebbero fatto una “gara nella gara”, ma nessuno si aspettava un duello così intenso: coefficienti altissimi, tuffi da 90 punti e più, ma al quarto round Minibaev ha “mollato” per un attimo, sbagliando l’entrata della verticale e doppio e mezzo indietro con due avvitamenti e mezzo ed entrando scarso. Daley non si è lasciato sfuggire l’occasione è con il quadruplo e mezzo avanti ha preso il largo, anticipando il russo di 24 punti. A nulla è servito il triplo e mezzo indietro carpiato da 97 punti del russo, il britannico con il triplo e mezzo rovesciato ha allungato ancora di più la distanza e con il tuffo conclusivo, il triplo e mezzo indietro carpiato, ha definitivamente suggellato la sua vittoria con il”monster score” di 570.50 punti, una vittoria eccezionale.

Minibaev ha concluso ovviamente al secondo posto con 524.60 punti, mentre la medaglia di bronzo è andata a Nikita Shleikher – classe 1998 – che ha “passato” il veterano Sasha Klein (GER) per appena due punti!

Maicol Verzotto ha saltato decisamente bene e rispetto alla mattina ha migliorato ogni suo singolo tuffo di almeno 6/7 punti, concludendo con il doppio e mezzo indietro con un avvitamento e mezzo da 76.80 punti, il salto migliore della gara. Per lui l’ottimo punteggio di 424.05 punti, ottimo soprattutto in ottica Olimpiadi (dita incrociate per il suo pass, nulla è ancora certo) e la nona posizione.

Tania Cagnotto, insieme a Tom Daley per la parte maschile, è stata insignita del premio come miglior tuffatrice europea, non solo per i tre ori e l’argento vinti qui a Londra, ma per tutti i risultati ottenuti nella passata stagione agonistica. A premiarla è stato il “suo” presidente Paolo Barelli, fresco di rielezione come presidente della LEN, la federazione europea di nuoto.

La “ciliegina sulla torta”, è proprio il caso di dirlo visto che Tania festeggiava il suo 31º compleanno, per concludere in bellezza un Campionato Europeo che ha visto l’Italia piazzarsi in prima posizione per il medagliere femminile e seconda, dietro alla Gran Bretagna ma davanti all’Ucraina, per il medagliere generale.

Nella classifica generale delle squadre l’Italia è quinta con 153 punti, dietro a Gran Bretagna (243), Russia (225), Ucraina (215) e Germania (174).

(foto copertina: from LEN e-news free licence | Deepbluemedia)

[ranking_table data1=”DALEY Thomas | GBR | 570.50 p” data2=”MINIBAEV Viktor | RUS | 524.60 p” data3=”SHLEIKHER Nikita | RUS | 480.90 p”]Piattaforma 10m Maschi[/ranking_table]

[ranking_table data1=”Cagnotto/Dallapè | ITA| 327.81 p” data2=”Blagg/Gallantree | GBR| 319.32 p” data3=”Bazhina/Ilinykh | RUS | 304.20 p”]Trampolino 3m Sincro Femmine[/ranking_table]