Ci sono volute otto tappe ma adesso possiamo dirlo… si è “svegliata” la Swimming World Cup 2016!!!

Sarà che siamo a circa un mese dai Mondiali oppure l’aria giapponese, ma a Tokyo oltre ai soliti successi dell’Iron Lady Katinka Hosszú e la quasi definitiva conquista della Coppa da parte di Morozov, fioccano primati mondiali e prestazioni da sottolineare.

Faccio un po’ di “nonnismo” partendo dallo splendido record mondiale di Alia Atkinson. Sono servite 14 finali (tra 50 e 100) alla giamaicana per intascarsi quel meritatissimo assegno da 10.000 dollari valido per chi cancella il primato mondiale. Già perché la campionessa mondiale in carica in vasca corta dei 100 rana ha provato fin da Parigi ha ritoccare il WR sia nei 50 che nei 100, andandoci tante e troppe volte vicina se non pari.

A Tokyo, dopo aver fatto le prove nei 100 il primo giorno, è riuscita finalmente nella gara perfetta il giorno dopo, nuotando i 50 in 28’’64, sedici centesimi meglio di quanto fatto nel 2009 dalla “gommata” Jessica Hardy. Merito di una seconda vasca perfetta, condita dalle sue solite lunghissime subacquee. Una Atkinson che, a dir la verità, era andata finora più vicina al record dei 100, eguagliandolo a Parigi e sfiorandolo a Singapore. Con la pancia e il portafogli pieno, ci aspettiamo di tutto ad Hong Kong.

E ora spazio ai giovani. Menzione d’onore per Rikako Ikee, protagonista assoluta di casa con ben tre, e dico tre, WRJ!!!! La giapponesina classe 2000, già primatista mondiale di vasca lunga dei 50 stile, si è presa in sequenza 50 farfalla con 25’’73 che spazza via il precedente di Elizaveta Permiakova di 26’’05 del 2015, 100 farfalla con 56’’42, migliorando il limite FINA di 56’’64 e infine 100 misti grazie al tempo di 58’’24 (contro il 58’’36 del tempo standard), pure record continentale.

Tre primati che confermano il valore di questa giovane atleta, venuta alla ribalta proprio la scorsa Coppa del Mondo e dalla quale ci aspetta molto: già Rio è stato un banco di prova importante, dove ha comunque centrato la finale dei 100 farfalla, con la sola sfortuna di aver davanti un “mostro” come la coetanea Penny Olkesiak. Il futuro è di queste due ragazze!

Nel presente però sono ancora Ottesen, Worrell e Hosszú a comandare, ovvero le vincitrici delle rispettive gare in cui la nipponica ha stampato il mondiale.

E poi c’è Kyle Chalmers! Parlare di giovane è quanto mai giusto per la sua età, ma non si può dir inesperto di un campione olimpico. La scheggia australiana abbassa ancora il suo WJR nei 100 stile, scalfendo le certezze di Morozov che per la prima volta è battuto. 46’’12 è meglio del 46’’61 nuotato a Singapore, con questo muro che cadrà a breve per il giovane canguro.

Se sui 100 conferma quanto di buono fatto vedere, anche i 200 sembrano nelle sue corde, e se il più delle volte lo si era visto cimentarsi bene sui 50, sarà forse questa l’altra gara in cui lo vedremo protagonista in futuro? Le caratteristiche fisiche e tecniche per essere un buon duecentista ci sono… il tempo ce lo dirà!

Fatti di nuoto Weekly: Elogio primaverile a Summer McIntosh

La primavera è una stagione straordinaria, forse la più bella. Più dell’inverno, che sa essere romantico ma anche rigido; più dell’autunno, che con i suoi colori è affascinante ma malinconico; più dell’estate, eccitante ma insopportabile nei suoi eccessi. Oggi, in...

60° Sette Colli | A Roma si comopleta la squadra Olimpica per Parigi 2024

Ci saranno tanti azzurri al via per il 60° Trofeo Sette Colli - Internazionali di nuoto, che si disputerà allo Stadio del Nuoto del Foro Italico di Roma, da venerdì 21 a domenica 23 giugno. Oltre ai prestigiosi titoli della manifestazione, in palio anche gli ultimi...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Canadesi

In Canada sono tutti pronti! Dopo un’intensa settimana di Trials, il team della foglia d’acero ha tirato fuori i suoi alfieri che voleranno a Parigi a caccia di medaglie. Saranno in 29 a difendere i colori canadesi in quel dei Giochi, e le ambizioni sono tutt’altro...

EA Open Water Cup 2024 | Oro Acerenza, argento Taddeucci a Piombino

Riparte da Piombino la EA Open Water Cup 2024, il circuito europeo di cinque tappe che vede in acqua tutti i migliori interpreti del nuoto di fondo continentale, bellissimo antipasto dell’estate Olimpica.  Con il sole splendente, ma un’acqua ancora abbastanza...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 farfalla

I 200 farfalla, una delle gare più dure del programma natatorio in vasca, hanno una storia olimpica abbastanza recente: i maschi si sfidano sulla distanza da Melbourne 1956 (per un totale di 17 campioni), mentre le donne da Città del Messico 1968 (14 campionesse).Il...

EA Open Water Cup 2024 | Prima tappa a Piombino nel segno della ricerca

La nuova stagione della LEN Open Water Cup 2024 è alle porte, sabato 18 maggio ci sarà l'apertura del cirucito con la tappa di Piombino . Tanti gli azzurri in gara in questa tappa italiana che vede oltre 140 partenti, si gareggerà con temperatura dell'acqua intorno ai...

Fatti di nuoto Weekly: semplici problemi, semplici soluzioni

Con i Trials brasiliani alle spalle e quelli canadesi in corso (#hype McIntosh), Fatti di nuoto Weekly torna nelle vostre bacheche per tessere un filo che parte da Lia Thomas, passa da Ahmed Hafnaoui, Kristóf Milák e Michael Phelps per concludersi con Nicolò...

Raduni nazionali: velocisti a Ostia, Mezzofondisti e mististi al CPO di Livigno

Continuano i raduni per gli atleti di interesse nazionale in avvicinamento al Sette Colli: un gruppo di velocisti parteciperà a tre giorni di monitoraggio presso il Centro Federale di Ostia, mentre il Centro di Preparazione Olimpica di Livigno opsiterà una selezione...

Pilato e Miressi protagonisti al Gran Prix Città di Napoli

Napoli, piscina Scandone! Il settimo Gran Prix Città di Napoli – Trofeo Vecchio Amaro del Capo è stato protagonista nel fine settimana, con tanti big azzurri scesi in acqua per continuare l’avvicinamento al Sette Colli prima e ai Giochi poi.Pilato & Miressi Due...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Brasiliani

Da Brasilia direzione Parigi! È tempo Trials Brasiliani, vediamo subito cosa è venuto fuori dai Campionati Nazionali carioca! Al via manca qualche atleta, quelli coinvolti nell’alluvione che ha colpito la zona del Rio Grande du Sol, mentre una parte di team olimpico è...

Finita la giostra di primati mondiali, segnaliamo il record asiatico nei 100 rana femminili di Miho Teramura (1’04’’05) e spendiamo due parole sui futuri vincitori di World Cup.

Katinka Hosszú era già certa di vincere dopo il primo cluster, e qui trova la connazionale Kapás a rovinarle l’ennesimo 9 in pagella. Sono otto infatti i successi della magiara (100-200-400 misti, 50-100-200 dorso, 200 stile e 200 farfalla) cedendo solo alla Kapás nei 400 stile, vinti dalla più giovane ungherese con il miglior crono stagionale di coppa di 3’59’’15.
Per Katinka oro numero 216 individuale, 218 totale e 63 solo quest’anno. Sette successi ad Hong Kong per volare a 70 stagionali!!!

In campo maschile Morozov chiude i conti: perde i 100 stile da Chalmers, salta i 50 rana ma torna ai fasti europei nei 100 misti, vinti in 50’’55. In più, 20’’73 nei 50 stile in faccia al campione olimpico Ervin, partendo dalla laterale. Morozov ed Ervin, due nomi che pungolano il nostro Marco Orsi, che ha dichiarato al nostro Salottino di puntare sui 100 misti in chiave Mondiale e di voler batter l’americano al meeting di Bolzano (lo ascolterete al più presto su Corsia 4).

Romanchuk non ripete lo show di Singapore, ma fa meglio nei 400 stile scendendo sotto il muro del 3’40’’. Sale a quota quattro vittorie in carriera in Coppa, mettendo nel lontanissimo mirino il numero uno di sempre nazionale Oleg Lisogor. Un futuro di quel livello non è poi così impensabile per questo ragazzo che ha forse la sfortuna di trovarsi Greg e Detti come peggior rivali.

La Swimming World Cup torna nel week end, sabato 29 e domenica 30 direttamente da Hong Kong, ultima tappa dell’edizione 2016.

Come sempre tutte le gare saranno visibili su Canale Acqua (65 del digitale terrestre) alle 21.30, e per l’ultima giornata anche Corsia 4 sarà presente in studio con Cristina Chiuso ed Enrico Spada!!!

(Foto copertina: FINA.org)

Tutte le info della SWC2016... clicca QUI

QUI tutti i risultati della tappa di Tokyo: CLICCA QUI

WC2016 – Singapore: Day 1 e 2

WC2016 – Doha: Day 1 e 2

WC2016 – Dubai: Day 1 e Day 2

WC2016 – Pechino: Day 1 e Day 2

WC2016 – Parigi: Day 1 Day 2

WC2016 – Berlino: Day 1 Day 2

WC2016 – Mosca: Day 1 e Day 2