È una notte d’oro per l’Italia, grazie alle imprese di Basile e Garozzo in judo e scherma, ma per noi “piscinofili” la medaglia che brilla di più è quella della coppia di ferro CagnottoDallapè, seconde sole alle marziane cinesi nel sincro 3 metri.

E rimarrà l’unica di questa serata di acqua clorata, perché tra le corsie sono più delusioni che gioie. L’unica nota positiva della seconda giornata in vasca è l’arrivo a Rio di Gregorio Paltrinieri, (e il Moro è contento, come ci racconta nello speciale Rio “Ultima Bracciata”) e se le cose già non brillavano di suo ci si mette anche la FINA o chi per lei a farci gli scherzi: Arianna Castiglioni non è più in semi dei 100 rana, riammettendo la Watanabe, squalificata in “mattinata”.

Niente Italia questa notte ma c’è da divertirsi comunque: non sono lo Sciamano di bierre – non perdetevi le sue Spigolature Olimpiche – e non sbaglio pronostico. I 100 farfalla donne sono dominio di Sarah Sjöström che azzecca tutto, tempo e vittoria. WR, 55”48, oro olimpico e freddezza di ghiaccio sciolta come neve al sole! A distanza chilometrica c’è l’argento della Oleksiak, anche lei straordinariamente al WRJ, 56”46, che fa il paio con quello che già detiene nei 100 stile. E la Vollmer?? Bronzo di cuore per l’oro di Londra!

“Finalmente alla terza olimpiade ho potuto prendere questo oro, sono molto felice” racconta la svedesina dalla Caporale, che non riesce a farla piangere, si è già commossa prima!

Aspettando la prossima finale, mi accorgo che il medagliere USA dice ancora zero alla chiave ori in acqua. Difficilmente arriverà dai 200 stile uomini, dove nella semi uno Conor Dwyer mette la mano davanti in 1’45”55 e sembra averne ancora poco. Dietro Biedermann non è mai pago, così come Guy che guarda la seconda serie e ringrazia gli dei britannici perché vola in finale per un solo centesimo. Padrone di casa è Sun Yang, che lascia sfogare uno spavaldo Le Clos (23”91 ai 50) e si candida a re della distanza, unico sotto l’1’45”. Che si sia buttato sulla velocità? Lo speriamo tutti!

Arrivano le raniste e fioccano i fischi per Yuliya Efimova all’ingresso in vasca. Di fianco “big” Meilutytė che non può prenderla a pugni e allora ci prova in acqua: passa forte e davanti, ma si spegne gli ultimi 25 e si fa passare dalla rivale, ancora fischiata all’arrivo. È odiata ma è davanti (1’05”72) mentre impreco con la Watanabe che nuota 1’07” e 4 e poteva lasciar spazio alla Castiglioni. La seconda semi dei 100 rana vede la speranza degli States Lilly King vincere e volare in finale a braccetto della russa, che rimane la favorita di domani.

Il faccione di Rūta arriva in zona mista e pungolata da Elisabetta Caporale dice “preferisco gareggiare con quelle pulite” ed è stata fin troppo diplomatica.

Campionati di Francia, da Chartres la selezione olimpica per Tokyo

Vive la France! No, non sono diventato un simpatizzante degli odiati cugini d’oltralpe ma quando scendono in vasca sono comunque sempre oggetto di attenzione. Certo, lo squadrone che ha dominato l’Europa e il mondo intero nella seconda metà dei primi anni 2000 è un...

#MiFidoDiTe 2021, a Monate la seconda tappa della Maratona di nuoto

Il progetto #MiFidoDiTe, legato al circuito di gare in acque libere organizzato su scala nazionale da Italian Open Water Tour che ha sposato il progetto, nasce dall’incontro di Alessandro Mennella, ragazzo genovese affetto dalla Sindrome di Usher (una malattia rara...

Trials Olimpici, il Teams USA da Omaha per Tokyo

Al termine di una settimana intensa, spettacolare ed emozionante, Team USA è finalmente pronto: 25 uomini e 28 donne per contrastare Australia e resto del mondo ai Giochi Olimpici. Sarà la prima squadra dal 2000 senza Phelps, la prima dal 2004 senza Lochte, con...

Alla Campania il Trofeo delle Regioni di fondo 2021

La Campania si aggiudica il Trofeo delle Regioni 2021 di fondo che si è disputato il 19 e 20 giugno a Piombino nel medesimo campo gara che pochi giorni prima ha visto disputare i Campionati Italiani Assoluti. Prima giornata dedicata alla prova individuale dei 5 km,...

ItalNuoto e Olimpiadi | Pechino 2008: Pellegrini e il primo oro olimpico al femminile

L’Olimpiade di Pechino 2008 è un evento, per molti versi, strano. Organizzata in un Paese così lontano da noi, per distanza geografica e culturale, è stata per una generazione intera l’occasione per conoscere la Cina, che si è svelata al mondo con una maestosa...

Trials Australia, ad Adelaide i pass olimpici per Tokyo

Olympic’s Trials time!  Adelaide e Omaha, così distanti ma mai così vicine in questi giorni di qualificazioni olimpiche. Concentriamoci oggi sui Trials Aussie, che si preannunciavano spettacolari e così sono stati (per quelli USA non perdetevi il recap di Luca, ma un...

Assoluti Open 2021, spettacolo open water a Piombino

Si è appena concluso, con la maratona dei 25 km, il Campionato Italiano Assoluto Open di Nuoto in Acque Libere, evento seguito LIVE da Corsia4. Sulle nostre pagine Facebook e Instagram potete trovare tutti i video delle fasi salienti delle gare e le foto dell'evento....

Fatti di nuoto weekly: Professionismo, pro e contro

Bentornati su Fatti di Nuoto weekly, la rubrica del mercoledì che arriva anche in piena lotta Trials USA / Australia, più puntuale di un World Record di Kaylee McKeown. Rispondete a questa domanda: guardando le gare di Adelaide e Omaha, definireste i nuotatori...

Luca Dotto Swim Academy, la tecnica del nuoto e tanta passione

Quante volte ci è capitato di dare un’occhiata ad un’iniziativa, magari ben presentata ed organizzata, ed avere la sensazione che si tratti di un’operazione puramente commerciale? Chiariamoci subito: non c’è nulla di male nel voler ricavare un profitto da un...

Swimtheisland buona la prima a San Teodoro

Trecento nuotatori in rappresentanza di 9 nazioni nel weekend sardo dedicato al nuoto in acque libere Un arenile con dune di sabbia finissima, acque cristalline con sfumature tra il verde e l’azzurro e uno scenario dominato dall’imponente Tavolara. La meravigliosa...

Si torna a respirare aria di finale, sempre con i 100 rana ma al maschile dopo la sfilata di “pertiche” sul podio dei 100 farfalla donne. Il maghetto Adam Peaty diventa uomo, entra con la sicurezza e spavalderia alla James Bond e non sbaglia nulla: stacco rapido e potente, sott’acqua limita i danni e spazza via tutti volando in 57’’13, ancora WR!!! Qualcosa di enorme, di unico, ciao ciao a tutti con van der Burgh che si accontenta dell’argento ad un abisso (58’’69). Troppo forte, avviso a tutti, ripresentatevi tra quattro anni!

“È una gara assolutamente perfetta per me, questo prova a chi guarda da casa che se ti metti a lavorare duramente puoi ottenere questo”. Belle parole Adam, da domani ci proveremo tutti!

Terza finale e terzo record mondiale! Mancava all’appello Katie Ledecky che vuole prendersi le prime pagine dei giornali! Nella finale dei 400 stile donne la Wonder Woman USA fa gara a sé fin dai 100: passa 57’’ e rotti e mantiene il passo dei 30’’ a vasca, galleggiando abbondantemente sopra la linea gialla del suo WR. La gara vera e propria è quella per l’argento, perché Katie stampa un mostruoso 3’56’’46 che le vale l’ennesimo primato, lasciando Carlin e la connazionale Smith a circa 5 secondi. Ah … arriva il primo oro USA!!!

Centrifuga di dorso in attesa della veloce maschile. Prima le semi dei 100 maschili, con Murphy che legge il bando nella prima serie dominata in 52’’49 mentre Plummer e Larkin rispondono nella seconda. Lacourt è bello da vedere anche in acqua e resta lì con loro, tutti in due decimi. Domani il campione del mondo dovrà tornare a brillare, altrimenti l’oro resterà a stelle e strisce.
Tocca alle semifinaliste dei 100 donne, e come per Larkin la Seebohm non pare quella del 2015: la bella connazionale Wilson e la danese Mie Nielsen le restano davanti nella prima semi appena sopra i 59’’, muro infranto da Baker, Hosszú e Fu. Sono otto in 50 centesimi, livello altissimo e pronostico arduo.

Siamo a notte fonda ed è tutto pronto per la 4×100 stile maschile. Come detto da Santucci “la guardiamo dalla tribuna”, ma è pur sempre uno spettacolo. Ancora fischi quando entra il quartetto russo, non di paura perché in acqua chi viaggia sono altri. Dressel spara tutto ai 50 (22’’77) e si fa recuperare nella seconda vasca, ma lancia un “bollato” Michael Phelps che piazza una subacquea da paura lanciando con 47’’12 il giovane Held. Prova a rientrare la Francia con Manaudou (e ci riesce con 47’’14) ma l’oro olimpico Adrian non da speranze ai campioni uscenti riportando gli USA sul gradino più alto del podio con un velocissimo 46’’97. Delude l’Australia, terza, riportata su dal 47’’ di McEvoy!

Si chiude così una bella serata di finali, con tre record del mondo e la medaglia d’oro numero 19 di Re Michael Phelps! E siamo solo all’inizio!

L’allenatore nel Pallone – Ninna nanna brasiliana

Share and Enjoy !

0Shares
0