La strada del “Mare Nostrum” porta tutti a Canet-en-Roussillon ma più che la seconda tappa di questo prestigioso meeting è sembrato un Mondiale in miniatura.

Colori e bandiere da tutto il mondo, con l’invasione nipponica e l’arrivo dal Sudafrica anche di Cameron van der Burgh, oltre alle stelle canadesi e ai padroni di casa della Francia, ancora carenti a livello numerico. A Barcellona arriverà anche Adam Peaty, nel frattempo qualche britannico ha fatto capolino, come i ranisti e James Guy che non ha vinto i 400 stile ma almeno ha riscattato la figuraccia europea.

Oltre a qualche australiano e cinese qua e là sono i tempi nuotati a confermare la mia tesi di “minimondiale”. Parecchi dei protagonisti dei recenti Europei hanno avvicinato i loro crono di Londra e tra Hosszú e Hagino abbiamo assistito a prestazioni da finale olimpica.

Ma a farsi beffa di questi campioni affermati è la quasi sedicenne Penelope Oleksiak, che stampa l’ennesimo primato Mondiale Junior nei 50 farfalla. Avanti, il futuro è tuo!
Con 25”93 migliora il 25”97 nuotato un mese prima a Charlotte, ma non le basta per vincere: le vecchie volpone Ottesen e Alshammar la precedono nuotando qualche decimo in meno. Sono ben 23 gli anni di differenza tra la svedese e la giovane canadese, gli stessi che la separano dall’altro talento in erba Rikako Ikee. Le due si trovano contro nei 50 stile, vinti sempre dalla Ottesen in 24”64, con mamma Therese che resta sotto il muro dei 25” beffando la nipponica. Il gioco delle coppie si ripropone sia nei 100 farfalla che nei 100 stile, con Ottesen e nuovamente Oleksiak protagoniste: la danese chiude avanti nel delfino in 57”40 con soli quattro centesimi su Penelope che la beffa a stile vincendo in 53”49!

Per continuare a parlare di giovani dobbiamo arrivare ai 200 rana maschili: Anton Čupkov non è proprio alle prime armi, ma con i suoi 19 anni è il più giovane ad imporsi qui a Canet (il coetaneo Wellbrock vince i 1500 ma senza clamori). Già perché beffa con 2’08”53 Marco Koch alla seconda sconfitta dopo Londra. Indietro i due britannici Willis e Benson, che voleranno a Rio in questa prova al posto di Murdoch (ridici su, Ross!).

Storie di Nuoto: László Cseh, working class hero

Immaginate per un momento di avere un dono eccezionale, una dote naturale che vi rende incredibilmente bravi a nuotare. Immaginate che questa capacità sia scoperta da un allenatore estremamente lungimirante e capace, che affina la vostra tecnica in modo perfetto,...

Training Lab, La prestazione nel Nuoto in funzione del recupero attivo e passivo di varie durate

All’interno di una competizione natatoria così come di un allenamento intenso fatto di prove di sforzo massimali, l’andamento delle stesse può essere fortemente influenzato da diversi fattori. Primo fra tutti di sicuro è lo stato di forma o di affaticamento pregresso...

Storie di Nuoto: Ian Thorpe, il gigante australiano

È il nuotatore più famoso d’Australia, tutti conoscono le sue imprese. Ricordo di averlo visto nuotare ad Atene 2004 ed aver pensato cavoli il nuoto è uno sport fico, voglio farlo anche io. Kyle Chalmers, oro olimpico nei 100 stile libero a Rio 2016 Nel corso della...

#MiFidoDiTe 2021 | Nettuno interrompe la nostra maratona, annullata l’ultima tappa a Ischia

Questo fine settimana Alessandro Mennella e la sua guida Marcella Zaccariello, sono volati a Ischia per la settima ed ultima tappa del progetto #MiFidoDiTe2021. Le condizioni meteo di domenica 10 ottobre non hanno permesso il regolare svolgimento delle gare, ma Ale e...

World Cup 2021 #2 | A Budapest il saluto ufficiale a Laszlo Cseh

È Budapest a ospitare la seconda tappa della FINA Swimming World Cup 2021! Dopo Berlino si vola in Ungheria, dove la lotta per conquistare il primo posto nel ranking della Coppa del Mondo si accende sempre di più. Spettacolo, nuovi primati e un ultimo saluto al mitico...

La squadra agonistica del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo pronta per la nuova stagione

Quella del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo è una realtà storica: con 149 anni di attività è il più antico Circolo della Capitale, un luogo di ritrovo, cultura e sport apprezzato e riconosciuto, al quale negli anni non sono mancati i risultati sportivi, tanto da...

Coppa LEN, la tappa conclusiva ad Alghero il 9 ottobre. Gli azzurri in gara

Il gradevole clima dell’autunno sardo attende gli specialisti continentali del fondo ad Alghero, dove si terrà - sabato 9 ottobre - il quinto ed ultimo capitolo della Coppa LEN 2021 di nuoto in acque libere. Venerdì 8 ottobre 2021 alle 10:30 presso la sala meeting...

Europei in vasca corta 2021 | I 40 azzurri convocati per Kazan

Saranno 40 i nuotatori - 17 donne e 23 uomini -  che rappresenteranno l'Italia ai prossimi Campionati Europei di vasca corta che si disputeranno dal 2 al 7 novembre all'Aquatics Palace di Kazan (Russia). La rassegna continentale, arrivata alla XXI edizione, ha visto...

Fatti di nuoto weekly: Cose che fanno male

Ho letto il reportage di Lorna Knowles “L’oscuro segreto del nuoto”, pubblicato da ABC (Australian Broadcasting Corp.) News, che tratta a fondo il caso di abusi sessuali subiti negli anni ’80 da Shane Lewis ed altri suoi compagni di squadra a Brisbane, Queensland....

Swimtheisland Golfo dell’Isola, Mattia Castello e Rebecca Talanti campioni della Combined

Dai bambini alle famiglie, dai neofiti agli agonisti: oltre 2mila nuotatori in acque libere ai Bagni Bahia Blanca di Spotorno. Tra loro anche il triatleta Daniel Fontana L’Area Marina Protetta Isola di Bergeggi dal patrimonio naturalistico unico, oltre 2mila nuotatori...

Chi deve iniziare a preoccuparsi è van der Burgh. Già lo scorso anno aveva provato sulla sua pelle il ciclone Peaty e l’inglese visto a Londra sembra volersi ripetere. Cameron non è certo in condizioni ideali e prende paga da Felipe da Silva, sia nei 50 che nei 100, nuotati da entrambi appena sopra il minuto.

Se si parla di rana, Rikke Møller Pedersen trova la doppietta 100/200 senza strafare, ma mettendo a cuccia le varie Watanabe e Kierra Smith. Un po’ come fatto da Jaz Carlin nei 400 e negli 800 stile, vinti in 4’04”67 e 8’25”23 rispettivamente meglio e poco più di quanto fatto agli Europei. Anche Govorov è in forma mondiale, stampa il primato della manifestazione nei 50 farfalla nuotando in solitaria sotto il 23” e vola anche nei 50 stile, migliorando il suo crono londinese con 21”73.

Ma arriviamo ai big: Katinka Hosszú sveste i panni da giocatrice d’azzardo per indossare quelli da Wonder Woman. Quattro successi e due secondi posti, con il 2’06”68 nei 200 dorso che è il terzo crono mondiale annuale oltre a essere molto vicino al suo personale. Ma anche nei 200 misti non scherza, vincendo in 2’08” alto con record del Mare Nostrum e un saluto alla concorrenza. Nei 200 stile la Bonnet la batte ancora, ma sente il fiato sul collo della magiara che le rimane dietro per un solo centesimo, stabilmente sotto al muro dell’ 1’57”.

Al maschile Yannick Agnel si toglie la soddisfazione di vincere in 1’47”28 mentre il Superman lo fa Hagino: usa la superforza per dominare 200 e 400 misti, poi si mette in gioco anche nei 200 dorso vinti con lo stesso tempo circa impiegato per arrendersi nei 200 farfalla a Chad Le Clos.
Il sudafricano è l’ultima stella a brillare: replica quanto fatto a Monaco, di poco più veloce nei 100 (51”56) di poco più lento nei 200 (1’54”82).

Sabato e domenica si vola a Barcellona. Adiós!

(foto copertina: Giorgio Scala | Deepbluemedia)

LINK e VIDEO

REPORT prima tappa Mare Nostrum di Monaco

VIDEO dei 50 rana uomini

VIDEO dei 100 rana uomini

VIDEO dei 100 farfalla uomini

Share and Enjoy !

Shares