Select Page

Mare Nostrum, a Canet brillano Hosszú e Hagino. WRJ per la canadese Oleksiak

Mare Nostrum, a Canet brillano Hosszú e Hagino. WRJ per la canadese Oleksiak

La strada del “Mare Nostrum” porta tutti a Canet-en-Roussillon ma più che la seconda tappa di questo prestigioso meeting è sembrato un Mondiale in miniatura.

Colori e bandiere da tutto il mondo, con l’invasione nipponica e l’arrivo dal Sudafrica anche di Cameron van der Burgh, oltre alle stelle canadesi e ai padroni di casa della Francia, ancora carenti a livello numerico. A Barcellona arriverà anche Adam Peaty, nel frattempo qualche britannico ha fatto capolino, come i ranisti e James Guy che non ha vinto i 400 stile ma almeno ha riscattato la figuraccia europea.

Oltre a qualche australiano e cinese qua e là sono i tempi nuotati a confermare la mia tesi di “minimondiale”. Parecchi dei protagonisti dei recenti Europei hanno avvicinato i loro crono di Londra e tra Hosszú e Hagino abbiamo assistito a prestazioni da finale olimpica.

Ma a farsi beffa di questi campioni affermati è la quasi sedicenne Penelope Oleksiak, che stampa l’ennesimo primato Mondiale Junior nei 50 farfalla. Avanti, il futuro è tuo!
Con 25”93 migliora il 25”97 nuotato un mese prima a Charlotte, ma non le basta per vincere: le vecchie volpone Ottesen e Alshammar la precedono nuotando qualche decimo in meno. Sono ben 23 gli anni di differenza tra la svedese e la giovane canadese, gli stessi che la separano dall’altro talento in erba Rikako Ikee. Le due si trovano contro nei 50 stile, vinti sempre dalla Ottesen in 24”64, con mamma Therese che resta sotto il muro dei 25” beffando la nipponica. Il gioco delle coppie si ripropone sia nei 100 farfalla che nei 100 stile, con Ottesen e nuovamente Oleksiak protagoniste: la danese chiude avanti nel delfino in 57”40 con soli quattro centesimi su Penelope che la beffa a stile vincendo in 53”49!

Per continuare a parlare di giovani dobbiamo arrivare ai 200 rana maschili: Anton Čupkov non è proprio alle prime armi, ma con i suoi 19 anni è il più giovane ad imporsi qui a Canet (il coetaneo Wellbrock vince i 1500 ma senza clamori). Già perché beffa con 2’08”53 Marco Koch alla seconda sconfitta dopo Londra. Indietro i due britannici Willis e Benson, che voleranno a Rio in questa prova al posto di Murdoch (ridici su, Ross!).

I migliori atleti FINA del 2019: Italia premiata con il Settebello

Dopo un'emozionante stagione agonistica che ha visto il suo evento clou nei Campionati Mondiali FINA di Gwangju in Corea, la FINA ha reso noto l'elenco dei "migliori atleti dell'anno" delle sei le discipline acquatiche: nuoto, nuoto in acque libere, pallanuoto, tuffi...
Read More

AKRON sponsor tecnico del 10° Trofeo Città di Milano

AKRON, per il secondo anno consecutivo, sarà sponsor tecnico del 10° Trofeo Città di Milano, in programma nella piscina Mecenate i prossimi 28/29 febbraio e 1 marzo. Decima edizione che coincide anche con il cinquantesimo anno di attività della Nuotatori Milanesi,...
Read More

Trazione rosa per il Meeting del Titano di San Marino

Ai piedi di San Marino si è svolto il 15 e 16 febbraio il 18° Meeting del Titano, evento utile alla qualificazione alle prossime Olimpiadi, che ha visto scendere in acqua una selezione di quindici azzurri: sei femmine e nove maschi. Poche sorprese però nella vasca di...
Read More

Doha Qatar, World Series #1: vittoria per Beck e Olivier. Paltrinieri e Bridi a ridosso del podio

Sono la tedesca Leonie Beck e il francese Marc-Antoine Olivier i vincitori della prima 10 km della FINA Marathon Swim World Series 2020 che si è tenuta sabato 15 febbraio a Doha in Qatar. Per l'Italia i migliori piazzamenti sono stati il quarto posto di Arianna Bridi...
Read More

La FINA Marathon Swim Series 2020 riparte da Doha

Si riapre con l'ormai tradizionale tappa di Doha, in Qatar, la stagione della FINA / CNSG Marathon Swim World Series 2020 che per quest'anno prevede 10 appuntamenti, uno più rispetto al 2019, con l'aggiunta in coda di calendario della tappa di Hong Kong. Nella scorsa...
Read More

SwimStats Tokyo2020 Special | i 100 Farfalla

Quarto appuntamento per l'edizione speciale della nostra rubrica statistica che ci accompagnerà fino ai prossimi Giochi Olimpici. Con i 100 farfalla completiamo il poker dei cento metri, una specialità che soprattutto al maschile può vantare Campioni Olimpici che...
Read More

Bled 2020, Italia protagonista ai Mondiali di nuoto in acque gelide

La squadra azzurra di nuoto in acque gelide, coordinata da IISA Italy, ha partecipato ai Campionati del Mondo organizzati da IWSA - International Winter Swimming Association - in quel di Bled (Slovenia) dal 3 al 9 febbraio 2020. Il Lago di Bled è stato giustamente...
Read More

Golden Tour Camille Muffat #1 | Kathleen Baker brilla a Nizza, bene Carini

Golden Tour Camille Muffat  - Meeting Internazionale di Nizza Torna l’appuntamento clou del nuoto francese dedicato alla campionessa Olimpica di Londra 2012 deceduta in un incidente aereo nel 2015. A Nizza non solo i francesi hanno testato la loro forma in vista dei...
Read More

SwimStats Tokyo2020 Special | i 100 Rana

Ed eccoci al terzo appuntamento dell'edizione speciale della nostra rubrica statistica che ci accompagnerà fino ai prossimi Giochi Olimpici. Abbiamo inaugurato Tokyo 2020 Special con la gara regina - i 100 stile libero - abbiamo proseguito con 100 dorso, passiamo...
Read More

Training Lab, il ruolo della Coordinazione nello Stile Libero

Il gesto tecnico dello stile libero, nella fattispecie del crawl, è stato da un punto di vista storico il primo fenomeno natatorio a essere stato preso in considerazione come oggetto di studio. Forse proprio perché si tratta della forma di locomozione acquatica più...
Read More

Chi deve iniziare a preoccuparsi è van der Burgh. Già lo scorso anno aveva provato sulla sua pelle il ciclone Peaty e l’inglese visto a Londra sembra volersi ripetere. Cameron non è certo in condizioni ideali e prende paga da Felipe da Silva, sia nei 50 che nei 100, nuotati da entrambi appena sopra il minuto.

Se si parla di rana, Rikke Møller Pedersen trova la doppietta 100/200 senza strafare, ma mettendo a cuccia le varie Watanabe e Kierra Smith. Un po’ come fatto da Jaz Carlin nei 400 e negli 800 stile, vinti in 4’04”67 e 8’25”23 rispettivamente meglio e poco più di quanto fatto agli Europei. Anche Govorov è in forma mondiale, stampa il primato della manifestazione nei 50 farfalla nuotando in solitaria sotto il 23” e vola anche nei 50 stile, migliorando il suo crono londinese con 21”73.

Ma arriviamo ai big: Katinka Hosszú sveste i panni da giocatrice d’azzardo per indossare quelli da Wonder Woman. Quattro successi e due secondi posti, con il 2’06”68 nei 200 dorso che è il terzo crono mondiale annuale oltre a essere molto vicino al suo personale. Ma anche nei 200 misti non scherza, vincendo in 2’08” alto con record del Mare Nostrum e un saluto alla concorrenza. Nei 200 stile la Bonnet la batte ancora, ma sente il fiato sul collo della magiara che le rimane dietro per un solo centesimo, stabilmente sotto al muro dell’ 1’57”.

Al maschile Yannick Agnel si toglie la soddisfazione di vincere in 1’47”28 mentre il Superman lo fa Hagino: usa la superforza per dominare 200 e 400 misti, poi si mette in gioco anche nei 200 dorso vinti con lo stesso tempo circa impiegato per arrendersi nei 200 farfalla a Chad Le Clos.
Il sudafricano è l’ultima stella a brillare: replica quanto fatto a Monaco, di poco più veloce nei 100 (51”56) di poco più lento nei 200 (1’54”82).

Sabato e domenica si vola a Barcellona. Adiós!

(foto copertina: Giorgio Scala | Deepbluemedia)

LINK e VIDEO

REPORT prima tappa Mare Nostrum di Monaco

VIDEO dei 50 rana uomini

VIDEO dei 100 rana uomini

VIDEO dei 100 farfalla uomini

About The Author

Alessandro Foglio

Istruttore e nuotatore, segue il mondo del nuoto assoluto e tutti i suoi appuntamenti!

Ultimi Tweet

?>