È venerdì, non mi rompete i c….oni!!

Lo dice il Liga, e la coppia PellegriniPaltrinieri in questa penultima giornata di Campionati Assoluti lo prendono decisamente in parola. Nessuno li infastidisce, Fede per strapotere ormai acclamato, Greg anche grazie al forfait del gemello Detti.

In realtà una Alice Mizzau mai doma rende interessante per la prima volta da tanti anni la finalissima dei 200 stile donne. La friulana rimane nella scia della Divina per 150 metri, approfittando del traino della Pellegrini nel tentativo di strappare il pass per Budapest. Non ci riesce perché le braccia le si incatramano nell’ultima vasca, mentre quelle di Federica sono leggiadre e la portano per l’ennesima volta sul tetto d’Italia, ma anche del mondo con il miglior crono mondiale stagionale di 1’55’’94. E pare sia anche mezza influenzata, chapeau.

Mizzy sfiora il pass in 1’57’’alto, ma si assicura un posto in staffetta, la Pirozzi conferma il buon momento ma scende di poco sotto l’1’59’’ e il mondiale per lei non è ancora cosa fatta. Vola all’Eurojunior, ma già lo sapeva, la 2001 Sara Gailli migliore delle sue coetanee e unica nella finale B vinta da Erica Musso lontana anni luce da quella dell’argento iridato di Kazan.

Tocca nuovamente al Turro. Federico Turrini regala un gara bella e divertente per quanto “povera” a livello cronometrico. Non riesce a strappare il pass nella mezza distanza come non ci era riuscito lo scorso anno, ma oggi rischia grosso e coglie l’ennesimo ex aequo dopo quello della 4x200 grazie al rimontone finale su un sorprendente Claudio Fossi. 2’00’’43 e nessuno ai Mondiali, Glessi si rialza con il quarto posto, bello lo junior Alberto Razzetti che nella B strappa il limite per l’Eurojunior con 2’02’’43.

Altra gara senza pass e troppe emozioni sono i 50 dorso donne. Manca una dominatrice, ci pensa Silvia Scalia a mettere ordine con un tocco nel finale che le consegna il titolo italiano per tre centesimi sulla Barbieri e cinque sulla Quaglieri che non fa il bis. Tra le giovani la Cocconcelli (2002) è quinta e trova il pass per Netanya sfiorando anche il crono per i Mondiali Junior.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...
Read More

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...
Read More

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...
Read More

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...
Read More

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...
Read More

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...
Read More

Continua la giornata avara di limiti iridati, dopo la pioggia dei giorni passati. La velocità pura non è il punto forte dell’Italia in questo momento, nemmeno con Luca Dotto che vince in 22’’00 a nove centesimi dal tempo. Sistema però i baldi giovani Vergani, Izzo e Miressi e lo spavaldo Bocchia che dura venti metri. “Non sono ancora al top” dice Luca, ma lo sapevamo!

Nella B Leonardo Deplano è il migliore degli Junior e così strappa il biglietto per Netanya.

Leitmotiv che si spezza con i 50 rana donne: la coppia CastiglioniCarraro continua a dominare la rana femminile e si stimola a vicenda. La ligure parte meglio ma è la bustocca a venir fuori alla “distanza” stampando il nuovo RI in 30’’72, due centesimi meglio del precedente. Martina Carraro peggiora dal mattino e per un centesimo segna il limite per Budapest (30’’98).

Gregorio Paltrinieri si ritrova senza avversari a gareggiare da solo, un po’ come successo a Kazan con le dovute, anzi dovutissime proporzioni. Derubato delle luci della ribalta da Detti, Greg passa a bomba e cerca il tempo oltre che la scontata vittoria. Martella 58’’5 ogni cento e passa un secondo meno del crono nuotato ieri negli 800. Sembra quello di Rio, sembra il miglior Greg, cede un attimo ai 1000 ma chiude in 14’37’’08, terzo crono personale mai nuotato dopo Londra e Rio. Come Pellegrini e Dotto pare non sia al top!

Il carattere lo dimostra in zona mista, dove tira fuori il “drago” che c’è in lui: “ero incazzato”. Alla faccia. Si prende anche la miglior prestazione mondiale dell’anno strappandola a chi…già l’amico Detti.

Le 4x100 mista chiudono la giornata e il discorso staffette: l’Aniene della Pellegrini vince in rimonta dopo che a metà gara Scalia e Scarcella cedevano il passo a Barbieri e Castiglioni ( Fiamme Gialle ) ma la Di Liddo recupera il solco sulla Polieri e la Divina chiude per il 4’02’’42 definitivo.

L’Esercito fa il vuoto dopo la prima frazione non brillantissima di Simone Sabbioni: merito di uno Scozzoli ispirato e libero della pressione di Martinenghi ( 59’’34 ), di un Codia sempre solido e un brillante Izzo che lancia al record italiano di società in 3’34’’07 un quartetto con due dei probabili quattro che vedremo nella staffetta di Budapest. Per la cronaca Magnini è il più veloce dello stile in 48’’12.

Due primati italiani, quattro pass per i Mondiali e due best time del 2017: mica male per essere venerdì! Ma non è finita qua!