Select Page

Le dodici fatiche dei gemelli diversi!

Le dodici fatiche dei gemelli diversi!

Tornare con i piedi per terra dopo il pomeriggio da sogno di ieri è l’imperativo dei ragazzi impegnati in acqua questa mattina nella “pancia della balena” com’è ormai ribattezzato l’Aquatics Centre dal duo MecaSacchi.

Non rispondono alla chiamata le azzurre dei 200 rana: tutte faticano, Scarcella è la più veloce (2’28”67) ma sperava di fare meglio; Fangio (2’30”08) è dentro le 16, perché c’è una britannica di troppo e “non sa come mai è andata così”; Fissneider (2’30”65) chiude solo ventesima, anche lei senza spiegarsi il perché e puntando tutto su un pomeriggio che non ci sarà. Cercano tutte una scusa: occhio perché oggi passerete sotto il rigido giudizio delle pagelle del Fogliani! Guida la giovane coppia britannica RenshawTutton con la Pedersen alle costole.

Tocca agli uomini-jet dei 100 stile libero, con dieci prestazioni sotto il muro dei 49 secondi. Gli azzurri non ci sono abituati (agli Assoluti solo Dotto sotto quel muro) e sgomitano per tenersi a galla. Dotto gestisce ed entra con il quinto tempo (48”68), Leonardi azzarda un passaggio ma più che altro crolla nel finale ed è fuori dalle semi, così come Boffa di un solo centesimo sotto il muro dei 50”. Francia al comando con Mignon, Stravius si fa vedere e manda a casa Metella, mentre il più vecchio in semifinale è un classe 1982, Filippo Magnini: “Speravo di scendere sotto i 49, ho tirato e spero di fare meglio” e poi da “anziano” promuove i giovani “sono seri e professionali”.

Che le farfalle abbiano vita breve si sa, ma quella di Alessia Polieri in queste batterie dei 100 femminili lo è un po’ troppo: nuota 1’02”92, è penultima e quasi imbarazzata, oltre che imbarazzante. Bisogna leggere la classifica al contrario per trovare Ilaria Bianchi che è invece terza e soddisfatta in 58”34 “ma devo passare più forte”, mentre tanto per cambiare Sarah Sjöström la fa da padrona e non si nasconde, pur rimanendo umile come pochi: “Il mio sogno è essere nella forma migliore a Rio”. E ci crediamo! In semifinale oggi pomeriggio anche Silvia Di Pietro.

Swim Stats, le Olimpiadi di Sua Maestà: guida ai Giochi del Commonwealth

Negli anni pari non olimpici il mondo del nuoto, privo di una manifestazione a carattere mondiale, si divide in eventi 'locali' più o meno prestigiosi. Nel 2018 avremo, tra gli altri, i Campionati Europei (3-9 agosto), i Campionati Pan-Pacifici (9-13 agosto), i Giochi...
Read More

Azzurri e big internazionali all’8° Trofeo Città di Milano

Fervono i preparativi per il Trofeo Città di Milano 2018 - giunto all'ottava edizione - in programma per i prossimi 9, 10 e 11 Marzo presso la Piscina "Daniela Samuele" di Milano. La manifestazione di Milano sarà inoltre la tappa conclusiva del 5° Gran Prix d'inverno,...
Read More

Detti, Orsi e tanti altri al 3° Trofeo Miglio d’oro di Portici

In attesa dei meeting italiani più "caldi" di questo periodo, ovvero San Marino e il Trofeo di Milano, basta andare a Portici per divertirsi grazie ad una nutrita delegazione di azzurri presenti in acqua. Il 3° Trofeo Miglio d'oro - vasca corta - era soprattutto...
Read More

Febbraio 2018, da San Marino ad Atlanta: gli impegni degli Azzurri

Prosegue la stagione del nuoto azzurro, mentre alcuni atleti sono ancora impegnati nei collegiali iniziati a gennaio (leggi l'articolo Gennaio 2018, tempo di collegiali per gli Azzurri del Nuoto… ma anche di gare) vediamo quali sono gli appuntamenti clou di febbraio...
Read More

Da Uster a Calimera passando per Nizza: il nuoto nel week-end

Week end targato nuovamente nuoto! Il fine settimana ha regalato a tutti gli appassionati del mondo acquatico appuntamenti da non perdere, con campioni sparsi un po’ qua e un po’ là. Dove andare? Se portafogli e tempo te lo permettevano, l’ideale era riscaldarsi al...
Read More

Storie di Nuoto: la SFIDA del secolo, i 200 stile di… Atene 2004 | Parte II

La gara più bella in un decennio. La sfida del secolo. I due minuti in cui si è fatta la storia del nuoto. Così è stata definita la finale olimpica dei duecento metri stile libero svoltasi ad Atene il 16 agosto 2004. Prima, per l’attesa fremente che la circondava....
Read More

Euro Meet 2018: tra i big d’Europa quattro lampi d’azzurro!

Gennaio è il mese dell’Euro Meet di Lussemburgo, primo e vero appuntamento in vasca lunga per fare il conto della situazione dopo la stagione in corta. Da oggi in avanti l’attesa sarà per i vari Campionati Nazionali validi per qualificarsi agli Europei di Glasgow ma...
Read More

TuffiAmoci: il progetto di promozione del nuoto per i ragazzi disabili

Lo sport per disabili è una realtà ormai diffusa e importante nel nostro paese, ma ancora ci sono moltissimi ragazzi con difficoltà che non riescono ad accedervi. Per cercare di sensibilizzare l’opinione pubblica e migliorare la situazione è nato il progetto...
Read More

Domenico Fioravanti, dal nuoto alla politica, l’olimpionico in lizza con il Movimento 5 Stelle

Dal nuoto alla politica. Il 4 Marzo, si terranno le elezioni politiche e Pd, Fratelli d'Italia e Movimento Cinque Stelle spiccano tra i partiti. Quest'ultimo ha diramato le liste ufficiali e fra questi si distingue il nome di un'ex campione olimpico. Primo atleta a...
Read More

Storie di Nuoto: la SFIDA del secolo, i 200 stile di…

La gara più bella in un decennio. La sfida del secolo. I due minuti in cui si è fatta la storia del nuoto. Così è stata definita la finale olimpica dei duecento metri stile libero svoltasi ad Atene il 16 agosto 2004. Prima, per l’attesa fremente che la circondava....
Read More

Mentre scorrono le batterie degli 800 maschili si torna in continuazione sul chilometro e mezzo di fuoco di ieri dei gemelli diversi azzurri, per poi scoprire che Sacchi aveva scommesso ai tempi (Roma 2009) sul primato mondiale di Zhang Li, detentore dell’otto in 7’32” e spicci e poi sparito dalla circolazione. Greg e Gabri passeggiano almeno per 400 metri, poi sgranchiscono gambe e braccia (con il Moro che fa gesti strani ai 700) e vincono la batteria con tempi più alti dei passaggi del giorno prima.

Loro non trovano scuse e Detti ammette un patto di non belligeranza per il mattino: “C’eravamo più o meno messi d’accordo, facciamo una gara tranquilla”, non saranno contenti gli avversari.

La 4x200 donne senza Federica Pellegrini è un po’ come i tre moschettieri senza d’Artagnan. Non qualificarsi era da pazzi, ma Pirozzi (inspiegabilmente contenta) e De Memme non fanno molto per meritarsi un posto al pomeriggio. Meglio Musso e Mizzau, e senza strafare volano in finale. Ma oggi non basterà la “Divina” per farci sognare, tanto meno a Rio. Guida la Spagna, Italia quarta.

Le uniche speranze di medaglia del pomeriggio ricadono proprio sul quartetto azzurro, ma occhio alle giovani promesse Franceschi, Toni e Carini tra 200 misti e farfalla. See you later!!!

Campionato Europeo vasca lunga 2016 – Londra 16-22 maggio

Segui e commenta l’evento sul Forum di Corsia 4

apri il THREAD

About The Author

Alessandro Foglio

Istruttore e nuotatore, segue il mondo del nuoto assoluto e tutti i suoi appuntamenti!

Ultimi Tweet

?>