Giorno uno subito ricco di protagonisti, con tanti giovani ma anche parecchie stelle già discretamente affermate. Una di queste è senza dubbio l’ucraino Mykhailo Romanchuk, che dopo l’argento mondiale e il testa a testa con Paltrinieri va a prendersi gloria in solitaria con la cavalcata vincente dei 400 stile, vinti in 3’45’’96, nuovo record delle Universiadi.

Per i colori azzurri restano fuori dalla finale sia Filippo Megli undicesimo che Fabio Lombini tredicesimo, ma una stretta al cuore mi arriva quando leggo il nome di Andrea Mitchell D’Arrigo chiudere in ultima posizione la finale (nuotando quasi dieci secondi in più della qualifica dove aveva chiuso quarto in 3’49’’84!), non tanto per la prestazione ma per la bandierina USA a fianco del suo nome!

Faccio un salto in avanti per andare a vedere invece quanto di bello c’è stato per l’Italia. I sogni di medaglia di questa prima giornata erano affidati ai velocisti della 4×100 stile maschile e i ragazzoni della next generation non hanno steccato. Solo gli Stati Uniti sono più forti di Lorenzo Zazzeri, Ivano Vendrame, Alex Di Giorgio e Alessandro Miressi che strappano l’argento in 3’15’’24.

Tornando indietro troviamo la buona finale conquistata da Elena Di Liddo nei 50 farfalla. La pugliese, vista in ottima forma all’Energy for Swim, trova un piazzamento tra le migliori otto con 26’’74, mentre l’altra azzurra in semi, Aglaia Pezzato, rinuncia a scendere in acqua in vista della finale della 4×100 stile.

Altra semi è quella dei 100 dorso uomini, priva di azzurri in acqua, tutti eliminati in mattinata con Matteo Milli 17° e Matteo Restivo 22° entrambi appena sotto al 56’’. Il primo tempo d’accesso lo ottiene l’americano Justin Ress con 53’’34 mentre tra i big spicca la qualifica di Kosuke Hagino, quinto al momento con 54’’57.

Tocca alla finale dei 400 misti donne, dove Carlotta Toni lotta ma chiude in ottava posizione con 4’47’’35 dopo il buon 4’43’’91 della mattina. Stravince la giapponese Yui Ohashi con il nuovo record Universitario di 4’34’’40.

Si torna alle semifinali con i ragazzi dei 100 rana. Un campione olimpico al via, è il kazako Dmitriy Balandin che si prende il primo posto parziale in 1’00’’27 di due decimi più veloce dell’australiano Wilson. Poca Italia, con Andrea Toniato ultimo e fuori in 1’01’’92, mentre Federico Poggio è rimasto il primo degli esclusi dopo le batterie con 1’01’’83.

Tokyo 2020 | Live report Batterie 29 luglio 2021

Sesta giornata di batterie dei Giochi della XXXII Olimpiade estiva.

Il programma e gli azzurri  in gara:

800 sl F QuadarellaCaramignoli
100 fa M BurdissoCondorelli
200 do F Panziera
4×100 mx MIX Italia

#takeyoumarks #swimlovers

800 STILE LIBERO DONNE

Ore 12.00: si parte con la prima delle 4 batterie, le due azzurre saranno nell’ultima serie.

Ore 12.10: la prima serie è vinta da Eve Thomas (Nuova Zelanda) in 8’32”51.Ore 12:20: Summer McIntosh scappa via fin da subito e chiude in 8’25”04.

Ore 12: 32: Anastasiia Kirpichnikova spezza l’equilibrio beffando in 8’18”77 la Titmus che chiude in 8’18”99. Terzo crono per la Melverthon in 8’20”45 con la Wang che chiude in 8’20”58.

Ore 12:43: Ledecky scappa e poi tiene vincendo in 8’15”67! Dietro Grimes in 8’17”05, poi Simona Quaderella con 8’17”32 un centesimo davanti alla Kohler! FInale per l’azzurra!

FINALE: Ledecky, Grimes, QUADARELLA, Kohler, Kirpichnikova, Titmus, Melverton, Wang.


100 FARFALLA UOMINI

Ore 12:44: Prima serie a Salvador Gordo dell’Angola in 55”96.

Ore 12:47: il ghanese Abeku Jackson tocca davanti a tutti in 53”39.

Ore 12:50: terza serie che va al norvegese Tomoe Hvas in 52”22.

Ore 12: 53: la spunta l’argentino Santiago Grassi in 52”07.Ore 12:56: si scende sotto i 52” con Korstanje primo in 51”54. Crolla il campione olimpico in carica Schooling ottavo sopra i 53”!

Ore 12:59: Arrivano gli azzurri! Davanti a tutti però Josif Miladinov in 51”28 davanti a Martinez e Temple. Burdisso quinto in 51”82 davanti a Le Clos, Conderelli ottavo con 52”32.

Ore 13:01: Milak! Controlla il passaggio il magiaro e poi esplode nella seconda vasca: 50”62 davanti a Noe Ponti in 51”24.

Ore 13:03: Caleb Dressel! Che gara dell’americano che passa in controllo e poi eguaglia il Record Olimpico in 50”39 di Schooling! Majerski secondo in 50”97, Minakov 51”00.

Resta fuori Federico Burdisso, diciassettesimo.

SEMIFINALI: Dressel, Milak, Majerski, Minakov, Ponti, Miladinov, Martinez, Temple,Liendo, Metella, Korstanje, Mizunuma, Shields, Ramadan, Szabo, Sun.


200 DORSO DONNE

Ore 13:08: Prima serie alla norvegese Ingerborg Loeyning in 2’11”68.

Ore 13:11: La statunitense White inizia a far sul serio! 2’08”23 davanti alla connazionale Bacon in 2’08”30. Liu terza in 2’08”36.

Ore 13:14: Peng davanti a tutte in 2’09”03. Poi Seebohm sette centesimi dietro, Grabowski in 2’09”77 e Margherita Panziera quarta e in apparente difficoltà in 2’10”26.

Ore 13:19: McKeown in controllo spinge solo l’ultimo 50 chiudendo in 2’08”18 cinque centesimi meglio della Masse. Terza l’altra canadese Ruck in 2’08”87.

SEMIFINALE: McKeown, White, Masse, Bacon, Liu, Ruck, Xuwei, Seebohm, Burian, Grabowski, Salcutan, PANZIERA, Bernat, Zamorano Sainz, Barzelay, Van Rouwendaal


4×100 MISTI MISTA

Ore 13:24: Nella solita confusione che caratterizza questa specialità, vince la Gran Bretagna con nuovo record Europeo di 3’38”75 con Dawson in 58”50, Peaty 57”08, Guy 50”58 e Anderson 52”59.

Ore 13:30: Cina su tutti in 3’42”29 davanti a Australia con 3’42”35 e Italia in 3’42”65! Italia in finale con il quinto tempo grazie a Sabbioni in 53”96, Martinenghi 58”38, Di Liddo 57”29, Pellegrini 53”02.

FINALE: Gran Bretagna, Usa, Cina, Australia, ITALIA, Olanda, Comitato Olimpico Russo, Israele

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Tokyo 2020 | Live report Finali 29 luglio 2021

Quinta sessione di finali dei Giochi della XXXII Olimpiade estiva.

Il programma di questa lunga notte mette in palio quattro titoli individuali si parte con gli 800 stile libero uomini, per proseguire con i 200 rana maschili, i 200 farfalla donne e si chiude con i 100 stile libero maschili.

La staffetta di giornata è la 4×200 stile libero femminile.

A completare la sessione le semifinali dei 100 stile e 200 rana donne, oltre ai 200 dorso e 200 misti uomini.

#takeyoumarks #swimlovers

800 STILE LIBERO UOMINI

Gregorio Paltrinieri MOSTRUOSO! Dalla corsia 8 parte forte, nel tentativo di sorprendere i rivali, e fa gara di testa con ampio margine fino ai 600 metri. Poi rientrano a centro vasca sia Wellbrock che Romanchuk, dotati di un finale più veloce dell’italiano, e la gara sembra definitivamente indirizzata verso loro. Ma Greg ha un cuore enorme ed una determinazione senza precedenti, e non molla un centimetro, accelerando anche negli ultimi metri e resistendo al rientro dei rivali. Da dietro si fa sotto l’americano Robert Finke, che a sorpresa imbecca l’arrivo giusto e vince la medaglia d’oro. Paltrinieri batte sia Romanchuk che Wellbrock ed è bellissimo argento.

PODIO: Finke (7.41.84), PALTRINIERI (7.42.11), Romanchuk (7.42.33) 


200 RANA UOMINI

Arno Kamminga prova a far saltare il banco e passa in 1.00.09, sfruttando le sue doti veloci, ma l’australiano Stabblety-Cook rientra, portandosi dietro anche il finlandese Mattson. Negli ultimi metri è proprio l’australiano ad avere la meglio, con un tempo vicino al world record; Kamminga felicissimo alla medaglia di argento. A Chupkov non riesce il solito rientro e si deve accontentare del quarto posto. 

PODIO: Stabblety-Cook (2.06.38), Kamminga (2.07.01), Mattsson (2.07.13)


100 STILE LIBERO DONNE – SEMIFINALI

Velocissima la prima semi, in 4 sotto il 53: vince Siobhan Haughey in 52.40, poi Cate Campbell in 52.71, Oleksiak in 52.86 e Heemskerk in 52.93. 

Risponde subito Emma McKeon, che fa il primo tempo in 52.32; si qualificano anche Sjostroem, 52.82, Weitzel, 52.99, e Hopkin, 53.11.

FINALE: McKeon, Haughey, Campbell, Sjoestroem, Oleksiak, Heemskerk, Weitzel, Hopkin


200 DORSO UOMINI – SEMIFINALI

Rylov continua la sua cavalcata verso l’oro e nuota un apparentemente facile 1.54.45. Seguono Telegdy, Kawecki e Irie

Luke Greenbank vince la seconda semi in, passano anche Murphy, Garcia Saiz e Mefford.

FINALE: Rylov, Greenbank, Murphy, Telegdy, Garcia Saiz, Mefford, Kawecki, Irie


200 FARFALLA DONNE 

Zhang Yufei domina in lungo e in largo e vince loro forse più annunciato dei Giochi, facendo anche un tempone, record olimpico, 2.03.86. L’argento va a Regan Smith, che brucia nel finale Hali Flickinger.

PODIO: Zhang (2.03.86), Smith (2.05.30), Flickinger (2.05.65)


100 STILE LIBERO UOMINI

Caeleb Dressel fa la solita partenza fulminea e passa in 22.39, davanti a tutti nettamente. Non basta a Kyle Chalmers un rientro in 24.37 per agguantare l’oro, che per 6 centesimi va all’americano, autore anche del record olimpico. Bronzo per un deluso Kolesnikov, solo sesto Alessandro Miressi, che in finale peggiora e nuota 47.86.

PODIO: Dressel (47.02), Chalmers (47.08), Kolesnikov (47.44)


200 RANA DONNE – SEMIFINALI

Corbett, King e Renshaw arrivano a braccetto, tutte intorno al 2.22, lasciando aperta la porta per la qualificazione.

Schoenmaker è un martello, 2.19.33 con un arrivo corto e primo posto netto: è lei la favorita. Francesca Fangio è ultima per distacco, in 2.27.56.

FINALE: Schoenmaker, Chikunva, Lazor, Corbett, King, Wood, Renshaw, Lecluyse


200 MISTI UOMINI – SEMIFINALI

Laszlo Cseh ci regala un’ultima emozione, scappando via nei primi 100 come ai bei tempo. Nella seconda parte rientra Scott, che vince la semi in 1.56.69, davanti a Seto e Desplanches. Quarto Cseh, quinto Razzetti, 1.57.70, che recupera dopo un dorso deficitario, una virata a dorso lunga ed un arrivo imperfetto.

 Michael Andrew fa una gara a parte fino alla rana e sembra mollare a stile, tanto che il cinese Wang lo passa e vince in 1.56.22. Razzetti è nono, lascia il posto in finale a Laszlo Cseh.

FINALE: Wang, Scott, Seto, Andrew, Desplanches, Hagino, Clareburt, Cseh 


4×200 STILE LIBERO DONNE

Gara pazzesca, in tre squadre sotto il vecchio world record! Partenza non eccezionale di Ariarne Titmus (1.54.51) e Australia che va in crisi nera, non riuscendo più a reagire. La Cina non si fa scapare l’occasione e, con una prova solidissima, vince l’oro. L’Australia riesce anche a farsi battere dagli USA, con una Katie Ledecky di nuovo determinante in 1.53.76.

PODIO: China (7.40.33), USA (7.40.73), Australia (7.41.29)

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Tokyo 2020 | Live report Batterie 28 luglio 2021

Quinta giornata di batterie dei Giochi della XXXII Olimpiade estiva.

Il programma e gli azzurri  in gara:

100 sl F Pellegrini
200 do M Restivo
200 ra F FangioCarraro
200 mx M Razzetti
4×200 F Italia

#takeyoumarks #swimlovers

100 STILE LIBERO DONNE

ore 12:00: Via al day 5! Nella prima delle sette serie la spunta la nigeriana Abiola Ogunbanwo in 59”74

12:04: Davanti a tutte la macedone Mia Blazhevska Eminova in 57”19!

12:07: Kalia Antoniou scende a 55”38 e guida la classifica provvisoria.

12:10: Si scende sotto i 55 secondi! Fanny Teijonsalo vince in 54”69. Male la Shkurdai, quinta in 55”17.12:12: In acqua le big! C’è la Sjostrom con 52”91, cinque centesimi meglio della Blume! Heemskerk in 53”10

12:15: Fuochi e fiamme! Emma McKeon porta il Record Olimpico a 52”13! Mamma mia! Haughey seconda con il nuovo record asiatico di 52”70. Sotto i 53 anche la Hopkin in 52”75.

12:17: Cate Campbell a 52”80, Oleksiak dietro in 52”95. Corsia vuota alla 7, rinuncia Federica Pellegrini.

SEMIFINALI: McKeon, Haughey, Hopkin, Campbell, Sjoestrom, Oleksiak, Blume, Junxuan, Heemskerk, Sanchez, Weitzel, Coleman,Bro, Anderson, Bonnet


200 DORSO UOMINI

12:21: Subito Taraschevic in 1’56”82

12:26: Luke Greenback! Il britannico alza l’asticella nuotando in 1’54”63. Poi il coreano Lee in 1’56”77 e Kawecki con 1’56”83

12:30: Murphy in 1’56”92. Serie più lenta con Mityukov secondo in 1’57”45 e Xu a 1’57”76. Matteo Restivo quinto in 1’58”36

12:34: Rylov! 1’56”02 davanti all’americano Mefford con 1’56”37. Poi Sunama e Hollard. Nulla da fare per Matteo Restivo che non entra tra i migliori 16.

SEMIFINALI: Greenback, Rylov, Mefford, Lee, Tarasevich, Kawecki, Murphy, Irie, Sunama, Hollard, Mityukov, Williams, Garcia Sainz, Telegdy, Xu, Thormeyer


200 RANA DONNE

12:39: Prima serie al via che va alla ceca Kristyna Horska in 2’25”03 cinque centesimi meglio di Mona Mc Sharry.

12:43: Corbett davanti a tutte in 2’22”48! Seconda la Renshaw in 2’22”99. Sesta Francesca Fangio in 2’23”89 davanti alla Woo.

12:45: Di rabbia Lilly King! 2’22”10 davanti alla connazionale Lazor con 2’22”76.

12: 51: SCHOENMAKER!Pazzesca la sudafricana, che sfiora il WR in 2’19”16 a soli 5 centesimi. Nuovo Record Olimpico! Seconda la Chikunova in 2’22”16. Ottava Martina Carraro con 2’26”17 mai in gara. Fangio dentro con il tredicesimo tempo, out Carraro.

SEMIFINALI: Shoenmaker, King, Chikunova, Corbett, Lazor, Renshaw, Temnikova, Yu, Strauch, Vall Montero, Lecluyse, Hansson, FANGIO, Mamie, Wood, Wog


200 MISTI UOMINI

12: 57: Primo tempo per Bernhard Christianson da Panama con 2’02”70

13:02: Vinicius Lanza davanti in 1’58”92 davanti a Knipping in 1’59”44, pari merito con Cohen.

13: 06: Sorprende il norvegese Hvas dalla 7 in 1’57”64!

13:10: Mitch Larkin! Rimonta e primo posto in 1’57”50, un centesimo meglio dell’eterno Laszlo Cseh! Il magiaro c’è!

13:14: Kalisz tocca in 1’57”38 solo quattro centesimi meglio di Wang e otto del nostro Alberto Razzetti che rimonta nelle ultime due frazioni avvicinando il suo record italiano.

13:18: Andrew stampa un buon 1’56”40 e vola in semifinale. Secondo Desplanches in 1’56”89, Scott solo quinto in 1’57”39.

SEMIFINALI: Andrew, Desplanches, Clareburt, Kalisz, Hagino, Scott, Wang, Razzetti, Larkin, Cseh, Gonzalez, Hvas, Heintz, Zhilkin, Sates, Seto


4X200 STILE LIBERO DONNE

13:23: States in 7’47”57 sulla Cina, seconda in 7’48”98, poi Germania e Francia. Sud Africa al record africano in 8’01”56

13:33: Australia in controllo, assapora il WR in finale. Primo tempo in 7’44”61, poi Canada in 7’51”52. Male le azzurre, squalificate per cambio anticipato ma mai in gara

FINALE: Australia, Usa, Cina, Canada, Comitato Olimpico Russo, Germania, Francia, Ungheria

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Tokyo 2020 | Live report Finali 28 luglio 2021

Quarta sessione di finali dei Giochi della XXXII Olimpiade estiva.

Il programma di questa notte mette in palio quattro titoli individuali si parte con i 200 stile libero donne, per proseguire con i 200 farfalla maschili, i 200 misti donne e si chiude con i 1500 stile libero femminili.

La staffetta di giornata è la 4×200 stile libero maschile.

A completare la sessione le semifinali dei 100 stile e 200 rana uomini, oltre ai 200 farfalla donne.

#takeyoumarks #swimlovers

Ore 3.20: buongiorno #swimlovers sarà un’alba di emozioni!

100 STILE LIBERO UOMINI – SEMIFINALI

Solita partenza al fulmicotone di Dressel, che stavolta non cede nel finale e vince in 47.23. Alessandro Miressi gli è vicino, in 47.52, poi i giovani Sunwoo Hwang (47.56) e Daniel Popovici (47.72).

Spaventa tutti Kolesnikov con un 100 magistrale in 47.11, lenti tutti gli altri da Chalmers (47.80) a Nemeth (47.81). Controprestazine di Thomas Ceccon, fuori dalla finale con 48.05.

FINALE: Kolesnikov, Dressel, MIRESSI, Hwang, Popovici, Chalmers, Nemeth, Grousset


200 STILE LIBERO DONNE – FINALE

Ariarne Titmus fa una gara “alla Pellegrini”, lasciando spazio nella prima parte a Siobhan Haughey e recuperando nell’ultimo 50 fino alla vittoria con record olimpico, 1.53.50. Argento Haughey e bronzo Oleksiak, fuori dal podio Katie Ledecky. Settima Federica Pellegrini, che scende a 1.55.91 e saluta i 200 ai Giochi Olimpici con un’ultima prova d’orgoglio.

PODIO: Titmus (1.53.50), Haughey (1.53.92), Oleksiak (1.54.70)


200 FARFALLA UOMINI – FINALE

Fa gara solitaria, Kristof Milak, che voleva fortemente il world record ma chiude in 1.51.25, “solo” record olimpico. Dietro di lui, ottima progressione di Tomoru Honda, che scende fino a 1.53.73 e stupendo bronzo di Federico Burdisso, che precede Kenderesi di 7 centesimi e si mette al collo la medaglia olimpica.

PODIO: Milak (1.51.25), Honda (1.53.73), Burdisso (1.54.45) 


200 FARFALLA DONNE – SEMIFINALE

Nessun problema per Hali Flickinger e Regan Smith (2.06.23, 2.06.64) che vanno a braccetto in finale. Due secondi dietro Chimrova e Thomas.

Zhang Yufei è nettamente la più forte e chiude la pratica in 2.04.89, seconda Kapas in 2.06.59.

FINALE: Zhang, Flickinger, Kapas, Smith, Yu, Throssel, Chimrova, Thomas


200 RANA UOMINI – SEMIFINALI

Arno Kamminga vince la prima semi in 2.07.99, un centesimo meglio di Nik Fink e 27 meglio di Ryuya Mura.

Il leader 2021 Stabblety-Cook fa il miglior tempo, 2.07.35, mentre scherza col fuoco Anton Chupkpv, che parte tardi con laprogressione e rischia l’ingresso in finale. Alla fine è quarto in 2.08.54

FINALE: Stabblety-Cook, Wilby Kamminga, Fink, Mattson, Mura, Chupkov, Persson 


200 MISTI DONNE – FINALE

Stupenda finale di Yui Ohashi, che fa doppietta con i 400 vincendo anche i 200. Seconda dopo la rana, la giapponese resiste allo strappo della Walsh e chiude in 2.08.52, 13 centesimi meglio dell’americana. Podio per Kate Douglass, settima Katinka Hosszu.

PODIO: Ohashi (2.08.52), Walsh (2.08.65), Douglass (2.09.04)


1500 STILE DONNE – FINALE

I primi 1500 della storia olimpica vengono vinti dalla più forte di sempre, Katie Ledecky. Nonostante non sia in forma, l’americana si mette al collo l’oro olimpico in 15.37.34, seguita dalla sorprendente compagna di squadra Erica Sullivan, che scende a 15.41.41. Bronzo alla tedesca Kohler, deluse sia Wang, quinta, che Simona Quadarella, che incappa in una prova sottotono e chiude lontanissima, a 15.53.97.

PODIO: Ledecky (15.37.34), Sullivan (15.41.41), Kohler (15.42.91)


4×200 STILE LIBERO UOMINI – FINALE

Come da pronostico, Gran Bretagna imprendibile vince con un tempo vicino al record del mondo e una frazione spettacolare di Duncan Scott (1.43.45). Dietro, Russia e Australia completano il podio, sbattendo fuori dalle medaglie, gli USA per la prima volta nella storia. Per l’Italia, quinto posto d’orgoglio: Ballo 1.45.77, Ciampi 1.45.88, Megli 1.45.33, Di Cola 1.46.26.

PODIO: GBR (6.58.58); RUS (7.01.81), AUS (7.01.84)

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Tokyo 2020 | Live report Batterie 27 luglio 2021

Quarta giornata di batterie dei Giochi della XXXII Olimpiade estiva.

Il programma e gli azzurri  in gara:

100 sl M MiressiCeccon
200 fa F
200 ra M
4×200 sl M Italia
800 sl M PaltrinieriDetti

#takeyoumarks #swimlovers

100 STILE LIBERO UOMINI

Ore 12.00: si parte con le nove batterie della gara regina. Gli azzurri Ceccon e Miressi saranno entrambi nell’ultima serie.

Ore 12.07: prime 3 serie ancora sopra i 50″. Antipasto per i migliori.

Ore 12.09: i primi sotto i 50″ in quarta serie con Ho (HKG) 49.49 e Barseghyan (ARM) 49.78. Molti sorrisi in acqua in queste prime batterie.

Ore 12.10: quinta serie, ai blocchi il campione in carica dei 100 delfino 2016, Schooling. Vince Miljenic con 49.25.Ore 12.13: la quiete prima della tempesta, ultima batteria pre teste di serie. Vince il giovane britannico di 17 anni Whittle 48.44.

Ore 12.14: Hwang, Kolesnikov, Apple al via. Kolesnikov vuole ripartire dopo il 100 dorso: partenza forte, tiene in 47.89. Secondo Hwang 47.97, Apple terzo 48.16. Si va forte ma semi decisamente a portata dei nostri.

Ore 12.19: scende in acqua il campione in carica Chalmers con a fianco Minakov, classe 2002. Gran progressione dell’australiano, vince in 47.77, il russo 48″ netto. Semi potrebbe essere poco sotto i 48″5.

Ore 12.21: Ultima serie clamorosa, sono tutti qui. McEvoy, Dressel, Popovici e naturalmente gli azzurri. Dressel 22.89, subito dietro i nostri. Incredibile 47″71 Ceccon davanti a tutti, secondo Dressel a 2 centesimi, terzo Miressi 47.83, Popovici 48.03.

Incredibile. Semfinale con primo e quarto crono per gli azzurri, 48.44 ultimo tempo utile.

SEMIFINALE: Ceccon, Dressel, Chalmers, Miressi, Kolesnikov, Hwang, Minakov, Popovici, Nemeth, Kisil, Apple, Grousset, Barna, Liendo Edwards, Mityukov, Whittle.


200 FARFALLA DONNE

Ore 12.26: 16 partenti a seguito della rinuncia di Katinka Hosszu. Si nuota solo per evitare la squalifica.

Ore 12.28: prima batteria vinta dalla cinese Yu in 2.08.36.

Ore 12.30: Flickinger si prende il comando provvisorio in 2.08.31.

Ore 12.34: Zhang riporta la Cina in vetta alla classifica 2.07.50.

SEMIFINALE: Zhang, Flickinger, Yu, Smith, Kapas, Chimrova, Stephens, Thomas, Throssell, Bach, Hentke, Tacyildiz, Hasegawa, Monteiro, Rule, Avila Mancia.


200 RANA UOMINI

Ore 12.40: il panamense Christianson si aggiudica la prima delle cinque batterie in 2.13.41 (nessun azzurro in gara).

Ore 12.44: Petrashov dal Kirghizistan prende il comando in 2.10.07.

Ore 12.48: il finlandese Mattsson chiude in 2.08.44 davanti al giapponese Sato 2.09.43, seguono Viquerat 2.09.70 e i due inglesi Wilby e Murdoch. Settimo Koch in 2.10.18. 

Ore 12.54: 2.07.37 stesso crono per Kamminga e l’australiano Stubblety-Cook che rimonta nell’ultima vasca. 2.09 netti per il giapponese Mura, a 21 centesimi Prigoda.

Ore 12.59: l’americano Fink chiude in 2.08.48, a 6 centesimi Chupkov che “passeggia” per 150 metri.

SEMIFINALE: Kamminga, Stubblety-Cook, Mattsson, Fink, Chupkov, Persson, Balandin, Mura, Prigoda, Wilson, Sato, Viquerat, Sidlauskas, Epitropov, Wilby, Murdoch.


4×200 STILE LIBERO UOMINI

Ore 13.12: Nella prima batteria duellano Italia e Russia, azzurri che mettono la mano davanti in 7.05.05 lasciando a 11 centesimi i russi, terza la Svizzera. Apre Stefano Di Cola in 1.47.00, Matteo Ciampi 1.45.64, Marco De Tullio 1.46.78, chiude Filippo Megli in 1.45.63. 

Ore 13.20: seconda batteria più veloce con la Gran Bretagna che si candida con margine alla vittoria con 7.03.25 (e senza schierare Scott), Australia in 7.05 netti e USA con 7.05.62.

FINALE: Gran Bretagna, Australia, Italia, Russia, USA, Svizzera, Germania, Brasile.


800 STILE LIBERO UOMINI

Ore 13.22: si parte con la prima di 5 batterie, Detti e Paltrinieri saranno nell’ultima serie.

Ore 13.30: cavalcata solitaria per lo svedese Johansson che segna il primo record olimpico della distanza in 7.49.14.

Ore 13.39: il neozelandese Reid chiude in 7.53.06 davanti al vietnamita Nguyen 7.54.16 e all’ungherese Kalmar (7.55.85). Svedese che mantiene il primato.

Ore 13.50: l’irlandese Wiffen si aggiudica la terza batteria in 7.51.65, seguono a 42 centesimi il venezuelano Mestre e a 1.11 l’egiziano Aly Elkamash. Resiste il crono svedese.

Ore 13.59: Batteria interessante con lo scontro diretto WellbrockRomanchuk, si inserisce nei giochi l’americano Finke e insegue il campione olimpico dei 200 il tunisino Hafnaoui che si stacca dai 650 metri. Mette la mano davanti l’ucraino in 7.41.28 – nuovo record olimpico – per 49 centesimi sul tedesco, 7.42.72 per Finke. Debacle confermata per il danese Christiansen argento mondiale che chiude quinto con 7.49.14.

Ore 14.09: il brasiliano Costa fa la gara fino ai 400, quando si mette al comando l’austriaco Auboeck, inseguono Paltrinieri, McLoughlin, Detti. Al 700 risale anche il russo Egorov e si invola l’austriaco che chiude al comando in 7.45.73. Secondo Costa 7.46.09, terzo McLoughlin 7.46.94. Gregorio Paltrinieri è quarto in 7.47.73 che accede in finale con l’ultimo tempo utile, fuori Gabriele Detti in 7.49.47.

FINALE: Wellbrock, Romanchuck, Finke, Auboeck, Costa, McLoughlin, Frolov, Paltrinieri

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Tokyo 2020 | Live report Finali 27 luglio 2021

Terza sessione di finali dei Giochi della XXXII Olimpiade estiva.

Il programma di questa notte mette in palio quattro titoli individuali si parte con i 200 stile libero uomini, per proseguire con i 100 dorso prima femminili e poi maschili, si chiude con i 100 rana femminili.

A completare la sessione le semifinali dei 200 stile e 200 misti donne, oltre ai 200 farfalla uomini.

#takeyoumarks #swimlovers

200 STILE LIBERO DONNE – SEMIFINALE

Parte forte Siobhan Haughey (55.62) ma nel finale subisce il rientro di Ariarne Titmus, che chiude con un ottimo 1.54.82. Haughey seconda, 1.55.16, Yang 1.55.98. Fugge via Katie Ledecky che non vuole rischiare e va a vincere in 1.55.34.

Dietro sono tutte abbastanza lente, e lo sprint viene vinto da Barbora Seemanova (1.56.14), davanti proprio a Federica Pellegrini (1.56.44).

La storia è scritta: quinta finale olimpica nei 200 stile libero!

FINALE: Titmus, Haughey, Ledecky, Yang, Seemanova, Oleksiak, PELLEGRINI, Wilson


200 STIE LIBERO UOMINI – FINALE

Sunwoo Hwang spaventa tutti con un passaggio incredibile (49.78), forse esagerato, che lo lascia senza forze nell’ultima vasca. Risalgono gli inglesi, che si involano ad una storica doppietta. Tom Dean precede Duncan Scott ed un sorprendente Fernando Scheffer, che si prende il bronzo. Quarto Popovici, solo settimo Hwang.

PODIO: Dean (1.44.22), Scott (1.44.26), Scheffer (1.44.66)


100 DORSO DONNE – FINALE

La sfida stellare tra le tre campionesse si apre con una partenza perfetta di Kylie Masse, che al passaggio è nettamente in testa (27.91). Nella seconda vasca rientrano le avversarie ed è Kaylee McKewon ad averne di più: arriva l’oro, il record olimpico ma non il record del mondo, che sfugge per 2 centesimi. Vittoria netta per l’australiana, argento alla canadese e bronzo ad una delusa Regan Smith.

PODIO: McKeown (57.47), Masse (57.72), Smith (58.05)


100 DORSO UOMINI – FINALE

Una gara stellare che parte come da pronostico con un passaggio veloce di Kolesnikov (24.90), che sembra dominare la gara fino agli ultimi metri. Lo sprint, però, premia il rientro di Evgeny Rylov, che si aggiudica un oro che era americano da Atlanta 1996. Solo secondo Kolesnikov, che fallisce l’occasione, e terzo il campione uscente Ryan Murphy. Quarto un incredibile Thomas Ceccon, che va al record italiano in 52.30.

PODIO: Rylov (51.98), Kolesnikov (52.00), Murphy (52.19)


100 RANA DONNE – FINALE

King e Schoenmaker si scornano da subito, ma l’americana non sembra essere in palla come al solito, la sua nuotata è legnosa, e la sudafricana la passa involandosi verso la vittoria, che le viene negata dall’altra americana, Lydia Jacoby, unica a scendere sotto l’1’05”. Schoenmaker si accontenta dell’argento, solo bronzo per Lilly King. Settima Martina Carraro, 1.06.19.

PODIO: Jacoby (1.04.95), Schoenmaker (1.05.22), King (1.05.54)


200 FARFALLA UOMINI – SEMIFINALE

Prova di orgoglio di Chad LeClos che si invola in una gara suicida, passando in 52.69. La vasca si fa sempre più in salita, ma il sudafricano riesce a toccare comunque primo in 1.55.06, davanti a Kenderesi (1.55.17). Settimo Giacomo Carini, 1.55.95.

Federico Burdisso resta nella scia di Kristof MIlak per 100 metri, poi l’ungherese va via e vince con agilità, in 1.55.22. Burdisso subisce la fatica della seconda parte di gara e chiude in terza posizione, 1.55.11. Quarto tempo per la finale.

FINALE: Milak, DeDeus, LeClos, BURDISSO, Kenderesi, Bentz, Chimielewski, Honda 


200 MISTI DONNE – SEMIFINALE

Alex Walsh si conferma nome nuovo della distanza e vince la prima semi in 2.09.57 con una prova solida. Seconda Yu, 2.09.72, terza Ohashi, 2.09.79. Male Katinka Hosszu, 2.10.22, sesta Sara Franceschi, 2.11.71.

La coreana Kim è la più aggressiva al passaggio ma forse esagera, e lascia spazio nel secondo 100 al centro vasca. Vince Kate Douglass, 2.09.21, su Abbie Wood, 2.09.56. Ottava Ilaria Cusinato, 2.12.10.

FINALE: Douglass, Wood, Walsh, Yu, Ohashi, Pickrem, Hosszu, 

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Notizie migliori arrivano dai 200 dorso donne, dove Margherita Panziera spalleggia con le migliori ed entra in finale con il terzo tempo. 2’10’’50 è un buon crono, ma per la medaglia servirà almeno quanto nuotato a Budapest (2’09’’43) perché la concorrenza è alta.

L’ultima semifinale di giornata sono i 50 farfalla uomini, con il dominio del bronzo di mondiale Andrii Govorov, primo senza affanni in 23’’17. A spessore internazionale solo Konrad Czerniak può infastidirlo, ma il polacco non sembra al meglio ed è dentro solo con l’ottavo crono in 23’’76. Per l’Italia out Carini in batteria, fuori anche Andrea Vergani, che trova la semi chiusa al 14° posto in 24’’20.

Chiudono le ragazze della 4×100 stile: il Canada con Katerine Savard in apertura vince in 3’39’’21, due decimi meno della Russia e poco meno di un secondo più veloce degli USA. L’Italia con Aglaia Pezzato, Paola Biagioli, Rachele Ceracchi e capitan Laura Letrari chiude settimana in 3’42’’71.

Oggi la seconda giornata con le finali a partire dalle 13.02 italiane!!

(foto copertina: Federnuoto.it)

Share and Enjoy !

Shares