Doha si porta via la seconda parte della “Swimming World Cup 2016”, che rivedremo a fine mese, consacrando ancora una volta i vincitori del primo cluster, ovvero Hosszú e Morozov.

L’ungherese e il russo si aggiudicano anche questo secondo cluster, intascando il remunerativo bonus di 50.000 dollari, e se per la magiara era dato per scontato, Morozov deve sgomitare tappa dopo tappa per assicurarsi questo corposo assegno.

Intanto negli ultimi due appuntamenti di Doha e Dubai si registra il record di Nazioni rappresentate, rispettivamente 35 e 34, segue la tappa di apertura di Parigi con 28 Paesi, quindi Berlino (28) e a chiudere Pechino e Mosca entrambe a quota 22. Vedremo se l’ultimo cluster dell’estremo oriente riuscirà a tenere il passo!

A Doha, il russo non è apparso nella forma migliore: nonostante questo ha vinto 50-100 stile, 100 misti e 100 rana facendo registrare però i peggior crono personali di tutta la sua Coppa del Mondo (esclusa la gara regina dove si è presentato con un buon 45’’77).

A questa serie di successi è mancato questa volta il podio nei 50 rana, e anche la miglior prestazione in termini di punteggio che ha premiato a sorpresa Daiya Seto. Il giapponese è riuscito nell’impresa di spezzare la striscia di successi di Chad Le Clos nella farfalla, vincendo i 200 con meno di un decimo di margine sul rivale. Con 1’49’’84 si aggiudica anche il miglior punteggio maschile e i conseguenti 24 punti di bonus.

Un Le Clos che però non si scoraggia, e in questa ultima tappa qatariota riesce anche a conquistare più punti di Morozov: infatti, persi i 200 farfalla, fa suoi come sempre 50 e 100 in 22’’36 e 50’’23, ma soprattutto i 200 stile, vinti in 1’42’’84 davanti a James Guy.

La lotta al maschile per la classifica generale è tutta tra questi due: Morozov guida con 436 punti davanti al sudafricano che è a quota 386. Difficile fare previsioni, perché se il russo sembra favorito occhio a Le Clos, che gareggiando con costanza anche nello stile (come fatto a Doha dove ha chiuso anche terzo nei 50 e secondo nei 100) potrebbe impensierire il rivale per la vittoria finale.

Fatti di nuoto Weekly: Tutto cambia, anche Michael Andrew e le dati dei Mondiali!

Welcome back to Fatti di nuoto Weekly, la rubrica grazie alla quale potete appurare che, nonostante vi sembri impossibile, anche a gennaio accadono cose che hanno a che fare col mondo del nuoto e che vale la pena sapere. Tipo?La classifica della coppa brema Mi è...

Corsia Master, Regionali Emilia Romagna 2022: 6 e 13 febbraio a Riccione

Tra mille difficoltà e restrizioni che cambiano di giorno in giorno il Comitato Regionale Emilia Romagna mantiene il suo impegno nella prosecuzione dell'attività Master con l'organizzazione dei Campionati Regionali. La manifestazione si disputerà a Riccione in due...

Acque gelide ed eco-nuotate per l’ambiente, da Mandello al Naviglio

"Lo sport ha sempre un potenziale di attrazione e curiosità, fa notizia, ed è bello scendere in campo - in questo caso in acqua - per una causa in cui crediamo". Queste sono le parole di Enzo Favoino atleta di nuoto in acque gelide, attivista e ricercatore ambientale...

Fatti di nuoto Weekly: C’è chi cambia squadra, chi il lavoro e chi purtroppo lo perde

Bentornati su Fattidinuoto Weekly, che dopo qualche numero speciale di approfondimento (su temi che riaffronteremo nelle prossime edizioni) torna nella versione originale, quella delle news sul mondo del nuoto e dintorni. Pronti?Nuotomercato USA In un periodo avaro di...

Corsia Master, tutto pronto per il 25° Forum Master Sprint

Il 2022 del movimento Master laziale riparte dal 25° Trofeo Forum sprint in programma il 16 gennaio presso la piscina coperta del Circolo Forum Roma Sport Center. Nonostante i tanti eventi annullati a causa del perdurare della pandemia, il trofeo organizzato dalla...

Corsia4 Awards: i nostri premi al 2021 del nuoto

​Il 2022 è appena iniziato ed ha mandato definitivamente in archivio un anno solare che, sportivamente parlando, è stato ricco di emozioni e di grandi avvenimenti, alcuni dei quali francamente indimenticabili. Nelle ultime settimane dell’anno, la tradizione vuole che...

Road to… gli appuntamenti da non perdere in questo 2022

​Buoni propositi per il nuovo anno? Non perdersene una! Di cosa? Delle tante e più gare che il programma del nuoto mondiale è pronto a sfornare (speriamo) in questo 2022 che ci proporrà tra le altre cose, l’accoppiata Mondiale ed Europeo (a Roma!) Nemmeno il tempo...

Fatti di nuoto Weekly: Lia Thomas e gli atleti transgender

Ve lo avevo anticipato e mantengo la promessa: oggi vorrei provare a parlare di Lia Thomas e del caso atleti transgender. Disclaimer: non troverete qui nessuna opinione personale. Sono un maschio, bianco ed etero, nella vita non ho conosciuto discriminazioni e mi...

Caeleb Dressel, il fenomeno che non ti aspetti

Domenica 1 agosto, Caeleb Dressel ha attraversato per l’ultima volta la zona mista del Tokyo Aquatics Centre insieme ai compagni di squadra con i quali ha vinto la gara conclusiva delle Olimpiadi in piscina, la staffetta 4x100 mista. Intorno a lui, che ha nuotato la...

Un Anno di Fatti di nuoto Weekly

La rubrica che state leggendo è nata un anno fa. Durante le vacanze di Natale del 2020 abbiamo pensato che sarebbe stato interessante ed utile avere un luogo nel quale parlare di tutte quelle notizie del mondo del nuoto e dintorni che non riuscivamo ad approfondire...

Nessun pericolo per Katinka Hosszú. Impossibile dato l’enorme vantaggio che l’Iron Lady si era costruita fin qui, ma anche perché tappa dopo tappa si dimostra un autentica macchina da guerra.

Altri nove successi, distribuiti rispettivamente tra 200-400-800 stile, 50 e 100 dorso, 200 farfalla (in comunione con la Groves), 100-200-400 misti!

(Foto: K. Hosszú | Facebook)

In questo secondo cluster porta a casa un ben 25 successi, portando il totale stagionale a 46 e quello in carriera a 192 vittorie di Coppa del Mondo, con il traguardo dei 200 trionfi ormai ad un passo.

Per Katinka e il suo marito-allenatore Shane Tosup conta solo gareggiare e vincere, oltre che per vedere crescere il conto in banca anche per mantenere costante il livello d’allenamento.

Difficile quindi vedere crono clamorosi da parte della Hosszú.

I tempi da applausi arrivano dalle altre. Tagliate fuori da ogni sogno di vittoria generale, Atkinson, Ottesen e Kaneto viaggiano su crono di assoluto livello. Sono proprio loro tre a far registrare i miglior punteggi FINA della tappa di Doha, con la giamaicana che infrange il muro dei 29’’ nei 50 rana vincendo in 28’’98, confermandosi la miglior ranista di Coppa (prima anche nei 100 in 1’03’’18).

Rimanendo nella rana Rie Kaneto si migliora ancora rispetto a Pechino stampando il nuovo primato giapponese e asiatico nei 200 rana con 2’15’’76. Avvicinato ulteriormente il record di Coppa di 2’15’’42 della Jones.

Infine Jeanette Ottesen. La danese trova l’ennesimo poker (50-100 stile, 50-100 farfalla) salendo a 23 successi stagionali e confermandosi la prima delle umane. Ottimo poi il crono nuotato nei 100 stile, 51’’58, che è il miglior tempo nuotato nell’intera Swimming Cup a soli quattro decimi dal primato di Coppa della Halsall.

Per la cronaca la classifica generale vede Katinka Hosszú in testa con 783, seguita dalla Ottesen a 306 e dalla Atkinson a 289.

I due leader di Coppa intascano così anche altri 50.000 mila dollari, schizzando via nelle classifiche di incassi. Come i miglior film al botteghino sono dei colossal irraggiungibili, ma anche gli onesti film con basse spese di produzione (come i vari Hurley, Meili, Jakabos, Heintz che non hanno la stoffa del super campione) dimostrano ottima qualità e portano a casa qualche migliaia di dollari minimo a tappa, pagandosi le trasferte senza problemi e perché no risparmiando anche qualcosa.

La World Cup va in letargo qualche giorno, ma tornerà il 21 e 22 ottobre direttamente da Singapore, passando per Tokyo (25 e 26) e chiudendo il suo cammino a Hong Kong (29 e 30).

(Foto copertina: QatarSwimming-OfficialPage | Facebook)

Tutte le info della SWC2016... clicca QUI

QUI tutti i risultati della tappa di Doha: CLICCA QUI

CLASSIFICA A PUNTI: CLICCA QUI

WC2016 – Day 1 Dubai: CLICCA QUI

WC2016 – Day 1 Pechino: CLICCA QUI

WC2016 – Day 2 Pechino: CLICCA QUI

WC2016 – Day 1 Parigi: CLICCA QUI

WC2016 – Day 2 Parigi: CLICCA QUI

WC2016 – Day 1 Berlino: CLICCA QUI

WC2016 – Day 2 Berlino: CLICCA QUI

WC2016 – Day 1 Mosca: CLICCA QUI

WC2016 – Day 2 Mosca: CLICCA QUI

Share and Enjoy !

Shares