Giorno uno subito ricco di protagonisti, con tanti giovani ma anche parecchie stelle già discretamente affermate. Una di queste è senza dubbio l’ucraino Mykhailo Romanchuk, che dopo l’argento mondiale e il testa a testa con Paltrinieri va a prendersi gloria in solitaria con la cavalcata vincente dei 400 stile, vinti in 3’45’’96, nuovo record delle Universiadi.

Per i colori azzurri restano fuori dalla finale sia Filippo Megli undicesimo che Fabio Lombini tredicesimo, ma una stretta al cuore mi arriva quando leggo il nome di Andrea Mitchell D’Arrigo chiudere in ultima posizione la finale (nuotando quasi dieci secondi in più della qualifica dove aveva chiuso quarto in 3’49’’84!), non tanto per la prestazione ma per la bandierina USA a fianco del suo nome!

Faccio un salto in avanti per andare a vedere invece quanto di bello c’è stato per l’Italia. I sogni di medaglia di questa prima giornata erano affidati ai velocisti della 4×100 stile maschile e i ragazzoni della next generation non hanno steccato. Solo gli Stati Uniti sono più forti di Lorenzo Zazzeri, Ivano Vendrame, Alex Di Giorgio e Alessandro Miressi che strappano l’argento in 3’15’’24.

Tornando indietro troviamo la buona finale conquistata da Elena Di Liddo nei 50 farfalla. La pugliese, vista in ottima forma all’Energy for Swim, trova un piazzamento tra le migliori otto con 26’’74, mentre l’altra azzurra in semi, Aglaia Pezzato, rinuncia a scendere in acqua in vista della finale della 4×100 stile.

Altra semi è quella dei 100 dorso uomini, priva di azzurri in acqua, tutti eliminati in mattinata con Matteo Milli 17° e Matteo Restivo 22° entrambi appena sotto al 56’’. Il primo tempo d’accesso lo ottiene l’americano Justin Ress con 53’’34 mentre tra i big spicca la qualifica di Kosuke Hagino, quinto al momento con 54’’57.

Tocca alla finale dei 400 misti donne, dove Carlotta Toni lotta ma chiude in ottava posizione con 4’47’’35 dopo il buon 4’43’’91 della mattina. Stravince la giapponese Yui Ohashi con il nuovo record Universitario di 4’34’’40.

Si torna alle semifinali con i ragazzi dei 100 rana. Un campione olimpico al via, è il kazako Dmitriy Balandin che si prende il primo posto parziale in 1’00’’27 di due decimi più veloce dell’australiano Wilson. Poca Italia, con Andrea Toniato ultimo e fuori in 1’01’’92, mentre Federico Poggio è rimasto il primo degli esclusi dopo le batterie con 1’01’’83.

EuroMeet 2023 | Doppietta Poggio in Lussemburgo, Ceccon duecentista top

È tornato il grande nuoto in Europa, è tornato infatti l’Euro Meet! Dopo due anni di assenza causa Covid-19, si è rivisto in Lussemburgo un classico dei meeting di inizio anno.

Tanti i big annunciati già da tempo tra cui Le Clos, Romanchuck, e le stelle della Nazionale azzurra. A dare forfait dell’ultim’ora Sarah Sjöström, bloccata da un infortunio alla schiena, ma la qualità della tre giorni di nuoto non ne ha risentito!

EuroCeccon!

Basta un colpo a Thomas Ceccon per prendersi la prima pagina all’Euro Meet. Dopo essersi “scaldato” con un sorprendente 200 farfalla nuotato in 2’02’’ e spicci, è nei 200 stile che sale in cattedra. Con una gestione perfetta timbra il suo nuovo personal best, tirando giù più di due secondi dal vecchio 1’48’’95.

Con 1’46’’52 nuota il terzo crono mondiale stagionale, dietro momentaneamente ad Hwang Sunwoo e Katsuhiro Matsumoto. In Italia sale all’ottavo posto nel ranking azzurro all-time davanti a Massimiliano Rosolino.

Qui il VIDEO della gara.

Azzurri sul pezzo

Non solo Ceccon in evidenza. Bene per esempio Federico Poggio, che quando vede la lunga torna a essere il martello di sempre. Doppietta nei 50 e 100 rana, con crono decisamente di buon auspicio per il resto della stagione. Nei 50 nuota 27’’30, terzo crono mondiale stagionale davanti a Simone Cerasuolo (27’’48) mentre nei 100 chiude in 1’00’’34, quarto in stagione al mondo. La strada è tracciata!

Rana che sorride a metà anche a Martina Carraro. La ligure vince sì i 200 in 2’26’’67 ma si vede soffiare via il primato della manifestazione dei 50 da Sophie Hansson, che vince in 30’’69, un centesimo meglio di quanto nuotato da Martina nei 2019. Carraro che qui è seconda in 31’’27, come lo è anche nei 100, chiusi in un buon 1’07’’47 alle spalle nuovamente della Hansson che con 1’06’’95 si prende il record della manifestazione (prima Meilutyte 1’07’’26 del 2013) e terza piazza mondiale stagionale.

Sorride anche Silvia Di Pietro, impegnatissima in questa tre giorni. La romana vince i 50 stile in 25’’18 davanti alla giovane Sara Curtis (25’’33) e infila poi il secondo posto nei 50 farfalla e il terzo nei 100 stile.

Occhio poi alle prove di Giulia D’Innocenzo, che si scontra proprio con la Di Pietro nei 50 farfalla dove è terza in 26’’77, mentre nei 100 chiude seconda in 59’’05 così come nei 100 stile con 55’’29.

Infine Lorenzo Deplano si arrende solo a Proud e Le Clos, chiudendo secondo nei 50 stile in 22’’13 e nei 100 con 49’’18.

 

Sorelle Hansson su tutte, Big presenti!

Dominio in famiglia per Louise e Sophie Hansson. Detto della ranista, che piazza due ori e un argento, la sorella più grande vince tutto: 100 dorso in 1’00’’48, 50 farfalla in 26’’08, 100 farfalla in 57’’25 (primo tempo mondiale stagionale) e 100 stile con 55’’13.

Rispondono presente gli altri big in gara: Mykhailo Romanchuk la spunta nei 1500, vinti in 14’59’’28 davanti a Daniel Wiffen che si impone poi ne 400 in 3’50’’24 e negli 800, chiusi in 7’53’’14 con il quarto crono mondiale stagionale.

Bene anche Chad Le Clos, che firma la doppietta 100 farfalla e 100 stile, vinti in 52’’06 e 49’’12 e Ben Proud, che domina le medesime gare ma nella mezza distanza grazie ai crono di 23’’50 e 22’’01.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

1° Trofeo Time Limit, il grande nuoto a Caserta

Lo Stadio del Nuoto di Caserta ospiterà il 18 e 19 febbraio 2023, il I Trofeo Time Limit.

La manifestazione di nuoto a carattere nazionale organizzata dalla società Time Limit presieduta da Andrea Sabino, con il patrocinio della Federazione Italiana Nuoto e del Comitato Regionale Campano si terrà in vasca da 50 e sarà valida come qualificazione per gli Assoluti (13/17 aprile 2023, Riccione).

Impianto e Programma Gare

Come anticipato le gare si disputeranno nella piscina olimpionica – 8 corsie – dello Stadio del nuoto di Caserta in via Vincenzo Gallicola 52, con cronometraggio automatico e doppie piastre. Sarà possibile utilizzare la vasca da 25 metri per le fasi di riscaldamento e di defaticamento durtante tutto il periodo della manifestazione.

Le gare si disputeranno per serie omogenee in base ai tempi di iscrizione con la divizione in tre categorie: Esordienti B, Esordienti A, ‘Ragazzi, Juniores, Cadetti, Seniores‘. Le classifiche verranno poi stilate per singola categoria.

Sabato 18 febbraio – pomeriggio
13.45 Riscaldamento
14:45 inizio gare
400 stile libero R/J/C/S
50 farfalla Es B, R/J/C/S
50 dorso Es B, R/J/C/S
200 stile libero Es A
50 rana Es B, R/J/C/S
50 stile libero Es B, R/J/C/S
400 misti R/J/C/S

Domenica 19 febbraio – mattina
8.00 Riscaldamento
9.00 inizio gare
100 farfalla Es A, R/J/C/S
200 dorso R/J/C/S
100 rana Es A, R/J/C/S
100 stile libero Es B
200 stile libero R/J/C/S
200 misti Es A

Domenica 19 febbraio – pomeriggio
13.30 Riscaldamento
14.30 inizio gare
200 farfalla R/J/C/S
100 dorso Es A, R/J/C/S
200 rana R/J/C/S
100 stile libero Es A, R/J/C/S
200 misti R/J/C/S

Premi e Classifica di Società

Saranno premiati con medaglia i primi tre classificati per ogni gara per le seguenti categorie: Esordienti B, Esordienti A, Ragazzi 2009, Ragazzi, ‘Juniores, Cadetti e Seniores’.

Verranno inoltre premiati le migliori prestazioni maschile e femminile in base al punteggio FINA, e le combinate 100/200 per ogni stile di gara e 200/400 misti.

Alla società Assoluta che totalizzerà il miglior punteggio sarà assegnato il trofeo I trofeo Time Limit.

Alla società Esordienti che totalizzerà il miglior punteggio sarà assegnato il trofeo I trofeo “giovani talenti“.

Foto: Alessandro Evangelista | Corsia4

SWIM.Mi.Cup Night Edition 2023, lista degli Ammessi e Riserve

L’appuntamento si avvicina: Swim.Mi.Cup Night Edition 2023 l’11 febbraio ci regalerà un’intensa serata nella splendida piscina di Aquamore Bocconi Sport Center a Milano.

Per tutti i velocisti e mezzofondisti si tratta di uno dei primi appuntamenti per gareggiare in vasca da 50 in questo 2023 e testare le sensazioni sui 50, 100, 200 di ogni disciplina e sui 400 stile libero.

Sono 500 gli atleti iscritti in rappresentanza di 60 società e 14 Regioni, alcuni fra i big del nuoto italiano sono pronti a testare la loro forma in questa splendida piscina: Nicolò Martinenghi, Simone Cerasuolo, Federico Poggio,  Marco Orsi, Gabriele Detti, Matteo e Michele Lamberti, Piero Codia, Francesca Fangio, Giulia Vetrano, Alessandro Bori, Federica Toma, Francesca Erika Gaetani.

Qui sotto è possibile scaricare la lista degli ammessi e le riserve.

L’organizzazione attende le comunicazioni di eventuali rinunce da parte delle Società entro il 29 gennaio per stilare la start list definitiva.

Prima parte

400 stile libero – 1 serie F/M
100 farfalla – 3 serie F/M
100 dorso – 3 serie F/M
100 rana – 3 serie F/M
100 stile libero – 4 serie F/M

Seconda parte

200 misti – 2 serie F/M
200 farfalla – 2 serie F/M
200 dorso – 2 serie F/M
200 rana – 2 serie F/M
200 stile libero – 3 serie F/M

Terza parte

50 farfalla – 4 serie F/M
50 dorso – 4 serie F/M
50 rana – 4 serie F/M
50 stile libero – 6 serie F/M

L’accesso al pubblico sarà consentito previo acquisto del biglietto tramite piattaforma online: nei prossimi giorni verranno date maggiori informazioni tramite i canali social e il sito internet della manifestazione Swim.Mi.Cup

A impreziosire l’evento, insieme ai campioni mondiali, nonchè padroni di casa Filippo Magnini e Simone Barlaam, ci sarà il famoso dj e Tiktoker Jr Stit, pronto a caricare tutti gli atleti e spettatori.

STAY TUNED!

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Corsia Master, Regionali Emilia Romagna 2023: 12 e 19 febbraio a Riccione

Tra i mille impegni dello Stadio del Nuoto di Riccione, spazio ai Campionati Regionali Master Emilia Romagna che si terranno in due giornate: domenica 12 e 19 febbraio 2023.

La manifestazione è riservata agli atleti tesserati FIN Settore Master e aperta anche agli U25, vediamo tutti i dettagli.

Impianto e programma gare

Le gare si disputeranno come anticipato a Riccione presso la piscina coperta delllo Stadio del Nuoto – via Monterosa, 60 – in vasca da 25 metri a 10 corsie.

La vasca di riscaldamento rimarrà a disposizione per tutta la durata della manifestazione.

Le batterie verranno formate, senza distinzione di sesso, dal più lento al più veloce comprese le gare degli 800 e 1500 e tutte sis volgeranno con un solo atleta per corsia. 

Solo le gare degli 800 e 1500 stile libero saranno a numero chiuso e non saranno ammessi atleti provenienti da società di altre regioni e gli U25.

Domenica 12 febbraio

ore 08.00: Riscaldamento
ore 8.45: 400 stile libero – 100 misti – 50 farfalla – 100 stile libero – 200 farfalla – Mistaffetta 4×50 stile libero

ore 13.30: Riscaldamento
ore 14.15: 200 stile libero – 100 farfalla – 50 stile libero – 800 stile libero – 4×50 stile libero M/F

Domenica 19 febbraio

ore 08.00: Riscaldamento
ore 8.45: 1500 stile libero – 200 dorso – 100 rana – 50 dorso – 200 misti – Mistaffetta 4×50 mista

ore 13.30: Riscaldamento
ore 14.15: 200 rana – 100 dorso – 400 misti – 50 rana – 4×50 mista M/F

Classifica di Società e Premi

La classifica per Società verrà stilata sommando il punteggio dei primi 8 atleti classificati per ogni gara femminile e maschile. Verranno premiate le prime 6 Società classificate.

Saranno premiati i primi tre classificati di ogni gara, categoria e sesso appartenenti a società dell’Emilia Romagna.

Campionati Regionali Master 2023 - Emilia Romagna

Chiusura iscrizioni 23.45 del 30 gennaio 2023.

Le iscrizioni dovranno essere effettuate tramite la procedura on-line utilizzando il portale nazionale FIN.

Dopo la scadenza delle iscrizioni non verranno accettate variazioni, ad eccezione della correzione di eventuali errori di segreteria.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Fatti di nuoto Weekly: Marchand, Galossi e il futuro da scrivere

I nuotatori sono tornati in acqua!

Fatti di nuoto weekly non potrebbe essere più felice di poter finalmente parlare di nuoto nuotato, anche se non mancano nemmeno gli argomenti di contorno, alcuni dei quali molto importanti.

Pronti per la vostra razione settimanale di news acquatiche? Via!

Leon F*****G Marchand

Tra i vari risultati del weekend di gare, quello più eclatante non arriva dall’Europadall’Est, ma dagli USA, dove sono in corso i round del circuito universitario, ovvero quei duelli dai quali la ISL ha preso ispirazione. Come noto, da quelle parti ci tengono parecchio a ben figurare davanti ai propri compagni di ateneo, e spesso l’impegno che i nuotatori ci mettono è paragonabile a quello profuso per un Campionato Mondiale.

E di mondiale se ne intende Leon Marchand che, impegnato con i Sun Devils di Arizona State, ha nuotato in due match entrambi nello scorso weekend. Prima, contro i Cardinal di Stanford, ha piazzato 51.15 nei 100 e 1.49.16 nei 200 rana, oltre a 1.38.89 nei 200 misti. Poi, nella sfida contro Cal, ha nuotato il nuovo record NCAA e US Open dei 400 misti, un pazzesco 3.31.84. Tutte prestazioni in yard che proiettano il francese allievo di Bob Bowman (che sarà a capo della delegazione USA ai mondiali di Fukuoka insieme a Carol Capitani) verso risultati altrettanto eclatanti anche in vasca lunga.

Assoluzione Barelli

Tornando dalle nostre parti, è notizia di pochi giorni fa l’archiviazione da parte della procura svizzera per il caso di Paolo Barelli, che viene così scagionato dalle accuse di Bartolo Consolo per gestione amministrativa irregolare della LEN. Ne esce quindi bene Barelli, che aveva a suo tempo rinunciato alla ricandidatura per la presidenza della LEN e che, poi, ha anche subito una squalifica da parte del Panel Etico della FINA.

A questo punto, con la caduta delle accuse, resta da capire se Barelli, che è stato eletto alla Camera dei Deputati, tornerà ufficialmente anche a capo della FIN, che al momento risulta guidata dal vicepresidente vicario Andrea Pieri.

Swim’n’Swing

Un progetto particolare e avanguardista, che mette in correlazione nuoto e musica, è partito dalla Sardegna e sta spopolando in tutto il mondo.

Si chiama Swim’n’swing ed è un’idea di Dario Masala, musicoterapeuta e insegnante di nuoto, che ha utilizzato il connubio tra le due arti per curare pazienti con disabilità motorie e intellettive ma anche per dare nuovi stimoli ad atleti che si allenano e vogliono migliorarsi. Ne parlano con entusiasmo anche Filippo Magnini e l’Università di Boston, per dire.

Anche Galossi cambia …

La notizia è di quelle che fa parlare: Lorenzo Galossi, giovane promessa del nuoto italiano già medagliato ali Europei di Roma, ha deciso di cambiare guida tecnica (restando sempre in casa Aniene) e di passare da Christian Minotti a Mirko Nozzolillo.

Dopo Arianna Castiglioni, che ha lasciato il gruppo di Andrea Sabino per accasarsi a Imola con l’amica e rivale Martina Carraro, un altro azzurro decide di modificare la rotta in corso d’opera e puntare su una nuova guida. Ora il tecnico di, tra gli altri, Silvia Di Pietro, si trova tra le mani il talento più promettente del nuoto azzurro e ha davanti il tempo di plasmarlo e rimetterlo in pista, con l’obiettivo di mantenere le (alte) aspettative che ci sono su di lui. Il futuro è qui.

See you later!

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Ceccon e Martinenghi all’EuroMeet, selezione azzurra a Livigno

Proseguono gli allenamenti per gli atleti di interesse nazionale un gruppo misto di azzurri – che hanno come sede i centri federali di Verona e Livorno – sarà in altura a Livigno Presso il Centro di Preparazione Olimpica.

Nel fine settimana ci sarà invece l’EuroMeet di Lussemburgo che torna dopo di due anni di stop, fra i big del nuoto presenti ci saranno i nuotatori azzuri Thomas Ceccon e Nicolò Martinenghi.

Vediamo i gruppi di lavoro selezionati per il collegiale.

Collegiale, Livigno dal 29 gennaio al 18 febbraio

Atleti: Filippo Bertoni (CC Aniene), Giacomo Carini (Fiamme Gialle/Can Vittorino da Feltre), Matteo Ciampi (Esercito/Livorno Aquatics), Ilaria Cusinato (Fiamme Oro/Team Veneto), Marco De Tullio (CC Aniene), Luca De Tullio (Fiamme Oro/CC Aniene), Sara Franceschi (Fiamme Gialle/Livorno Aquatics), Pierandrea Matteazzi (Esercito/In Sport), Luca Pizzini (Carabinieri/Benetegodi), Emanuele Potenza (Team Puglia) Simona Quadarella (CC Aniene), Alberto Razzetti (Fiamme Gialle/Genova My Sport), Silvia Scalia (Fiamme Gialle/CC Aniene), Simone Spediacci (In Sport).

Staff: tecnici Stefano Franceschi, Matteo Giunta, Christian Minotti, Massimiliano Di Mito. Il medico federale Lorenzo Marugo, il medico Tiziana Balducci, il preparatore atletico Alessandro Conforto, il fisioterapista Alessandro Pederiva e Riccardo Cipolat.

Convocati news Federnuoto

EuroMeet – Lussemburgo dal 27 al 29 gennaio 

Al D’Coque – Centre National Sportif et Culturel saranno presenti Thomas Ceccon (Fiamme Oro/Leosport) insieme al tecnico Alberto Burlina e Nicolò Martinenghi (CC Aniene) insieme al tecnico Marco Pedoja.

Il meeting sarà valido come evento di qualificazione per i prossimi Campionati del Mondo di Fukuoka (23/30 luglio 2023). Fra gli altri azzurri annunciati dall’organizzazione saranno presenti: Martina Carraro, Leonardo Deplano,  Silvia Di Pietro, Luca Dotto e fra i big stranieri Sarah Sjöström, Louise Hanssson, Marco Koch, Ben Proud, Lisa Mamie, Coleman Stewart e Paige Madden.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Notizie migliori arrivano dai 200 dorso donne, dove Margherita Panziera spalleggia con le migliori ed entra in finale con il terzo tempo. 2’10’’50 è un buon crono, ma per la medaglia servirà almeno quanto nuotato a Budapest (2’09’’43) perché la concorrenza è alta.

L’ultima semifinale di giornata sono i 50 farfalla uomini, con il dominio del bronzo di mondiale Andrii Govorov, primo senza affanni in 23’’17. A spessore internazionale solo Konrad Czerniak può infastidirlo, ma il polacco non sembra al meglio ed è dentro solo con l’ottavo crono in 23’’76. Per l’Italia out Carini in batteria, fuori anche Andrea Vergani, che trova la semi chiusa al 14° posto in 24’’20.

Chiudono le ragazze della 4×100 stile: il Canada con Katerine Savard in apertura vince in 3’39’’21, due decimi meno della Russia e poco meno di un secondo più veloce degli USA. L’Italia con Aglaia Pezzato, Paola Biagioli, Rachele Ceracchi e capitan Laura Letrari chiude settimana in 3’42’’71.

Oggi la seconda giornata con le finali a partire dalle 13.02 italiane!!

(foto copertina: Federnuoto.it)

Share and Enjoy !

Shares