Partiamo dal fatto: Leon Marchand, giovane francese promessa del nuoto mondiale che attualmente gareggia negli States, è stato squalificato nei 400 misti poco dopo aver stabilito la miglior prestazione mondiale, 4:10,38, alle TYR Pro Swim Series di San Antonio.

Motivazione della squalifica: virata irregolare rana-stile.

Marchand, dopo essersi spinto dal muretto, ha percorso la prima parte dell’apnea a pancia in su, battendo le gambe a delfino sul dorso, per poi girarsi a pancia in giù e riemergere a stile libero.

Una tecnica resa famosa da uno dei più grandi della storia, Ryan Lochte, citato a esempio dallo stesso Marchand nell’intervista post gara. Dopo diverse proteste, la squalifica è stata revocata, Marchand è stato reintegrato in gara ed il suo tempo resta in testa alla graduatoria 2022, proponendolo tra i favoriti per il titolo mondiale di questa estate.

La squalifica / non-squalifica di Marchand riapre però il dibattito su una pagina dubbia del regolamento del nuoto, intorno alla quale già altre volte si è sollevato il dibattito degli esperti ed addetti ai lavori.

​Come fa giustamente notare Craig Lord su Stateofswimming, la regola in questione è entrata in vigore proprio dopo che Ryan Lochte iniziò a rendere l’apnea sul dorso nella frazione a stile un’abitudine; il passaggio del regolamento recita così:

(9.2) Nello stile libero il nuotatore deve essere sempre sul petto tranne che durante l’esecuzione di una virata. Il nuotatore deve tornare a pancia sotto prima di qualsiasi calcio o colpo.

La regola 9.2 è valida però solo per la frazione a stile libero all’interno dei misti, perché per lo stile libero la regola è la seguente:

(5.3) Una parte del nuotatore deve rompere la superficie dell’acqua durante la gara, ma è consentito che il nuotatore sia completamente immerso per una distanza non superiore a 15 metri dopo la partenza e dopo ogni virata. A quel punto, la testa deve aver rotto la superficie.

Non c’è nessuna menzione sulla possibilità di girarsi o meno sulla schiena. Ma allora, perché la regola vale per lo stile libero e non per i misti? La spiegazione è nella regola 5.1 dello stile libero:

(5.1) Stile libero significa che in una gara così designata il nuotatore può nuotare in qualsiasi stile, eccetto che negli eventi individuali misti, dove stile libero significa qualsiasi stile diverso da dorso, rana o farfalla.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...
A questo punto, ciò che molti contestano è la mancanza di una vera regolamentazione univoca per lo stile libero, che rimane da norma “qualsiasi stile possibile, basta che lo si faccia dall’inizio alla fine”.

La realtà è che, arrivati al 2022, forse sarebbe più corretto e coraggioso dare a quello che tutti chiamano freestyle – e che tecnicamente è crawl o al massimo front crawl – una sua dignità, codificarlo in modo da non rendere più grigio il regolamento ed evitare che ci possano essere situazioni scomode da valutare, proprio come quella di Marchand.

Esiste un solo atleta al mondo che nuota le gare a stile libero in una tecnica che non sia il crawl? No.

Esiste un solo atleta che nella quarta frazione dei misti decide di non fare il crawl per fare, ad esempio, trudgen? No.

Quando insegniamo lo “stile libero”, facciamo presente ai nostri allievi che tecnicamente stiamo insegnando il crawl, tecnica che poi utilizzeranno nelle gare a stile libero? Se lo facciamo, è comunque un pò confusionale, mi sembra.

Allora forse potrebbe essere arrivato il momento di chiamare le cose con il loro nome proprio a partire dai regolamenti, che semplificherebbero il lavoro degli istruttori, degli allenatori e dei giudici stessi.

Per non parlare di quello dei nuotatori.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4