Seconda giornata di finali da Berlino, sede della tappa numero due della Swimming World Cup 2016.

Come accaduto pochi giorni prima a Parigi, nessun record nella seconda sessione di finali, ma in questo caso qualcuno c’è andato parecchio vicino.

Due decimi: sono questi che separano Alia Atkinson e Chad Le Clos. No, non sono protagonisti di un insolita e improbabile sfida, ma è quanto “lontano” si sono fermati dal segnare due nuovi primati mondiali.

Atkinson che si riprende lo scettro della rana e dopo averlo ceduto ieri nei 100, oggi non lascia spazio alle rivali vincendo i 50 in 29”00, a due decimi esatti dal mondiale della Hardy. In scia c’è Yuliya Efimova, che chiude seconda in 29”08, stessa piazza ottenuta nei 200 rana, vinti per pochi decimi ancora da Rie Kaneto.

Distacco simile per Le Clos: il sudafricano vince i 100 farfalla nuotando un secondo cinquanta da favola in 25”75 e fermando il cronometro sul 48”66, molto vicino al suo primato di 48”44, per poi ripresentarsi sul blocchetto per la finale dei 50 stile, chiusi in 21”12 alle spalle dell’imprendibile Morozov (20”79).
Il russo si era già fatto vedere nella finale dei 100 rana, vinta da van der Burgh con un buon 56”56 mentre la giornata si era aperta con i successi della Ottesen nei 100 stile (51”87) e quello di James Guy nei 200 stile: per il britannico, uno dei pochi delusi della spedizione olimpica, passaggio sotto i 50” molto vicino al mondiale di Biedermann, ma ritorno non all’altezza di quel crono con una chiusura in 1’42”22.

Swimtheisland, la decima edizione nelle acque dell’Isola di Bergeggi

Dieci anni di nuoto in acque libere, caratterizzati dal perfetto sodalizio tra passione sportiva, tutela dell’ambiente marino e valorizzazione di un territorio unico nel suo genere. Una storia che sabato 3 e domenica 4 ottobre sarà nuovamente celebrata nel Golfo...
Leggi

Grand Prix Sicilia Open Water 2020: un movimento in crescita!

La quinta edizione del Grand Prix Sicilia Open Water è giunta al termine! Una frase di per sé normale se non fosse che pronunciata nel 2020 assume un significato del tutto eccezionale. È passata poco più di una settimana dallo svolgimento della finale del Circuito...
Leggi

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...
Leggi

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...
Leggi

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...
Leggi

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...
Leggi

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...
Leggi

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...
Leggi

Arianna Bridi trionfa alla Capri-Napoli e Sabrina Peron conquista la Manica

Il 6 settembre 2020 le acque libere parlano al femminile con due imprese straordinarie: Arianna Bridi è la prima donna a vincere la classifica assoluta della Maratona del Golfo Capri-Napoli regolando tutti i partenti, partenti uomini compresi, e stabilendo anche il...
Leggi

Swim Stats | La storia dei 1500 stile libero: Gregorio Paltrinieri

“Scendere sotto i 14’40”: questo ti rende un grande dei 1500 stile libero” Lo ha detto l’australiano Grant Hackett in un’intervista al Sydney Herald, qualche anno dopo essere stato il primo, ai Mondiali di Fukuoka 2001, ad infrangere il muro che fa da spartiacque tra...
Leggi

Giornata quasi perfetta per Katinka Hosszú.

Se nelle finali di ieri era sembrata un po’ in affanno, oggi non sbaglia un colpo: dopo il terzo posto dei 100 stile vince 100 dorso (55”60), 400 stile ( 4’02”11) 100 misti, non così lontana dal suo mondiale con 57”12 e per finire 400 misti (4’25”69)!

Chi prova a emulare l’Iron Lady è Michael Andrew. La promessa del nuoto a stelle e strisce è ancora lontano dai successi della magiara, ma quantomeno dimostra la sua poliedricità infilandosi in numerose finali: sesto nei 100 rana, quarto nei 200 misti e ottavo nei 50 stile, senza contare le gare del giorno prima.

Larkin prende fiato nei 200 dorso, nuotati meglio rispetto a Parigi sotto il muro dell’ 1’50”, mentre la gara veloce del dorso la vince il bielorusso Sankovič.
In chiusura, bis della Russia nella 4x50 mistaffetta stile con Prigoda, Morozov, Ustinova e Efimova che hanno la meglio sul quartetto USA.

 

La Coppa del Mondo non si ferma, e nel week end sarà in scena con la sua terza tappa… arrivederci a Mosca!!!

(Foto: Katinka Hosszú profilo Facebook)

LINK UTILI - CLICCA APRIRE

Tutti i risultati: CLICCA QUI

Report day 1 Berlino: CLICCA QUI

Report day 1 Parigi: CLICCA QUI

Report day 2 Parigi: CLICCA QUI

(foto copertina: FINA.org)